in

Con le chat di Palamara cade il velo delle toghe politicizzate

Dimensioni testo

 

La magistratura ci ha sempre raccontato che gli scontri con la politica erano un’esigenza difensiva: tutelare l’autonomia e l’indipendenza delle toghe dagli attacchi portati soprattutto da Silvio Berlusconi.

Ma dalle chat dell’inchiesta su Luca Palamara emerge uno spaccato molto diverso. L’ex capo dell’Anm spiega che dopo la sua nomina, propiziata dall’accordo tra la corrente centrista e quella di sinistra del sindacato dei giudici, “era chiaro che dovevo andare contro Berlusconi“.

E nelle conversazioni su Matteo Salvini viene fuori di peggio. I magistrati dicono di sapere che l’ex ministro aveva ragione sul blocco delle navi di migranti, ma Palamara li rimette in riga: “Dobbiamo attaccarlo lo stesso”.

A quale storia dobbiamo credere? A quella delle toghe che reagiscono alle ingerenze della politica, o a quella dei magistrati che usano la giustizia per fare politica?

Ne abbiamo parlato ieri sera a Quarta Repubblica.