in

Contrordine compagni, dopo 50 anni la sinistra celebra Guareschi

00:00 Don Camillo e Peppone, in tv vanno sempre bene
00:45 Toh, dopo 50 anni la sinistra celebra Guareschi
01:25 L’anticomunismo “non cattivo” di Giovannino e la querela di De Gasperi
03:00 “Giovannino nei lager”, un libro da leggere
04:00 Come lo definirono Togliatti e l’Unità…

Contrordine compagni: che Giovannino Guareschi sia celebrato. Il governatore della Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, esponente di spicco del Partito democratico, ha onorato la memoria di Guareschi con un breve ma intenso discorso a Busseto.

Anche la sinistra, con il consueto ritardo di mezzo secolo, pare si sia accorta che Giovannino Guareschi fu un grande scrittore, umorista, vignettista, soldato. Fu anche uomo tutto d’un pezzo. Pronto a: finire in un lager militare pur di non collaborare con i nazisti; esprimere un anticomunismo popolare e comunque addolcito dal cristianesimo; pagare un conto salato per le sue idee eretiche nel mondo della cultura italiana; fare efficacissima propaganda per la Democrazia cristiana in occasione delle decisive elezioni del 1948; entrare in carcere, punizione unica e durissima, per aver diffamato il democristiano Alcide De Gasperi.

I suoi libri sono tradotti in tutto il mondo. I film di Don Camillo e Peppone sono replicati in continuazione e ogni volta fanno ascolti. Mostrano un’Italia divisa ma più gentile di oggi. Il comunista Peppone ha torto e Don Camillo ha ragione. Ma Don Camillo conosce la misericordia di Dio e Peppone, in fondo, sa riconoscere i propri eccessi. Guareschi è il simbolo della provincia italiana (quindi dell’Italia intera). Nelle storie del suo Mondo piccolo, tutti possono riconoscersi. Chi è nato nella Bassa, oltre a sé stesso, può riconoscere anche la bravura di Guareschi nel descrivere il fiume, la nebbia, i pioppi.

In libreria, c’è la strenna perfetta: Giovannino nei lager (Rizzoli, pagg. 460, euro 35). All’interno ci sono la straziante Favola di Natale scritta in prigionia pensando ai figli Alberto e Carlotta; il diario clandestino del lager; e gli scritti del ritorno «alla base». Il tutto corredato da splendidi disegni di Giovannino, spesso accompagnati dalle didascalie scritte dai figli. È una lettura fondamentale per capire quanta forza, orgoglio e dignità ci fosse negli italiani come Giovannino. Era gente che faceva sempre il proprio dovere, anche sbagliando. Le pagine di Guareschi fanno impallidire le carrettate di romanzi neorealisti, neo-comunisti, neo-filosovietici firmati da ex camicie nere passate alla camicia rossa. Fa piacere che Guareschi sia finalmente patrimonio di tutti gli italiani e non di una sola parte. Però sarebbe ingiusto dimenticare che Palmiro Togliatti definì Guareschi «tre volte cretino» e che l’Unità, nel coccodrillo di Giovannino, scrisse del «melanconico tramonto dello scrittore che non era mai nato».

Alessandro Gnocchi, Il Giornale 17 novembre 2018

  • 829
    Shares

2 Commenti

Scrivi un commento
  1. Don Camillo amava Peppone e i suoi comunisti : li considerava malgrado tutto brave persone che al momento giusto avrebbero saputo fare la cosa giusta, anche contro le direttive del Partito.
    Avercene, di Comunisti come Peppone !

  2. Signor Gnocchi lei ha la capacitá di farmi sentire che il buon senso e il sentimento del buon giudzio é ancora vivo in Italia. Io ho certamente 40 anni piu d lei e vissi ‘epoca dell’Uomo Qualunque e quando igli antecessori dell’odierno progressismo usavano l’aggettivo qualunquista come il peggior insulto che si potesse fare, quasi come chiamar a uno fascista. Non mi perdevo le vignette del giornale e ancora debb riconoscere che che la denominazione di trinericiuto ancora si puo applicare a una vasta gamma di di politici podini o grillini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *