in

Conversazioni da spiaggia sul Covid

Dimensioni testo

“Ma baaasta mi sono rotto le paaaalllle di sentir parlare a vanvera del coronavirus”, non riuscirò mai a rendere l’inflessione di un pugliese vissuto negli Usa e trapiantato da anni tra Cagliari e Torino, peccato perché l’inflessione e la mimica facciale sono un elemento importante del comunicare di Piero Abbruzzese: 70 anni scarsi, medico chirurgo laureato a Pisa e specializzato in Cardiochirurgia negli Stati Uniti negli anni ‘80, per poi tornare in Italia arrivando ad occupare il ruolo di primario in cardiochirurgia pediatrica al Regina Margherita di Torino. Nella sua vita professionale 7 mila operazioni al cuore di bambini, tanti neonati. Per restare in clima marino possiamo dire che Piero ha permesso di vivere e diventare adulta ad una città grande come Anacapri.

Dal momento della pensione, sei anni fa, il suo impegno si è moltiplicato, nell’ospedale costruito con le sue forze in Somalia e nella difesa dei bambini con la sua associazione Movimento per i Bambini. Grazie a queste credenziali la Regione Piemonte, dopo averglielo proposto, gli ha rifiutato il ruolo di garante dell’infanzia, perché… non ha una laurea umanistica!!! Ma tant’è da anni siamo amici e come ogni anno a luglio cominciano le nostre conversazioni in ammollo, con la differenza che quest’anno abbiamo il Covid a monopolizzare le prime giornate di abluzione. Durante il lockdown a Cagliari Piero ha lavorato come volontario con il 118 in prima linea contro un’infezione che ha conosciuto molto bene. Se parli con gli altri amici ti dicono sottovoce “guarda che Piero è un negazionista” ma io sono curioso e quello che mi ha raccontato vale la pena di essere scritto, per l’autorevolezza di Piero, per la semplicità delle risposte e per la critica, neanche velata, a quello che abbiamo vissuto in questi mesi.

Cos’è il COVID-19?

“È una malattia virale di media gravità che diventa estremamente pericolosa in un gruppo specifico di persone: i vecchi con patologie associate gravi. La malattia è quasi innocua nei bambini e nei giovani adulti.”

Cosa ha sbagliato l’Oms?

“L’Oms e le Agenzie nazionali e internazionali hanno sbagliato l’approccio iniziale, spingendo i Governi ad una politica di segregazione, che, utile nelle fasi iniziali, è stata esagerato con direttive confuse e contraddittorie. Sono partiti dalla negazione iniziale delle mascherine, per approdare ad indicazioni igienico-sanitarie sconsiderate (i guanti, la sanificazione di tutti gli ambienti etc.). Pulizia e disinfezione delle mani sarebbero state sufficienti. Per non parlare dell’uso delle mascherine contemporaneamente al distanziamento sociale, indicazione bislacca visto che le due cose sono alternative: se sei distanziato la mascherina e del tutto inutile. Anche non conoscendo la malattia, l’Oms avrebbe dovuto suggerire dei trattamenti ispirati alla logica invece di esasperare gli animi con proibizioni basate su controindicazioni rivelatesi poi sbagliate (clorochina, cortisone etc.). “

Chi ha parlato in questi mesi è veramente autorevole?

“No siamo stati affidati a personaggi che di medico avevano ben poco e sicuramente erano molto scarsi ad esperienza clinica e buon senso, e grazie a loro è stata fatta una grande confusione. Se ci fosse stata meno presunzione e l’accettazione di una assoluta ignoranza sulla malattia, avremmo evitato fatue battaglie televisive fra sostenitori di una tesi o l’altra. Questa confusione ha scatenato un clima di terrore che ha portato ad eccessi deleteri come il trasferimento dei vecchi malati nelle Rsa.”

Nella tua vita professionale ti sei trovato in situazioni simili?

“All’inizio dell’Aids ho operato pazienti in condizioni ospedaliere pessime solo raddoppiando i guanti chirurgici. Mia moglie e tanti amici medici sono stati in Africa e in Sudamerica con Ebola e Colera assistendo pazienti moribondi semplicemente con Dps adeguati. È incredibile e non giustificabile che per il coronavirus ci sia stata una carenza di mascherina e di altri Dps che utilizziamo quotidianamente il sala operatoria. Diciamolo chiaramente molte delle morti dei medici e infermieri sono state causate da queste carenze. E sia chiaro queste non sono morti da coronavirus, ma da burocrazia inefficiente.”

Sei un negazionista?

“Assolutamente no. Semplicemente sono una persona che ha a cuore la vita di tutti, ma specialmente quella dei bambini e dei giovani. Sono un medico e il mio lavoro è salvare vite, ma questo non mi impedisce di dire che spendere una quantità enorme di risorse, per definizione scarse, per cercare di salvare la vita ai novantenni, sia stato un errore. Ho settant’anni e sono vecchio anch’io e di fronte alla scelta se salvare la mia vita o quella dei miei figli, scelgo senza dubbio la loro. Proteggere i vecchi è giusto, ma senza esagerare e mai deve essere fatto a scapito dei giovani.”

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
36 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Robi
Robi
23 Luglio 2020 22:13

Nessuno può e deve stabilire priorità su chi dover salvare. Solo chi toglie la vita volontariamente ad altra persona ( omicidio ) dovrebbe essere soppresso.

Sal
Sal
22 Luglio 2020 11:20

Cancellate questo post! E’ una vergogna!!

Marina
Marina
21 Luglio 2020 15:28

Qual’è l’età massima per poter accedere al SSN per potersi sottoporre a trapianti, chemio, o terapia del dolore?
Diciamo 70?
Abbandoniamo il lavoro a 67, 3 anni di pensione e poi morte fornita dallo stato, senza falsa retorica.
Si risanano i conti pubblici, l’INPS ringrazia.
Abbattiamo tutti i nonni d’Italia, largo ai giovani.
Ho scoperto che la quarantena ha fatto più danni del covid.
Oppure è il caldo. Oppure questo paese è degno di essere cancellato insieme a tutta la sua gente.

lister
lister
20 Luglio 2020 13:26

Riuscire a dire che si devono sacrificare i vecchi per favorire i giovani, è abnorme!
Una teoria che ricorda un po’ i metodi che quel tal Mengele utilizzava per difendere la razza ariana…

Giuseppe
Giuseppe
20 Luglio 2020 8:59

Questo è un medico da cui mi farei curare. Oltre alle competenze ci vogliono anche sensibilità umana, buon senso e onestà intellettuale.
Ed è onestà intellettuale quella di una persona anziana che ammette che per allungare un po’ la vita di alcuni anziani, si sta bruciando il futuro di una generazione di giovani.

Sal
Sal
20 Luglio 2020 8:12

Bastaaaaaaa! Con questi vecchiiiii!

ALLUCINATE!

Roberta
Roberta
19 Luglio 2020 19:58

Grazie a De Filippi per averci fatto conoscere con il suo articolo un Uomo speciale. ( Articolo interessante e scritto molto bene)

Tiziana
Tiziana
19 Luglio 2020 19:35

Grazie!!! Finalmente un pensiero per i bambini e i giovani che hanno patito questo periodo di isolamento più degli adulti e a cui bisogna dare una speranza per il futuro. Purtroppo è vero di figli oramai se ne fanno troppo pochi!!!