Commenti all'articolo Coronavirus, quei 3 errori di Conte

Torna all'articolo
Avatar
guest
29 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Fabrizio
Fabrizio
17 Aprile 2020 13:22

RIPRENDIAMOCI L’ITALIA E LA DEMOCRAZIA ADESSO, DOPO SARA’ TROPPO TARDI!
DOBBIAMO IMPEDIRE CHE CI PORTINO VIA LA LIBERTA’ E DECIDANO TUTTO AL POSTRO NOSTRO.

in qualità di esperto di telecomunicazioni CREDO CHE POCHISSIMI SIANO AL CORRENTE DI QUELLO CHE “TECNOLOGICAMENTE PARLANDO” è gia sopra la nostra testa come una spada di Damocle.

LA NOSTRA CONDIZIONE DI CITTADINI LIBERI DIPENDE SOLO DA NOI! NON ABBIAMO ALTERNATIVE!
https://www.change.org/fermiamo_conte

Sal
Sal
16 Aprile 2020 14:51

Capezzone, dall’alto della sua competenza di grande virologo ed epidemiologo ci comunica quali sono stati i 3 grandi errori di Conte.

albert
albert
16 Aprile 2020 12:49

Siamo in un paese mi auguro democratico , ma attenzione all’uomo solo al comando e all’esercito di Fake News che dalla Casaleggio e Compani , Rai e Giornaloni di regime , che ci inondano di informaizoni molto discutibili al solo scopo di illuderci che siamo in Buone Mani e coprire tutta una serie di incompetenze di debolezze e autorevolezza per reagire. Auguro a tutti Noi di uscire da questa situazione sicuramente con le NOSTRE SOLE FORZE perchè saremo comunque soli , i vari annunci DI SOSTEGNO ECONOMICI saranno solo dei palliativi E NELLA MAGGIOR PARTE DEI CASI DI SOLA PUBBLICITA’ DI REGIME , dobbiamo rimboccarci le maniche e lavorare per aiutarci , possiamo solo affidarci ai Bravi Medici ed Infermieri per quello che possono fare.

Ricciardi massimiliano
Ricciardi massimiliano
16 Aprile 2020 12:10

Gli errori di Conte nell.emergenza sanitaria sono gli stessi attribuiti a Sanchez, Macron, jhonson e Trump. Sottovalutazione del rischio e impreparazione alla crisi con l.alibi che l.Italia è stata colpita per prima. Il disastro totale però è nell.emergenza economica. Dopo un mese e mezzo non si è visto un euro per nessuno e non c.è un piano per riaprire. Siamo entrati in crisi per primi e ne usciamo per ultimi