in

Così è nata la discriminazione dei non vaccinati - Seconda parte

Dimensioni testo

Come si è arrivati a ciò? Come uscirne? Quale società ci aspetta? Le ragioni di questa caratteristica espressiva (noi/loro) propria ed esclusiva di questa pandemia affondano nella gestione incontrollata ed insufficiente della comunicazione del rischio messa in campo dalle autorità pubbliche e sanitarie. Dopo l’11 settembre del 2001, il Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta negli Usa ha elaborato il modello Crisis and Emergency Risk Communication vincolato alla dimensione spazio e tempo del qui e ora come conseguenza dei possibili pericoli di contaminazione da antrace. Nell’ultima edizione del manuale, che prende il medesimo nome del centro, in copertina si legge: Be first. Be right. Be credible (Sii il primo. Sii corretto. Sii credibile) che sono i principi fondamentali per una corretta strategia di comunicazione del rischio. Tutti sono stati completamente disattesi nell’attuale crisi infodemica che stiamo vivendo. Un esempio per tutti l’avvio della campagna vaccinale con il disastro comunicativo riferito ad alcuni tipi di vaccini che altro non ha fatto che gettare caos e confusione nella popolazione.

La pandemia si combatte certamente con i vaccini, ma prima e dopo è ancor più utile saper gestire le relazioni comunicative che evitano la diffusione di tutti i tipi di virus, non solo quelli sanitari, ma anche quelli ideologici e culturali che non sanno confrontarsi con la realtà delle relazioni sociali, e quindi generano sempre nuove pandemie. Le persone hanno bisogno di relazioni come dell’aria e del pane e devono essere seguite per imparare a distinguere le loro differenti qualità in rapporto ai poteri causali che le condizionano.

Come ne usciremo? Quando la crisi ci avrà abbandonato saremo capaci di condividere un identico “principio di umanità”? Non lo sappiamo. Il rischio terribile è che le tensioni tra le persone esplodano. È per questo che accanto al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza andrebbe pensato anche un grande Piano Nazionale di Educazione e Solidarietà volto alla costruzione di un nuovo patto generazionale fondato su valori culturali condivisi dove l’ascolto e il dialogo prevalgano sulla contrapposizione tra il Noi ed il Loro. Ai posteri l’ardua sentenza!

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
116 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Annalisa
Annalisa
26 Agosto 2021 14:35

Bene. Tutto condivisibile.
Poi sotto trovo “la variante analfa-beta” di F.Battaglia, dove l’autore, rispondendo alle critiche recapitategli dopo la sua allucinante proposta di far pagare le cure mediche ai non vaccinati, li denigra dando loro dei poveri ignoranti.
Si potrebbe integrare l’articolo inserendo il Sig. Battaglia nel Noi, quale faro di cultura e onniscenza, e nel Loro i poveri ignoranti affezionati alla evidence base medicine e pertanto avvezzi a farsi domande

francesco
francesco
25 Agosto 2021 15:25

ARTICOLO 3 della nostra costituzione è una chiara violazione i il principio di uguaglianza non esiste più da nessuna parte grazie alla schifezza europea che se ne frega delle leggi costituzionali degli stati membri

Nella
Nella
25 Agosto 2021 10:02

L’umanità fa parte di ognuno di noi;o c’è o non c’è.

Se qualcuno te ne deve convincere siamo tornati al Medioevo…

NON ESISTE!!!

Silvia
Silvia
23 Agosto 2021 22:17

Nessuno mai che pensa che ci sono rischi peggiori del Covid con i vaccini? Nessuno mai mette in dubbio il martellamento mediatico (tutti i media, anche i più improbabili, che dicono la stessa cosa)?
Chiedetevi se è come vengono registrati gli effetti collaterali, che conseguenze ci sono già adesso e a quali andremo in contro. Farsi domande può solo fare bene. È darsi troppe risposte che è pericoloso.

Giuseppe
Giuseppe
23 Agosto 2021 19:13

Educare il popolo all’ubbidienza. E ‘ il fine di ogni azione politica. Sotto mentite spoglie chi scrive da una mano per raggiungerlo. Il rischio è che possono ottenere l’effetto contrario. Il noi/loro è il motore della società. La epidemia sarà la goccia che farà traboccare il vaso e travolgera’ tutto. Con la medicina non si scherza. Un augurio,intanto,lo voglio fare prima a chi scrive. La smetta di ripetere come un pappagallo che il vaccino è l’arma per avere ragione del coronavirus. Grazie

Davide V8
Davide V8
23 Agosto 2021 18:13

“Un esempio per tutti l’avvio della campagna vaccinale con il disastro comunicativo riferito ad alcuni tipi di vaccini che altro non ha fatto che gettare caos e confusione nella popolazione.”

Vi servono i disegnini anche su questo, eccoli:
https://www.youtube.com/watch?v=09maaUaRT4M
MASS PSYCHOSIS – How an Entire Population Becomes MENTALLY ILL

Il caos, le opinioni sempre diverse, le marce indietro sono *voluti*: è una strategia comunicativa, perfettamente implementata, appunto per aumentare ulteriormente la paura e la confusione nella popolazione.

Davide V8
Davide V8
23 Agosto 2021 17:59

>”Piano Nazionale di Educazione e Solidarietà”

Un altro bel piano quinquennale, rieducativo.
Ma andate a quel paese, amanti del regime nelle sue varie forme: siete peggio di Speranza.

Quanto fatto dopo l’11 settembre è appunto la prima base del delirio dittatoriale attuale: vi togliamo la libertà, c’è il nemico cattivo, è per il vostro bene!

Il peggio sono sempre i “moderati” sostenitori del regime: vergognatevi.

E’ proprio vero: l’accademia è irrimediabilmente degenerata.

Happy Future
Happy Future
23 Agosto 2021 17:21

Non ho capito cosa propone di Meglio al Noi/Loro, Lucio! Noi vaccinati non siamo una minaccia per nessuno; loro non vaccinati sono una minaccia per loro stessi! Questo confermato dal fatto che i non-vaccinati sono poi quelli che stanno finendo in ospedale!