in

Covid, quanto avremmo risparmiato con le cure precoci

Dimensioni testo

: - :

di Paolo Becchi e Nicola Trevisan

L’istituto Mario Negri nel suo ultimo studio (vedi qui), tramite un algoritmo valuta l’abbattimento dei costi della sanità pubblica in seguito all’utilizzo delle cure precoci adottabili per contrastare la malattia Covid-19. Lo studio ha valutato i risultati in 108 pazienti consenzienti con i primi sintomi da Covid-19, completamente gestiti a casa dai loro medici di famiglia nel periodo gennaio 2021/maggio 2021 e in altri 108 pazienti di età, sesso, e pazienti abbinati a comorbidità a cui sono stati dati altri programmi terapeutici.

I risultati dello studio

Solamente 1 paziente (0,9%) nella coorte “raccomandata” e 12 (11,1%) nella coorte “controllo” sono stati ricoverati in ospedale. L’algoritmo proposto ha ridotto, dell’85%, la durata cumulativa delle degenze ospedaliere (da 141 a 19 giorni) e dei relativi costi (da € 60,316 a € 9,058). Solo 9,8 pazienti dovevano essere trattati con l’algoritmo raccomandato per prevenire un evento di ospedalizzazione. Il tasso di risoluzione dei sintomi principali era numericamente, ma non significativamente, più alto nella coorte “raccomandata” rispetto alla coorte “controllo” (97,2% contro 93,5%).

Con questo studio si dimostra come le cure domiciliari precoci avrebbero potuto salvare vite umane e ridotti i costi a carico della collettività. Invece le cose sono andate diversamente.

I giorni di ricovero degli ospedalizzati Covid-19

Dalle analisi dell’Iss (link alla fonte) la tabella al punto 7 indica i tempi media di insorgenza dal ricovero al decesso sono 8 giorni, mentre sono 12 i giorni dal ricovero al decesso per chi accede alla terapia intensiva. Un’analisi dell’Asr Toscana (fonte) valuta una media di 11 giorni di permanenza nei reparti non critici, mentre considerando anche le terapie intensive arriviamo a 17 giorni.

Dove sono avvenuti i decessi per la Covid-19?

L’Iss non fornisce una panoramica puntuale su quanti deceduti ci sono stati nei reparti, nelle terapie intensive, nelle Rsa o a casa. La regione Veneto per rispondere a questo quesito, aveva fatto una valutazione su un campione di 3000 persone circa decedute fra febbraio e novembre 2020. (fonte)

La distribuzione era così composta:

  • 56% deceduti nei reparti;
  • 14.2% deceduti in terapia intensiva;
  • gli altri si distribuivano fra Rsa e decessi avvenuti nella propria abitazione;

In Italia ad oggi ci sono stati 131.000 morti per la Covid-19, se consideriamo i dati della regione Veneto come riferimento nazionale significa che:

  • circa 73000 sono i morti avvenuti nei reparti ospedalieri non critici;
  • circa 18000 sono i morti avvenuti nelle terapie intensive;

Ripetiamo: sono stime partendo da un campione di una regione italiana, ma pensiamo che non si discostino dalla realtà nazionale.

Quali sono i costi giornalieri nei reparti per i ricoverati Covid-19?

Il Corriere in suo recente articolo (fonte) riporta valori di 709,72 euro/giorno per reparti ordinari non critici, mentre per la terapia intensiva il costo sale a 1.680,59 euro/giorno. Il calcolo è complicato, specie per le terapie intensive, come scrive il quotidiano sanità in questo articolo: il costo per la degenza di un malato Covid-19 può variare dai 9mila ai 22mila euro (fonte).

I costi sostenuti dalla sanità nazionale

Il totale dei positivi in Italia da febbraio 2020 ad oggi è di circa 4.7 milioni. Di queste persone, le statistiche indicano come la percentuale di richieste di ricovero in ospedale siano 3.9% (fonte portale Agenas) e di queste il 12.6% ha avuto accesso in terapia intensiva. Sottolineiamo una cosa che non dovremmo scordare mai da questi dati: significa che il 96% guarisce “da solo” a casa!

Tornando al calcolo circa 180mila persone hanno richiesto cure mediche in ospedale per guarire dalla Covid-19 (il 3.9% dei 4.7milioni), e di questi circa 22500 hanno avuto accesso alle terapie intensive.

Quindi:

157.500*11giorni*709=1.23 miliardi di euro di costi per area medica non critica di ricovero.

(22500*11giorni*709) +(22500*6*1680) =175.5milioni+226.8milioni=402milioni circa di costi per chi è transitato anche nelle terapie intensive.

Totale: 1.6 miliardi di euro.

Sono approssimazioni e stime, ci sono stati pazienti con tempi di permanenza nelle terapie intensive molto più lunghi dei 6 giorni considerati; come per le aree non critiche. La forbice di costo considerata dall’analisi di quotidiano e sanità citata stimava una forbice che tradotta per i 180.000 ospedalizzati può variare fra i 1.6 miliardi e 3.9 miliardi.

Le nostre considerazioni, quindi, sono valide pur rientrando nel valore più basso di costo per le casse della sanità pubblica.