in

Covid, scoperta clamorosa: la variante Delta si auto-estingue

Lo studio dell’Istituto nazionale di genetica del Giappone: troppe mutazioni hanno portato il virus al blocco evolutivo

variante delta(1)

Dimensioni testo

Dopo due anni di sfortune e notizie negative, un po’ di ottimismo ci vuole. E di positività sulla strada lastricata di allarmismo ne sparge un pochino la notizia che arriva dal Giappone. Possiamo riassumerla così: la variante Delta, lo spauracchio dei televirologi prima che scovassero la Delta Plus, si auto-estingue. O almeno è questa la conclusione cui sono arrivati gli studiosi dell’Istituto nazionale di genetica del Giappone, secondo cui la mutazione di coronavirus si sarebbe replicata così velocemente da accumulare nella proteina non strutturale nsp14. Errori che ne hanno compromesso la capacità di correggersi e dunque di replicarsi. Portandola all’auto-estinzione.

La variante Delta si estingue?

Direte: e quindi? Quindi nel Sol Levante le cose col Covid stanno andando decisamente meglio. Il governo metropolitano di Tokyo, per dire, ieri ha registrato solo 5 casi di coronavirus su 13 milioni di abitanti. Solo cinque, e non è un caso. Da un mese a questa parte i casi dal 17 ottobre non salgono mai sopra i 50 casi. “L’ipotesi della ricerca giapponese – dice l’immunologo Mauro Minelli all’HuffPost – fa emergere per la prima volta i punti deboli del Covid-19: il virus che pensavamo invulnerabile, a furia di mutare, è rimasto impigliato nelle sue stesse mutazioni evolutive, con il risultato di immobilizzarsi da solo. È un precedente da tenere bene in considerazione, anche ai fini della ricerca scientifica e dell’immunoprofilassi”.

Lo studio del Giappone

A presentare la ricerca dell’Istituto giapponese ci ha pensato nei giorni scorsi il professor Ituro Inoue, capo della ricerca che ha studiato l’auto-estinzione della variante Delta. Sebbene all’inizio questa mutazione avesse “soppiantato le altre varianti”, “man mano che le mutazioni si accumulavano alla fine il virus” sarebbe “diventato difettoso” perdendo la capacità di replicarsi. “Considerando che i casi non sono aumentati – ha spiegato al Japan Times – pensiamo che a un certo punto si sia andato verso l’estinzione naturale a causa delle mutazioni”.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
40 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Andrea G.
Andrea G.
26 Novembre 2021 18:12

C’e sempre una variante che ti aiuta al momento giusto!

Devi prorogare lo stato di emergenza? C’e’ la nuova variante!
Devi scrivere un nuovo libro? Fallo sulla nuova variante!
Devi far lavorare i tele-virologi? Per fortuna che c’e’ la nuova variante!

Giancarlo 2021
Giancarlo 2021
26 Novembre 2021 14:55

Niente paura.

Sono in arrivo le prossime.

Finché rimarremo senza soldi per continuare a comprare i prossimi vaccini.

e_g_n
e_g_n
26 Novembre 2021 11:37

notizia che lascia il tempo che trova… ammesso che sia successo qualcosa del genere (é cosí mal spiegato che non ha neanche molto senso), un ceppo che si estingue semplicemente lascia il campo agli altri, é un evento di scarsa rilevanza.
La notizia sembra fantastica perché la narrazione usata induce a pensare al virus come un organismo: se un braccio ha una malattia che lo porta alla morte tutto l’organismo muore,
ma il virus é una popolazione, se una “raz.za” va all’auto distruzione apre solo spazio a quelle meglio adattate…

Antonio Cusano
Antonio Cusano
26 Novembre 2021 10:41

Come dovevasi dimostrare. Troppe varianti inducono il virus a commettere errori non riparabili e quindi al suo sparire dalla circolazione, nonostante, pare, ne abbia prodotta un’altra in Africa. Farà la stessa fine ormai il virus risulta in via di esaurimento, dobbiamo stare attenti al suo colpo di coda. Dio ti ringraziamo e ti diamo lode per l’eternità.

paolospicchidi@
paolospicchidi@
26 Novembre 2021 10:16

Una semplice tabella/grafica fa vedere a colpo d’occhio l’efficacia dei vaccini.
Da una parte la percentuale dei vaccinati e dall’altra quella dei morti per milione di abitanti.
L’agenzia Ue per il controllo e la prevenzione delle malattie ha diffuso una eloquente tabella che mette in correlazione percentuale di adulti vaccinati e numero di decessi causati dal coronavirus

https://www.unionesarda.it/news/mondo/covid-piu-vaccinati-meno-morti-la-conferma-nel-colpo-docchio-ecdc-hw7zspvv

Saluti a tutti.

iag01
iag01
26 Novembre 2021 10:05

C’è già la nuova variante e si riparte col terrorismo
Di questa storia non se ne vede la fine. la nostra vita è terminata a Marzo 2020. Viviamo oramai come zombie asettici, asociali, asessuati e cattivi dentro.
Serve una rivolta al più presto possibile vaccinati o meno è in gioco il nostro futuro psichico!

cecco61
cecco61
26 Novembre 2021 9:18

Vediamo di fare un po’ d’ordine. Stesso sito: un articolo ci parla dell’autodistruzione del Covid in Giappone ma, si segnala, che proprio le tante mutazioni avvenute in quel Paese hanno portato a questo ma che, visto che da noi le mutazioni sono inferiori, possiamo solo sperare. In un altro articolo Gasbarro ci mette in allarme: troppe mutazioni dall’Africa e siamo tutti a rischio, moriremo presto visto che anche i vaccini potranno fare poco o nulla. Anche qui siamo ormai a chi la spara più grossa (che delusione, sic!)

geogio
26 Novembre 2021 7:08

basta vaccini, non funzionano. concentriamoci sulle cure e sulla prevenzione