Davos, dove i ricconi globali sparano banalità pop

Il piccolo gossip su Sankt Moritz, una località sciistica dove l’acqua in bottiglietta nei rifugi costa come minimo 5 franchi, vuole che gran parte del suo successo si debba alla famiglia di armatori greci Niarchos. Oltre a salvare alberghi in difficolta negli anni ’50, rilevare impianti dove in pochi risalivano, avrebbero migliorato la pista dell’aeroporto di Samedan, contribuendo ad allungarla e a riscaldarla. Atterrare in quell’aeroporto è davvero un incubo. É molto alto sopra al livello del mare, incastrato tra le montagne, e soggetto a venti pericolosi e che cambiano. Chissà se gli organizzatori dell’annuale incontro di Davos sono a conoscenza del fatto che gran parte anche del loro successo derivi dall’estro di una famiglia di miliardari che ha aperto il portafoglio affinché ai propri amici fosse reso pia semplice arrivare in aereo privato ai cocktail party.

Chissà se i cerimonieri che da dieci anni ci affliggono sulla disuguaglianza dell’economia mondiale sono a conoscenza del fatto che i loro beniamini, da Bono a Di Caprio, da Xi Jinping a Rouhani, senza quell’aeroporto col cavolo che avrebbero impiegato tre giorni per chiacchierare di futuro in mezzo alle montagne innevate e irraggiungibili della Svizzera. Meglio un video registrato, no? E anche quest’anno, riparte la cinque giorni di Davos. Con un pizzico di ipocrisia in più: prima la ricca platea arrivata con voli privati si sciroppava i danni della disuguaglianza economica, oggi la medesima platea, oltre al mondo dei ricchi sempre più ricchi, si gusta il tema del cambiamento climatico.

Davos, per capirci tra di noi, è un gigantesco filtro della cattiva coscienza dei nostri ricconi globali. Un setaccio con il quale depurare il complesso di colpa dell’establishment globalizzato. Davos e il genius loci del pentimento, molto temporaneo, di una classe dirigente che dove spiegare al mondo i propri fallimenti, attribuendoli ovviamente ad altri. Ci spiegano cosa dobbiamo fare, noi che così ricchi non siamo. E dunque si vestono «alla Davos»: prendono una limousine, ovviamente elettrica, dalla propria penthouse in California o New York dotata di ricicla, vanno al terminal dei voli privati, si sdraiano sul loro jet dove la plastica bandita, arrivano a Samedan, dove vengono forniti di badge color platino che dà accesso a tutti i party e a tutte le sale, e poi en passant vanno sul palco e ci dicono che ci sono troppe disuguaglianze e troppo inquinamento. E uno dovrebbe pensare: ma questi ci stanno a prendere per i fondelli? Uno Bello come Brad (Pitt) o Matt e uno ricco come Bill Gates o Sergey Brin che ci parlano di disuguaglianza e magari di inquinare di meno? E invece no, siamo lì che pendiamo dalle loro labbra.

Alcuni, in buona fede, vanno a Davos per capire dove va il mondo. Poi alla fine, anche se non lo dicono alle mogli (niente più sessista, classista e razzista di Davos), l’unica cosa che occorre capire subito è dove si tengano i party migliori. Ma ritornando alle case serie, si fa per dire, uno pensa di immergersi in un traffico di intelligenze da cui trarre qualche buona idea. Balle. Semmai l’unico traffico che si incontra è di influenze. Se metti Davigo a Davos, li arresta tutti.

Negli ultimi dieci anni l’incontro dei superfighetti ha scodellato tante di quelle banalità che Conte, nei suoi discorsi, sembra un brillante innovatore del linguaggio a colpi di calembour. Vediamone una breve carrellata. Anzi, partiamo da quest’anno. Come sempre avviene a Davos, l’idea del convegno non è mai originale: sembra che gli organizzatori vadano sulla pagina di ricerche di Google e cerchino di capire quali sono le parole più digitate dallo stupido della Rete. II giochino così funziona: un club elitario che si finge democratico. E quasi quasi ti viene voglia di parlare come Lenin e ripensare al trattamento del reietto Kautsky. E vada per il cambiamento climatico, ovviamente nella più perfetta ortodossia. Per fortuna che quest’anno ci sarà Trump, che speriamo dia un po’ di brio. Insomma, con Davos non sbagli mai: altro che leadership, e un monumento alla followership. Con qualche anno di ritardo parlano di ciò che a loro è sfuggito e di cui ii pensiero più debole discute.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

Un commento

Scrivi un commento
  1. Questo coronavirus??…suggerisce una sola strategia , quella di toglierci dai piedi le invasioni dei cinesi nel mondo intero…o per lo meno nella nostra Italia ed EU…

    Umanita’ e prodotti cinesi hanno un solo programma espansionistico…e per meglio definirlo , dominare l’intera umanita’ creando dipendenze esistenziali che mano a mano che passa il tempo diventano e diventeranno sempre piu’…necessarie .

    E’ dunque questo che vogliamo??…e allora??…umanita’ e Made in Cina complessivamente cinesi??…assolutamente da evitare , da oggi a domani e per sempre…

    .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *