in

Decreto agosto: una mossa tattica che non eviterà il tracollo

Dimensioni testo

Abbiamo il decreto legge agosto definitivo e anticipato – con modifiche ancora aperte – nella serata di sabato scorso. Gran parte dell’impianto è conosciuto ma vale forse la pena di fare delle ulteriori considerazioni sul testo definitivo. Tralasciando l’indeterminatezza costante, con questo esecutivo accade spesso che le considerazioni siano poco incoraggianti quando inserite nell’evolversi dello scenario. Con il Governo attuale e i suoi componenti è importante seguire bene il “fil rouge” se mai ci fosse, perché pare che siano proprio loro i primi a perderne il verso per mancanza di lucidità. L’ambiente in cui la manovra è stata pensata e dovrà essere applicata è tutto fuorché favorevole; il decreto agosto è assolutamente tattico e non tiene conto – e questo sembra abbastanza incredibile- del contesto che cambia rapidamente, degli errori fatti delle opportunità mancate o meno e dei pericoli a cui si va incontro.

Il primo punto per comprendere la debolezza delle scelte di spesa è l’evoluzione delle dimensioni del debito – che di per sé in una economia che cresce non è quasi mai un problema – della sua struttura (debito nazionale emesso e prestiti da Europa e rispettivi tenore temporale e seniority) e sostenibilità nel futuro. Il secondo punto è la Bce e di quando interromperà il programma di acquisti illimitati. Il terzo è appunto la debolezza nelle scelte per una crescita strutturale delle imprese e della economia soprattutto se confrontate con altre economie europee di pari dimensioni.  In vulgata: quale è il futuro di una Nazione che non cresce in termini assoluti e relativi ai suoi vicini, ha un debito molto probabilmente ben oltre il 160%, senza una banca centrale che ne difenda il debito e il corso delle obbligazioni nazionali in modo illimitato? E se si aggiunge che sarà sottoposta a riforme strutturali di taglio europeo, dunque di austerità? È un film che abbiamo già visto dal 2011 in avanti con l’agenda europea Montiana e proseguita degli altri governi Pd. Per semplicità e brevità tralasciamo il lato politico e il profumo sino-social-collettivista del governo post comunista e M5s e quindi le sue scelte in termini geopolitici e di alleanze.

È con questo scenario in mente che pensiamo andrebbe letto e ragionato il Testo definitivo insieme alla rapida evoluzione e la “chiusura “delle finestre temporali disponibili al governo per iniziare una ripresa, definita da un briciolo di visione e soprattutto per individuarne ex ante le determinanti e la loro sostenibilità. Posto quanto sopra, aggiungiamo che Conte sta “spendendo” e disponendo in capitoli di spesa, soldi che non ci sono e non ci saranno prima di 11 mesi – se mai arriveranno poiché è auspicabile ma non è data per certa e completa la capacità di Eu di adempiere al mandato conferitole dagli stati membri e raccogliere sul mercato, per la prima volta nella sua storia, i fondi necessari.

Ci si domanda quale Italia si abbia in mente e quale crescita quando si propone il discusso sgravio del 30% sui contributi pensionistici per le aziende del sud. Rientra in maniera strutturale – grazie a Gualtieri – la Cassa del Mezzogiorno – con il risultato di scontentare molti: l’effetto sui conti potrebbe non essere così determinante per una impresa che se ne avvantaggia ma è certamente norma distorsiva del mercato e ignorante del fatto che è il nord Italia ad esser stato maggiormente colpito sotto ogni profilo – umano ed economico – e che piaccia o meno è sempre il Nord e in specie tre regioni a trainare il paese e a rappresentare quai un quarto della creazione di ricchezza nazionale. Ed è da quella parte dell’Italia che la ripresa partirà e produrrà – ovviamente per struttura – i maggiori effetti.

La mancanza di lucidità forse determinata dalla “ebrezza” per i miliardi promessi in Next Generation Eu e Sure, arriva a defocalizzare l’azione in molte voci di spesa tra bonus e fondi perduti nessuna delle quali concretamente strutturale e non tattica. E se è stato aumentato il contributo sul automotive lo si è fatto secondo i voleri di una visione esterna e europea, non domestica, focalizzandolo sull’elettrico e favorendo un futuro abbastanza lontano penalizzando inevitabilmente il presente e ignorando la realtà di una domanda di elettrico oggi irrisoria e riservando i maggiori vantaggi di costo ai modelli più cari. Nuovamente il governo si distingue per un “reverse engineering”: quando c’è necessità di misure subito e medio termine   esso le sposta sul lungo lunghissimo e viceversa.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Marina Fabri
Marina Fabri
21 Agosto 2020 15:56

Io ho fiducia in Conte, sono certa che troverà il modo per rimettere in piedi l’italia vessata anche dalla destra che ogni giorno istiga coloro che sono incerti per portarli dalla loro parte. Conte ci ha risollevati in Europa e con l’europa ci aiuterà. Io ho molta fiducia!!!
La scuola potrà essere seguita anche da casa. Dobbiamo capire e far capire a tutti che in questo momento dobbiamo anche noi aiutare il governo con il nostro comportamento corretto!!!

Marta Serafini
Marta Serafini
19 Agosto 2020 19:06

Il progetto era questo ! Ci sono riusciti in pieno !

Guido Moriotto
Guido Moriotto
19 Agosto 2020 12:04

Road map.
Dopo agosto c’è settembre.
A ottobre l’estrema unzione.
Officianti: Mattarella Conte.

Flavio Pantarotto
Flavio Pantarotto
18 Agosto 2020 19:49

Ribadisco, come in altri miei commenti, un’ipotesi ottimista: gli Zar della più occidentale tra le ex repubbliche socialiste sovietiche stanno, per limiti imposti dalla natura, per lasciare il posto. Giorgiej Napolitanov in primis, Mortadella Prodi a seguire, e via via i vari tecnocrati già Senatori, presidenti di questo o quell’ente inutile, dirigenti sindacali senza aver mai messo piede in una fabbrica o in una scuola.. Coscienti di non essere mai stati eticamente corretti, si sono ben guardati dal “formare” dei successori, che se per caso fossero stati in gamba li avrebbero presto scalzati, mettendoli in stato d’accusa. Perciò abbiamo uno Stato comandato da Zar senza eredi. Costoro, vista l’incombente minaccia di uno Zio Sam che ha bisogno di teste di ponte vicine al Medio Oriente più affidabili del sultano Erdogan, cercano di svenderci a chi ancora sventola bandiere rosse, possibilmente entro fine novembre; bloccando ogni iniziativa contraria con l’alibi del Covid-19. Beh, meglio questo che i carri armati. Ma non ci riusciranno, spero; l’Italia ha un capitale privato che doppia il debito pubblico, peraltro in gran parte interno (per ora). Il MES o il Recovery Fund non verranno erogati, né richiesti, finché non si saprà da che parte staremo, quindi ci attendono mesi ben duri. Ma son mesi. Teniamo duro senza far gesti sconsiderati, se Donald Duck viene rieletto, cosa… Leggi il resto »

Giovanna
Giovanna
18 Agosto 2020 18:55

Leggo: “Ci si domanda quale Italia si abbia in mente ecc.”
Il punto è proprio questo: ma Conte ha qualcosa in mente, sotto quel ciuffetto nero corvino (tinto)? Temo proprio di no, purtroppo…questo governo vivacchia alla giornata: nessuna prospettiva, nessuna idea di come muoversi ne’ di cosa fare. Tante belle parole, tante belle promesse, tante potenze di fuoco, tanti fantastiliardi ma…sotto sotto, solo fuffa. L’unica idea che hanno in mente è trovare il modo per “tirare a campare” il più possibile sui loro comodi scranni.Per il resto, il vuoto pneumatico…

Albert Nextein
Albert Nextein
18 Agosto 2020 18:50

Ci sono tutti gli ingredienti, politici , economici, finanziari per un crack italiano e non solo.
I politici che infestano lo stato sono dei pericolosi statalisti di stampo socialista o post-socialista.
Una garanzia per il peggio.
Chi può, fa bene a lasciare la nave che affonda.
Essa ha al timone dei pericolosi babbei in malafede.