Commenti all'articolo Dieci anni di bufale sul riscaldamento globale

Torna all'articolo
Avatar
guest
109 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Franco
Franco
30 Settembre 2020 15:46

Cari signori, ho letto tutto con interesse, ma vorrei la Vs. opinione su questo: ora che privati mettono su un palazzo un countdown, il vero obiettivo qual è? La decrescita? Beh, quella l’hanno scritta già nel Trattato di Maastricht e delle conseguenze se ne sbattono, anzi, la spacciano per un’ideologia grandiosa. Neoliberismo unlimited. Oppure non è affatto correlato, tutto slegato e casuale, anzi, fattuale? Ma mettiamo pure che sia vero che il mondo stia diventando una fornace: in tutta sincerità, avete dati per cui a Voi risulta senza dubbio che certi gruppi che per primi diffondono queste teorie, che certamente sono a capo di settori importanti, industriali, finanziari, siano propensi per sè al risparmio d’energia, di denaro (risparmiano o accumulano sempre di più?), di sfarzi? Io so perfino che un multimiliardario abbia denunciato il governo americano per i dazi. E voi potete risparmiare? E questo risparmio sarebbe tutelato? Tagliamo per noi o ci tagliamo per loro? Mi perdonerete se sono convinto che sia la seconda, ma se avete certezze diverse e pratiche (per esempio, “no, non è vero che si siano accordati per la deflazione già prima dei ’90, non è vero che non redistribuiscono la ricchezza, non è vero che la disoccupazione strutturale…ecc. ecc. e te lo dimostro anche”), rimango a disposizione. Grazie per l’attenzione

Franco Battaglia
Franco Battaglia
30 Novembre 2019 11:59

@hap
chiunque può leggere le email qui:
https://www.lavoisier.com.au/articles/greenhouse-science/climate-change/climategate-emails.pdf
e decidere da solo se ho ragione io o lei.

Il fatto che siano state “rubate” non toglie nulla alla frode di protagonisti.
Se un ladro entra in una casa per rubare e assiste al maggiordomo che assassina il padrone, la sua testimonianza non vale perché ottenuta da una circostanza illegale?
Vale per la procedura penale, non per le testimonianze.

Gabriele
Gabriele
27 Novembre 2019 14:52

Dimostrazione matematico-logica della non esistenza dell’effetto serra:
Dati (da fonte NASA):
Percentuale di Gas serra nell’atmosfera terrestre: 2.5%
Percentuale di Gas serra nell’atmosfera di Venere: 96.5%
Temperatura media terrestre a 1 atmosfera: 288 Kelvin
Temperatura media di Venere a 1 atmosfera: 340 Kelvin (dati: Venera landers)
TSI relativa terrestre: 1
TSI relativa di Venere: 1.91

Ora calcoliamo la temperatura di Venere partendo da quella terrestre. Se la teoria dell’effetto serra corrispondesse a realtà io per estrapolare la temperatura di un pianeta partendo da quella di un altro dovrei tenere conto della differenza nella percentuale dei gas serra delle due atmosfere, giusto?
Giusto?

E invece no:
T venere ≈ ∜TSI relativa di Venere × T terra
T venere ≈ ∜1.91 × 288 Kelvin
340 Kelvin ≈ 1.176 × 288 Kelvin
340 Kelvin ≈ 338.688 Kelvin

E voilà, l’effetto serra non esiste.

Hap
Hap
27 Novembre 2019 0:49

Una parte, minoritaria, dell’articolo è dedicata a mail riscoperte con appena 10 anni di ritardo (discuterle allora no?). O meglio, prima rubate poi riciclate. Poi c’è la parte delle illazioni, come quella sull’hacker solitario: perché, l’hanno scoperto? ma è meglio non affrontare l’ipotesi che non lo sia. O quella su McIntyre che dimostrò che la curva a mazza-da-hockey di MM era un falso. Atto di fede, non documentato. Come, se i climatologi sono tutti in combutta con Mann e soci? magari, dai comuni amici dell’Heartland. O, forse, se non si può ricorrere alla peer review, basta scrivere le cose in grassetto per renderle vere.