in

Divertissement sulla legislatura che sarà in 10 punti

Dimensioni testo

Credo sia giunto il momento di spogliarsi dei panni (caldi) dell’analista politico strutturato e di regime, che si tiene aperte diverse opzioni, ma al contempo spinge per quella gradita alla linea politica del giornale o della tv, o del salotto di riferimento. Per fare esempi geograficamente lontani, affinché nessuno di noi si offenda, riferiamoci a Paul Krugman o a David Letterman che scrivevano o intervistavano secondo un copione preciso: tappettini verso i compagni di merenda, spietati bullmastiff verso i nemici dei compagni di merenda.

La mia previsione su quale governo nascerà si basa su alcuni presupposti basici, semplificati e stressati in modo radicale per far capire meglio i problemi.

1) Mai come questa volta il popolo è stato chiarissimo: basta governi filo establishment in politica interna e succubi del duo Merkel-Macron in politica estera ed economica.

2) L’Ulivo (Pd, LeU, Bonino), orfano dell’unico leader vero della Sinistra 2.0 Matteo Renzi, può essere “scalato” facilmente da Di Maio: inutile fare un accordo con quel che resta.

3) Forza Italia è un asset di Mediaset di valore ormai dubbio, nel grande risiko telecomunicazioni-media, Matteo Salvini se ne può impossessare facilmente, senza scambi contro natura.

4) Chi fra Di Maio e Salvini tentasse di fare un governo da solo, uno con il Pd, l’altro con Fi e Pd, si suiciderebbe. Quello rimasto all’opposizione, alle prossime votazioni (europee fra un anno) se lo mangerebbe.

5) Se si mettono insieme invece riconducono il Presidente Sergio Mattarella al suo ruolo (alto) di notaio del volere popolare. Oltretutto Mattarella non è né Oscar Luigi Scalfaro, né Giorgio Napolitano: è un fedele e sincero servitore della Costituzione.

6) Un governo M5S-Lega-FdI attirerebbe, in Parlamento, maggioranze bulgare, i peones delle varie minoranze, pur di rimanere a Roma cinque anni, diventeranno, nei fatti, governativi. Così, quella di Berlusconi è un’arma spuntata: inutile minacciare il ritiro dalle giunte di Veneto, Lombardia, Liguria, tanto nessuno lo seguirebbe.

7) Il programma? Quattro punti: a) modifica (non cancellazione) della legge Fornero (loro collante ideologico); b) lavoro-immigrazione (altro collante); c) tasse; d) reddito di cittadinanza. Europa? Nessuna rottura, intenderla come la intendono tedeschi e francesi, prima i propri interessi, nessuna cessione di sovranità, poi il sogno europeo (a parole).

8) L’establishment minaccia drammatici pericoli esterni con un governo di tal fatta. Sono credibili nello scenario 2018 un minigolpe tipo 2011 o un’operazione Grecia da parte di Merkel-Macron-Bce-Fim? Hanno la forza di farlo? I “mercati”, gli unici che contano, amano comunque i governi forti. A un anno dalle elezioni europee a Merkel-Macron conviene una guerra contro di noi? La Brexit è a metà del guado, Trump è sempre più aggressivo, Erdogan è sempre più minaccioso (se apre il corridoio balcanico ai migranti per Merkel è la fine), c’è un Putin riconfermato e sempre più con il dente avvelenato: se si fanno accuse si portano le prove (geniale la sua battuta “Se si fosse trattato del nostro gas nervino sarebbero morti all’istante, quello è un prodotto inglese”)

9) Chi sarà il nuovo Presidente del Consiglio? No problem. Nella panchina (lunga) delle riserve della Repubblica figure idonee, gradite sia a Di Maio che a Salvini, ci sono.

10) E i due dioscuri che faranno? Azionisti al 50% del Governo e del Parlamento secondo un preciso protocollo operativo. Cinque anni insieme, poi, bipolarismo all’americana.

Invito i lettori a considerare questo Cameo solo il divertissement di un vecchio signore che ha deciso di vivere negli interstizi, di eccitarsi intellettualmente con la politica, le sue strategie, le sue tattiche, sempre più fiducioso dell’avverarsi di un suo sogno senile: la generazione “Z” possa prepararsi ad andare al potere, liberandosi dell’osceno Ceo capitalism dei loro padri, che li avrebbe castrati.

Di Maio e Salvini? Due giovani, due persone comuni, due strumenti che la storia chiama per essere levatrici di un mondo nuovo, dopo aver fatto un lavoro sporco di pulizia del mondo vecchio. Ripeto, solo un divertissement sulla legislatura che sarà.