Commenti all'articolo Doppio augurio a governo e a opposizione

Torna all'articolo
Avatar
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giacomo Cambiaso
Giacomo Cambiaso
1 Gennaio 2019 15:07

FI non esiste praticamente più, da sempre berlusconicentrica quindi ormai finita. Nonostante la retorica berlusconiana fosse intrisa di liberismo, personalmente ho sempre pensato che il vero magnete elettorale fosse la sua alternativa alla sinistra, non era la C, ma la D che si votava, buffo che poi CD fosse acronimo della DC. Il centro non esiste, i conservatori ed i progressisti si, anche se oggi risultano un po anacronistici rispetto al contesto in cui viviamo. Capezzone, che stimo, pensa erroneamente che ci sia un esercito di presunti liberali orfani o forse con questi ragionamenti vuole solo accarezzare berlusconi ed i suoi nostalgici sostenitori, ma commette un errore ad esortare le ragioni di mercato come arma di rivalsa. Il mercato ha la sua importanza ed i benefici sono per la popolazione, ma i tempi richiedono attenzione agli individui, alle famiglie ed alle nazioni, le ragion di mercato da anni calpestano i singoli o quantomeno danno questa percezione, quindi bene occuparsene, ma non certo come strumento propagandistisco. Francamente penso sia più ragionevole auspicarsi un’uspicarsi un’ulteriore evoluzione della lega in nuova destra moderata e responsabile, gli uomini validi già ci sono e le idee sono tanto chiare quanto apprezzate, piuttosto che sognare una rinascita di un ex partito come FI. La turboparabola di Renzi ha avuto ragioni particolari, francamente pensai che si sarebbe… Leggi il resto »

marco
marco
31 Dicembre 2018 19:47

Se c’è una cosa che questa finanziaria dimostra e’ che questo paese e’ irrecuperabile e procede a grandi passi verso un drammatico default con appropriazioni forzose, banche chiuse, bancomat spenti. Se nemmeno una maggioranza fuori dagli schemi e’ riuscita ad evitare di ricondursi paro paro ad aumentare le entrate fiscali (gia’ raddoppiate in soli 21 anni) pur di mantenere lo status quo dei “sederoni al vinavil” romani significa che lo stato ormai ha tutto. Agenzia delle Entrate e’ ormai un potere aggiuntivo a quelli costituzionalmente certificati: legislativo, esecutivo e giudiziario. Anzi: dei primi due spesso si permette di disinteressarsi proprio grazie al supporto del terzo. Pansa qualche settimana fa scrisse che se un colpo di stato può esserci in questo paese lo può fare solo la Guardia di FInanza. Credo abbia ragione. Il problema sono le macerie economiche che tutti fingono di non vedere. Quando crolleranno, lo faranno su tutti quanti: inclusi gli statali che insistono a pretendere trattamenti di privilegio.

Valter
Valter
31 Dicembre 2018 17:22

Leggete l’intervista di Capezzone a Luciano Barra Caracciolo su La Verità di oggi, ne vale la pena.

Andrea Salvadore
Andrea Salvadore
31 Dicembre 2018 16:09

Signor Capezzone gli auguri non bastano se la via che si intende percorrere é sbagliata. Incomincio da una: Uma: educazione che non prepara messuno a produrre, senza aumento di produttivitá, ovvero di preparazione per il mondo di oggi la nostra parabola sará in discesa e e i nostri giovani non saranno impiegabili. Due: c’é una esaltazione di cosidetti valori stranamente propagati daslla sinistra e dalla chiesa il cui capo é piú un banditore o un attore mediatico per soffocae le energe di lavoro e produzione necessarie per affrontare la vita. Tre: e conseguenza del due di sopra l’abbandono dell’idea basica del liberalismo di avere fiducia nell’intrapendenza uman( cito Tocqueville) per dipendere sempre piu dallo stato. Quattro:, abbiamo accettato senza accorgerci una democrazia invertita dove il vero signore il popolo. teoricamente sovrano, é dominato da un governo che attua come un monarca, con tutte le maschere della democrazia , ovvero con un sistema elettorale che produce un monarca, con una opposizione che fa il ruolo di marionetta ed infine con un popolo che non essiste come un sovrano o solo come una unittá ma é solo una insalata russa di persone che non eleggono che si uniscono in partiti che si odiano e che soffrono della malattia di pensare che solo loro possono salvare il paese e perció ponendo l’interesse del… Leggi il resto »