in

Draghi già rimprovera un suo ministro

Dimensioni testo

È già tutti contro tutti nella maggioranza. Massimo Garavaglia si scaglia contro Roberto Speranza. Matteo Salvini prende di mira il consulente di Speranza, Walter Ricciardi, e avverte il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese: «Cambi passo, altrimenti..». Lega versus Articolo 1. In Parlamento comincia a emergere una serie di malumori: «Se ognuno continuerà a mettere la sua bandierina il governo Draghi durerà pochino…». Nell’attesa Mario Draghi prepara il suo discorso e rimbrotta il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, reo di avere convocato le parti sociali nella giornata di domenica. Raccontano di una telefonata non proprio felice fra mister Bce e Orlando, nel corso della quale Draghi avrebbe fatto notare al vicesegretario del Pd che «sarebbe stato opportuno attendere prima di incontrare i sindacati». Ovviamente i due non sono arrivati allo scontro ma Draghi si sarebbe «infastidito». Se non è stata una «casalinata», quella di Orlando, poco ci è mancato.

Antonio Russo, 15 febbraio 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
103 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
frank
frank
23 Febbraio 2021 1:58

L’articolo inizia male… e finisce presto: tutto qui? Che Garavaglia ce l’abbia con Speranza non sorprende: con il ministro ce l’avevano e ce l’hanno tutti perchè è troppo serio, o forse perchè è comunista e merita il trattamento previsto per questa “specie”. Che Salvini prenda di mira Ricciardi non interessa a nessuno. Lui non è nè parte del governo nè un illustre virologo, pertanto fanno bene Lamorgese e Speranza a ignorarlo. Ma attenzione, se i ronzii diventeranno fastidiosi, la maggioranza Ursula è già pronta, con 220 senatori e lega out. Uomo avvisato. A qualche commentatore distratto ricordo non c’è stato alcun provvedimento, Orlando coi sindacati, o il famoso stop allo sci che ha dolorosamente colpito l’intera nazione, che non sia stato concordato con Draghi. Pertanto, è vero, lasciamo lavorare Draghi.!

francesca caruso
francesca caruso
22 Febbraio 2021 18:11

se si continua a litigare all’interno del governo, mi sa che siamo punto e a capo. Draghi deve essere più deciso e intervenire fin d’adesso.
altrimenti dalla situazione in cui siamo, non ne verremo mai fuori ….

Giorgio
Giorgio
21 Febbraio 2021 17:40

Quelli, che non stanno al passo o non ascoltano il Dott. Draghi, che li mandi a casa.
Non ci sono ma e me, via.
Date tempo a Draghi ,lui sa cosa deve fare.
Lasciamolo lavorare. Basta anche con le critiche della stampa,che debbono riempire le pagine.
Stampa fatti i fatti tuoi . Non vedi che lo Spread è sceso e non di poco. Il merito di chi è se non di Draghi.

Dott. Draghi vada avanti, siamo con Lei.

Pierluigi Spigaroli
Pierluigi Spigaroli
17 Febbraio 2021 19:49

visto che non ci hanno fatto andare al voto, l’unica possibilità di cercare di salvare la scialuppa Italia è stata, per me giustamente, affidata a Draghi. il problema è che deve fare subito la voce grossa con tutti quei “finti” ministri imposti dalle forze politiche che cercano di imporsi senza seguire le linee guida del suo programma. l’atteggiamento di Speranza ed Orlando è quello tipico di una parte politica che vuole far valere la propria strafottenza, ignorando ogni più elementare regola di convivenza. lo vedo come un segnale di disprezzo del capo, cercando di fargli capire che loro faranno quello che vorranno , senza dovere rendere conto ad alcuno. spero che una persona del carisma e livello come Draghi reagisca subito e metta i classici “puntini sulle i”, ricordando che la porta può essere aperta anche in uscita e che una guerra non la vince uno da solo ma tutta la squadra e che i traditori nel codice militare venivano giustiziati.

Rachele Sciortino
Rachele Sciortino
17 Febbraio 2021 11:48

Ha fatto delle scelte sbagliate, riconfermando i ministri inadempienti, disastrosi. Speriamo che corra ai ripari. Salve

Mario Bilotta
Mario Bilotta
17 Febbraio 2021 1:02

Io avrei un’idea piu’ semplice, che descrivo :
E’ormai accertato che il problema Italia e’ il Sud. Il resto del Paese e’ in generale allineato all’Europa. La strategia dovrebbe essere quella di allineare il Sud al resto dell’Italia. Quindi bisognerebbe spendere
tutti i 209 miliardi in opere importanti al Sud. Ma….a spenderli dovrebbe errere la stessa Europa ( magari la Germania ). Cioe’. dare le opere gia’ fatte e non i soldi che finirebbero sicuramente in mano alla mafia politica.
In sostanza, bisogna considerare il Sud come un Paese africano, dove gli aiuti in finanziamenti finiscono ai politici corrotti.

Andrea
Andrea
16 Febbraio 2021 15:13

Sto Governo dura poco.
Se partiamo cosi’ (Speranza che blocca gli impianti sciistici 14 ore prima, Orlando che non aspetta nemmeno la fiducia al Governo, Salvini e Zingaretti che fanno distinguo, frotte di gentaglia che in parlamento si trasferisce un po’ di qua’ e un po’ di la’) pensate quando ci saranno le amministrative il prossimo 15 aprile e 15 giugno….

Maurizio Giannotti
Maurizio Giannotti
16 Febbraio 2021 14:28

Mai capito come possano conciliarsi i brontosauri dell’era paleozoica comunisti, con il cuore e la mente fermi alla Rivoluzione d’Ottobre, con la finanza internazionalista e mondialista di Draghi. Se questo pseudo Governo durerà poco non sarà un male, ma la fortuna dell’Italia!!!!