in

Draghi rinuncia al Quirinale?

Prima della conferenza stampa del premier, si rincorrono le voci di un suo possibile “passo di lato”

Dimensioni testo

È vero o non è vero? Lo scopriremo solo stasera (forse), quando Mario Draghi si siederà di fronte ai cronisti per la tanto attesa conferenza stampa dopo l’introduzione dell’obbligo vaccinale. Fatto sta che da qualche ora si rincorrono le voci che vorrebbero prossimo il “passo di lato” del premier nella corsa al Quirinale. Possibile? Possibile che dopo la sostanziale auto-candidatura di Natale sia arriverà a tanto?

Draghi e il possibile passo di lato sul Quirinale

A sostenerlo, oltre alle voci raccolte da Dagospia, anche il direttore del Giornale Augusto Minzolini: “Tra la pandemia che non dà tregua e i tanti punti interrogativi che ogni giorno si aggiungono sull’economia – scrive il direttore oggi – Mario Draghi mediterebbe (il condizionale è d’obbligo) di rinunciare al Quirinale. Almeno è il proposito che avrebbe confidato ad uno dei suoi ministri più fidati”. Di chi sta parlando? Di Giorgetti? Di uno dei ministri di Forza Draghi? “Dovrebbe essere una rinuncia pubblica – insiste Minzolini – addirittura nella conferenza stampa di oggi o in settimana. Una rinuncia da padre della Patria accompagnata dall’intento di concentrarsi sull’attività di governo senza distrazioni e da un appello ai partiti affinché individuino una soluzione unitaria. Sarebbe un’uscita da manuale, impeccabile”. Vedremo quanto di vero c’è in queste ricostruzioni…