in

È morto Pelé

Il Re del Calcio si è spento nel suo letto di ospedale: Pelè era ricoverato da giorni per un tumore

pelè morte

Dimensioni testo

Se ne andato pochi giorni dopo la fine del mondiale in Qatar. Pelé non ce l’ha fatta. Ad annunciare la tragica notizia per il mondo dello sport è la figlia del campione brasiliano. Sui social Kely Nascimento scrive: “Tutto ciò che siamo è grazie a te. Ti amiamo infinitamente. Riposa in pace”.

La leggenda del calcio brasiliano, che con la Selecao ha vinto tre coppe del mondo (1958, 1962 e 1970), era ricoverato per un tumore al colon. Nei giorni del mondiale le sue condizioni si erano aggravate, con i medici che avevano rivelato di come l’ex calciatore non rispondesse più alle cure. Edson Arantes do Nascimento aveva 82 anni. Il suo ricovero all’ospedale “Albert Einstein” di San Paolo, a fine novembre, sin da subito aveva preoccupato i medici. Sottoposto ad un nuovo intervento di chemioterapia, il 21 dicembre lo staff ospedaliero aveva fatto sapere che Pelé sarebbe rimasto in corsia a causa di “una progressione della malattia oncologica” e per garantire “maggiori cure legate alle disfunzioni renali e cardiache”.

Restano impresse nella mente le immagini condivise dalla famiglia, con O Rei nel letto di ospedale abbracciato ai suoi parenti. Il campione lascia sette figli e la moglie Marcia Aoki, con la quale era sposato dal 2016. Oggi, il triste annuncio. Che rende il mondo del calcio, e quello dello sport in generale, sicuramente più povero. I suoi numeri sono scolpiti nella roccia: 1116 partite con 1091 gol con il Santos, unica maglia che ha vestito oltre a quella dei New York Cosmos; e poi 10 campionati paulisti, due coppe Libertadores e due Intercontinentali. Con i verdeoro ha segnato 77 reti in appena 91 partite.

Articolo in aggiornamento