in

Ecco i numeri sul Covid che nessuno vi dice

Dimensioni testo

Contrordine compagni. Nel mezzo di allarmismi vari, numeri sui contagi sparati a caso e terrorismo mediatico sulla variante Delta, il direttore sanitario dello Spallanzani fa un po’ di chiarezza e smonta le ricostruzioni del giornale unico del virus. Ospite a Quarta Repubblica, Francesco Vaia lo dice con chiarezza: “I numeri sono assolutamente in decremento”. Per la precisione, “ormai è da più di un mese che siamo a livelli di ricovero ordinario insignificante”, con appena 30 persone ad occupare i letti. Ancora meglio va a livello di terapie intensive, dove “arriviamo al massimo a cinque” ricoveri.

Certo, i dati possono essere torturati quanto si vuole. Ma alla fine dicono sempre la verità. E la verità è che chi ha ricevuto la doppia dose difficilmente sviluppa la malattia grave, dunque non finisce in ospedale. “In Inghilterra la mortalità è passata dall’1,14% allo 0,01% – dice Vaia – questo perché hanno fatto una campagna di vaccinazione molto estesa”. Ed è questo che conta: “Il vaccino funziona su ospedalizzazioni e mortalità”, dunque è inutile fare allarmismi.

Vaia poi parla anche di variante Delta (“È una delle tante che abbiamo, e probabilmente non sarà neppure l’ultima”), di green pass (“Non va usato come clava”) e vaccino ai minori (“È prudente non vaccinare sotto i 12 anni”). Da ascoltare.

Quarta Repubblica, dalla puntata del 20 luglio 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
108 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giuseppe
Giuseppe
24 Luglio 2021 8:45

I numeri sono da raffrontare con quelli dell’anno scorso. Dr.Porro perché non esponi bene in vista le tabelle? Il vaccino(!) è una opzione e la scelta e’ soggettiva. Annettere al vaccino la panacea di eradicare il coronavirus è pura follia. Vaia sa di mentire,a malincuore,ma lo fa per suoi motivi. Porro ,vittima del panico,ha fatto il vaccino dopo essere guarito dalla malattia. E lo sbandiera senza ritegno. Doppiopesismo liberale?

Joseph Cavallaru
Joseph Cavallaru
22 Luglio 2021 11:29

Come si potrebbe contestare la veridicità di questo video?
Maestro Nicola viene definito una persona sovversiva da più colleghi, perché dopo un accurato lavoro di indagine a “Quarta repubblica” cerca di raccontarci l’Italia reale da tutti i punti di vista.

Visitate e seguite la mia pagina Facebook: “Nicola Porro i migliori contenuti selezionati dal sito personale:”.
Ci troverete tutte le “zuppe”, gli articoli e i contenuti video più interessanti e molto altro.

Iscrivetevi al gruppo pubblico: “Nicola Porro fan club.”.

Seguite anche la pagina Facebook “Fuori giri” de ”Il Giornale .” Curata da PierLuigi Bonora.

ugo
ugo
22 Luglio 2021 9:28

microorganismi monocellulari? ma dove si e’ laureato questo “professore”???

Davide V8
Davide V8
21 Luglio 2021 19:23

“Certo, i dati possono essere torturati quanto si vuole. Ma alla fine dicono sempre la verità”

Quindi, cara redazione, ora che vi ho dimostrato inequivocabilmente che le cose non stanno come esposto dal tizio in questione, quando farete un articolo per dire la verità?

geogio
21 Luglio 2021 17:34

Se ci tieni tanto alla mia salute, perche’ non mi fai scegliere quale vaccino fare? Per tua ammissione uno copre al 90%, un altro al 65%. Tu hai detto che lo 0,007% della popolazione anziana e precaria) non puo’ morire di Covid, e poi mi fai rischiare anche i giovani che non hanno vissuto, per fare arricchire i tupi amichetti farmaceutici che paghiamo noi tutti?

giùalnord
giùalnord
21 Luglio 2021 15:56

La colpa allora va ai giornalisti oppure alle circolari ministeriali dalle quali attingono?
In entrambi i casi sono complici per aver orchestrato ad arte questo teatrino terrorizzando i cittadini oramai cotti e bolliti.
Gli allarmismi servono a mantenere lo status quo e a prorogare lo stato d’emergenza (già fatto,fino a dicembre 2021)e proseguire con la campagna vaccinale a spron battuto a scapito delle cure alternative.

Zeno
Zeno
21 Luglio 2021 13:56

Penso che gran parte della colpa sia proprio dei giornalisti e della comunicazione ingenerale asservita a vari poteri, ci bombardano con dati che loro dicono allarmanti, suffragati da professoroni schierati. Possibile che nessuno parli di cure, né stanno studiando di molto efficaci, nessuno fa una statistica sulle persone colpite più o meno gravemente da reazioni al vaccino. Ultima cosa possibile che non ci sia uno pseudo scienziato che dica cosa deve fare una persona che per gravi patologie non può vaccinarsi.

GRAZIELLA
GRAZIELLA
21 Luglio 2021 12:40

La cosa sconcertante, che molti non notano perchè annebbiati dalla comunicazione terrroristica, è che Il GIOCHINO delle varianti e l’innalzamento dell’asticella dopo ogni periodo “tranquillo”è CHIARO ed INVECE MOLTO EVIDENTE.
Vaccinata la metà della popolaz., dopo un breve periodo di “respiro” ecco la variante delta, e quando si vaccinerà il 90 % è pronta la epsilon, già ai blocchi di partenza. Si dirà che “buca” il vaccino e riprenderà la giostra dei divieti.
E’ tutto così aberrante che a me personalmente provoca rabbia e impotenza, e credo davvero di vivere in una nuova era nazista, quella che un paio di generazioni non avevano conosciuto