in

Ecobonus, superbonus e cessione del credito: ATTENZIONE ALLE TRAPPOLE

è davvero una opportunità per il cliente finale?

Dimensioni testo

… Ti ristrutturiamo casa pensando noi a tutto, spese comprese!  … Sostituisci i tuoi infissi con il 50% di sconto in fattura! … Approfitta della cessione del credito per ristrutturare il tuo bagno con il 50% di sconto diretto in fattura…  E così via per caldaie, impianti fotovoltaici, cappotti termici…

Questi sono solo alcuni dei “claim” pubblicitari che si vedono su manifesti e locandine, in rete, o che ci arrivano per mail e che vediamo affissi all’interno dei punti vendita specializzati.

Oggi chiunque abbia a che fare con una ristrutturazione (tra clienti, produttori, ditte e rivenditori), non parla d’altro: cessione del credito e sconto in fattura.

Ma è proprio così conveniente cedere il credito per ottenere uno sconto in fattura quando si devono fare dei lavori in casa o sostituire gli infissi?

Curioso il fatto che tutta la comunicazione pubblicitaria, per chi propone ristrutturazioni, serramenti o impiantistica, sia incentrata sull’offerta di questo “fantomatico” sconto in fattura del 50% o, addirittura, del 110%. Di contro i clienti finali cioè quelli che dovrebbero effettuare dei lavori di riqualificazione energetica in casa, sembrano essere “tarantolati” nella ricerca su piazza (e non solo) di quel fornitore che concede questa opportunità.

Ma la cessione del credito e questo sconto diretto in fattura sono davvero una opportunità per il cliente finale?

Teniamo presente che quel cliente, che gira ansioso alla ricerca dello sconto in fattura (e lo fa anche con pretesa ed a volte con eccessiva aggressività), è lo stesso cliente che si lamenta con il proprio consulente finanziario o la propria banca per i tassi di interesse a 0 sul conto corrente o discute dei rendimenti troppo bassi sui propri risparmi investiti in fondi azionari o obbligazionari, e che magari si avventura nel trading on line, alla ricerca di miglior fortuna.

Torniamo alla domanda di prima: è davvero una opportunità per questo cliente cedere il proprio credito fiscale per ottenere questo sconto in fattura immediato?

Concentriamoci per un attimo sull’Eco-Bonus; possiamo poi facilmente trasporre le stesse considerazioni sul Super-Bonus 110% e sugli altri incentivi. Con l’Eco-Bonus lo Stato riconosce la possibilità di recuperare la spesa per interventi di riqualificazione energetica (sostituzione infissi) in 10 anni in quote costanti con la concessione di un credito di imposta par al 50% dell’intera spesa. Tralasciamo per un attimo i vincoli di “trasmittanza” degli infissi, i limiti di detrazione per metro quadro introdotti con il Decreto rilancio e le differenti aliquote IVA; focalizziamoci sugli aspetti finanziari di una operazione di cessione del credito al rivenditore con l’ottenimento di uno sconto in fattura diretto del 50%.

Per il rivenditore questa operazione equivale a impegnare della liquidità a fronte dell’acquisizione di un credito d’imposta del cliente, recuperabile in 10 anni a quote costanti. E’ chiaro che quel rivenditore, in una situazione del genere ed a parità di importi (tra credito acquisito e recuperabile in 10 anni, e valore dello sconto in fattura concesso), va in difficoltà finanziaria poiché, di fatto, incassa il 50% di danaro in meno e quindi ha una minore liquidità per far fronte ai suoi impegni. Quindi quell’imprenditore dovrebbe ricorrere a mezzi propri ovvero ad un finanziamento da parte della banca per coprire quell’ammanco di cassa. Il Decreto Rilancio introduce la possibilità, per chi acquisisce un credito d’imposta da un cliente, di cederlo a sua volta ad un altro fornitore ovvero ad istituti finanziari come Banche o altri intermediari creditizi. In realtà questa cessione diretta alla propria Banca, può farla anche il cliente finale a conclusione dei lavori di riqualificazione energetica.

Le banche trattengono un valore di oneri finanziari intorno al 20% dell’importo ceduto; le ESCo (Energy Service Company), prime ad acquisire il credito d’imposta raccolto dai rivenditori e produttori sin dal 2019, trattengono addirittura il 30% dell’importo ceduto. Le Poste Italiane sembrano praticare degli oneri finanziari sull’operazione di cessione più contenuti.

In una situazione del genere quali “trappole” possono nascondersi per il cliente finale?

Prima di tutto il rivenditore aumenta il prezzo del bene venduto (nella fattispecie infissi) come è giusto che sia… In sostanza si ragiona come quando si acquista una auto nuova e si da indietro la vecchia auto in permuta; per analogia quel concessionario di auto concede figurativamente denaro liquido (che non incassa), prendendo in carico una vettura che potrà trasformare in liquidità solo nel tempo, dopo averla venduta o ceduta ad un altro concessionario. Quindi solitamente con la permuta, non si ottiene lo sconto sull’auto nuova appena acquistata ed inoltre la valutazione del concessionario sull’auto vecchia, non fa mai felice l’acquirente…

  • Ecco dunque la prima trappola a cui occorre fare attenzione: acquistare un infisso (o ricevere una ristrutturazione da Super-bonus 110%) con un valore intrinseco dei beni acquistati inferiore (anche di parecchio) a quello reale. Non ci sono prezzi imposti e quindi il rivenditore (su un libero mercato), è “libero” di aumentare il prezzo a suo arbitrio verso un cliente che non conosce bene i prodotti da ristrutturazione (pensate ai materiali impiegati per i lavori edili), come potrebbe invece conoscere molto bene il prezzo di una automobile per tutta una serie di fattori facilmente comprensibili.
  • Seconda trappola: si parla di 10%, 15%, 20% e addirittura 30% come oneri finanziari per una operazione di cessione del credito (fatta al rivenditore, al General Contractor, ad una ESCo  ovvero alla Banca). Ma quale dovrebbe essere la percentuale di oneri finanziari congrua? C’è una bella differenza tra lo scontare un credito d’imposta al 10% o al 30%! Chi vigila su questa forbice di tassi?
  • Terza trappola: quasi nella totalità dei casi, il cliente paga il 50% (valore della fornitura con sconto diretto in fattura) all’atto della firma del contratto, mentre le forme di pagamento solite per un acquisto di infissi senza cessione del credito sono differenti e più morbide: 20% all’ordine, 50% quando il materiale è pronto in magazzino (circa 2 mesi dopo l’ordine) e 30% alla chiusura dei lavori (cioè si chiude il pagamento quando tutto è terminato e quando le aspettative circa il lavoro svolto, sono completamente soddisfatte).  Nel caso di cessione del credito e pagamento completo del 50% all’ordine, che leve si hanno se il rivenditore ritarda la fornitura degli infissi? E se qualche rifinitura a fine lavori non è terminata? Si sa come va a finire quando il pagamento avviene tutto in anticipo (come in questo caso), e quando alla fine sopraggiunge qualche problema.
  • Quarta trappola: per dar seguito alla cessione del credito con sconto in fattura, si sottoscrive un contratto di cessione che tutela il rivenditore (come è giusto che sia), verso il verificarsi di anomalie nella procedura fiscale. Il contratto di cessione del credito parla chiaro: in caso di problematiche il cliente finale ha l’onere di versare immediatamente, con un nuovo bonifico al rivenditore, il valore del credito ceduto; e quando di mezzo ci sono i cassetti fiscali, le cessioni e le accettazioni di credito e quant’altro, il timore che qualcosa possa incepparsi è lecito, e la beffa sarebbe quella di pagare il 100% per degli infissi a prezzo più che pieno e tutti gli oneri accessori, con la necessità di dover poi correre dietro a ricorsi o peggio a cause legali.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
50 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Pietro
Pietro
12 Marzo 2021 16:59

Fatte atenzione al ecobonus!!!!
Siamo in Italia non in Germania.Fra stato Italiano,banche e mafie varie si rischia di finire sotto un ponte

Francesco Mariconda
Francesco Mariconda
27 Febbraio 2021 8:28

Articolo da un punto di vista diverso…. Anche io come tecnico che si occupa della questione energetica ho sempre avuto qualche dubbio in particolare verso i progetti “chiavi in mano” e a costo zero.. Nessuno regala…. pur essendo tra gli incapienti sono d’accordo che la questione è complessa e che il modo migliore per gestire il 110 soprattutto sia di scegliere un tecnico scegliere un’impresa e farla pagare da un ente finanziario con prestito ponte cedendo a quest’ultimo il credito. Questo ci permette di fare lavorare il nostro territorio ed i fornitori di fiducia con eventuali esborsi del 1, 2 % a conti fatti ma ci garantisce un lavoro a regola d’arte nei tempi e modi previsti.

Loris Scian
Loris Scian
24 Febbraio 2021 12:59

Quante cazzate. Facile parlare se i soldi uno li ha. A quel punto ha anche un buon credito d’imposta da sfruttare. Tuttavia la maggior parte dei lavoratori e pensionati che hanno poco credito d’imposta fare i lavori quasi a costo zero con la cessione del credito è sicuramente più vantaggioso conti alla mano ( l’esempio riportato è errato per due aspetti: 1. Si da per scontato che il contribuente abbia credito d’imposta 2. Il tempo di rientro dell’investimento lo ha sognato senza un calcolo energetico reale) al di là dei prezzi che per legge devono essere riferiti al prezziario regionale o a quello del genio civile. Pertanto evitate di fare disinformazione! Vergogna!

Cravenna Giovanni Enrico
Cravenna Giovanni Enrico
24 Febbraio 2021 12:13

Perfettamente d’accordo. Aggiungerei che per il Superbonus, condizionato al recupero di DUE classi energetiche difficilmente basta UN SOLO intervento (isolamento superfici opache a.k.a. “cappotto”, infissi, centrale termica e f.v.) ma occorrerà un “pacchetto” opportunamente mixato di interventi che diano il risultato atteso.
INFINE tutti i fornitori e le forniture devono essere contributivamente e fiscalmente INECCEPIBILI: se uno dei miei fornitori ha un contenzioso con AdE (anche successivamente all’avvio dei lavori eanche per irregolarità avvenute durante il periodo dei lavori ma contestate DOPO) io come titolare del credito fiscale ne rispondo in prima persona.
Un esempio? Il fornitore dei miei infissi sta a TN, io a SP. Se un suo furgone che andava a consegnare a TO supera i limiti di velocità e la sanzione non viene pagata e passa a cartella esattoriale…TUTTO decade…Pensate ad una “filiera con Impiantisti, muratori, serramentisti, fornitori di pannelli, di caldaie, di infissi…..

Gabriele Bechini
Gabriele Bechini
23 Febbraio 2021 21:46

Mi stupisco del fattibile che sul sito di Nicola Porro si possano dare certe informazioni fuorvianti. Innanzitutto lo strumento credito d’imposta ha una sua validità innovativa con l’ecobonus 110%. Da questo momento il credito d’imposta, maturato e che DEVE essere “certificato” da professionisti che ne attestino il diritto all’ottenimento sulla base di effettivi miglioramenti energetici, è diventato una vera e propria “Moneta Fiscale”. Diventa un credito CEDIBILE, al fornitore piuttosto che alla Banca. In questo secondo caso, a fronte di un credito cedibile “attestato” del 110% della cifra spesa per la ristrutturazione energetica (comprensiva dei progetti eseguiti dai professionisti e secondo tabelle fissate e chiare…) la Banca riconosce il 100 oppure il 102% o più al cliente come vera e propria liquidità. Tale liquidità copre totalmente la spesa sostenuta dal cliente o addirittura gli lascia anche un margine. Cosa simile per le altre formule (tipo credito del 50% o del 65%) per le quali solitamente laBanca riconosce un 80% del credito d’imposta maturato. Ma il dato fondamentale di queste proposte (del 110% in primis) sta nel fatto di permettere anche a chi NON HA CAPIENZA FISCALE, quindi a chi HA REDDITI BASSI, di eseguire lavori di ristrutturazione energetica della propria abitazione veramente importanti e con effetti positivi sui consumi futuri. Ottenendo liquidità dalla Banca. È un provvedimento realmente dirompente e… Leggi il resto »

Rinaldo
Rinaldo
23 Febbraio 2021 19:45

Sono pienamente d’accordo di fare attenzione a tutte le scelte che si dovranno prendere per usufruire degli sconti previsti a norma di legge per i lavori di risparmio energetico. L’articolo è molto esplicativo e chiaro.
Grazie!

Rita Gambardella
Rita Gambardella
23 Febbraio 2021 18:30

Bravo la gente crede di fare certi lavori e non pagare quasi niente, pubblicità ingannevole per una legge fatta da persone incompetenti.

Giuseppe
Giuseppe
23 Febbraio 2021 17:12

Mi complimento con lei per la chiarezza e la semplicità con cui ha esposto l’argomento.
Magari fossero tutti così