in

Guarire dal Covid in 5 giorni solo con una pasticca. Arriva il Molnupiravir?

Mentre in Italia si continua a discutere di Tachipirina e di vigile attesa, in giro per il Mondo per fortuna continuano le ricerche, non solo in chiave vaccinazioni, ma anche dal punto di vista dei piani terapeutici, per migliorare, sia in fase preventiva sia curativa, la risposta delle persone agli attacchi del Coronavirus.

Anche tantissimi medici italiani non stanno con le mani in mano: in oltre 100mila si sono collegati in una chat privata in cui si scambiano informazioni dirette, molte delle quali stanno salvando parecchie vite. Soprattutto stanno evitando il ricovero di troppi, tanti, pazienti affetti dal virus.

 

NUOVE SCOPERTE E SPERANZE

Secondo i dati di uno studio clinico di fase II negli Stati Uniti, un farmaco antivirale scoperto inizialmente dalla società di sviluppo di farmaci senza scopo di lucro DRIVE di Emory sembra sicuro e riduce la SARS-CoV-2 a livelli non rilevabili nei pazienti COVID-19 dopo cinque giorni di somministrazione.

Si chiama Molnupiravir.

Precedentemente noto come EIDD-2801, può essere somministrato come pillola in ambiente ambulatoriale, il che potrebbe essere un passo avanti in termini di facilità di distribuzione e convenienza.

Sebbene Remdesivir e gli Anticorpi Monoclonali antivirali abbiano ricevuto le autorizzazioni per l’uso di emergenza dalla FDA, devono essere somministrati per via endovenosa o per iniezione. Inoltre, farmaci come il Molnupiravir potrebbero affrontare in modo flessibile le varianti SARS-CoV-2, che sono emerse come una preoccupazione negli ultimi mesi.

Nello studio clinico più recente, Molnupiravir ha eliminato il coronavirus infettivo dai tamponi nasali entro cinque giorni in tutte le persone che lo assumevano. Per fare un confronto, un quarto delle persone che ricevevano placebo aveva ancora virus rilevabili nei tamponi nasali al quinto giorno.

I medici di Emory, proprio per non avere coinvolgimenti, non sono stati coinvolti nella sperimentazione clinica , che ha reclutato 202 adulti con sintomi COVID-19 presso cliniche ambulatoriali negli Stati Uniti. I dati sono stati presentati alla recente Conferenza sui retrovirus e le infezioni opportunistiche (CROI).

 

 

REDUCTION IN INFECTIOUS SARS-CoV-2 IN TREATMENT STUDY OF COVID-19 WITH MOLNUPIRAVIR

Molnupiravir agisce costringendo l’enzima virale che copia il materiale genetico di SARS-CoV-2 a fare così tanti errori che il virus non può replicare. 

In questo studio i ricercatori hanno reclutato 202 adulti che sono stati trattati in una clinica ambulatoriale con febbre o altri sintomi di un virus respiratorio e hanno confermato l’infezione SARS-CoV-2 entro il giorno 4.

Una singola pillola del farmaco sperimentale Molnupiravir presa due volte al giorno per 5 giorni ha eliminato SARS-CoV-2 dal Tampone Rinofaringeo di 49 partecipanti.

Ciò ha portato Carlos del Rio, MD, illustre professore di medicina presso la Emory University di Atlanta, in Georgia, a suggerire un futuro in cui un farmaco come il Molnupiravir potrebbe essere assunto nei primi giorni di sintomi. Questo farmaco offre il primo farmaco orale antivirale che poi potrebbe essere utilizzato in ambito ambulatoriale.

Wendy Painter, MD, di Ridgeback Biotherapeutics, che ha presentato i dati alla conferenza virtuale sui retrovirus e le infezioni opportunistiche, è d’accordo. Sebbene i dati siano promettenti, “avremo bisogno di vedere se le persone migliorano dalla malattia reale” per valutare il valore reale del farmaco nell’assistenza clinica. Sono attualmente in corso studi di fase 2/3 sull’efficacia e sulla sicurezza del farmaco in pazienti ospedalizzati e non.

In una breve presentazione preregistrata dei dati, Painter ha esposto ciò che i ricercatori sanno finora: studi preclinici suggeriscono che Molnupiravir è efficace contro una serie di virus, inclusi i coronavirus e in particolare SARS-CoV-2.

Impedisce a un virus di replicarsi inducendo una catastrofe di errore virale , essenzialmente sovraccaricando il virus con la replicazione e la mutazione fino a quando il virus si brucia e non può produrre copie replicabili.

In particolare, le pillole non devono essere refrigerate in nessun momento del processo, alleviando le sfide della catena del freddo che hanno afflitto i vaccini.

 

 

Leopoldo Gasbarro

 

 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Franca
Franca
29 Aprile 2021 15:24

Auguriamoci tutti che la sperimentazione prosegua al meglio e che presto questo farmaco venga immesso nel mercato in quanto rappresenterebbe una reale soluzione alla distruzione del covid.Purtroppo in questi giorni ho ascoltato tante,troppe persone che non hanno intenzione di vaccinarsi (decisione che non approvo)importante quindi la ricerca farmacologica per curare anche queste persone che da incoscienti potrebbero infettarsi.

Joseph Cavallari
Joseph Cavallari
29 Aprile 2021 2:14

Temo che nessun virologo o ricercatore italiano legga questo interessante articolo di Leopoldo Gasbarro che ho iniziato a leggere ad ascoltare con attenzione e piacere per il modo in cui parla e scrive di argomenti molto complessi.

Visitate e seguite la mia pagina Facebook: “Nicola Porro i migliori contenuti selezionati dal sito personale:”.
Ci troverete tutte le “zuppe”, gli articoli e i contenuti video più interessanti e molto altro.

Mi Permetto di suggerirvi di seguire anche la pagina Facebook “Fuori giri” de ”Il Giornale .”,
Questa pagina é curata egregiamente dall’Amico Pierluigi Bonora.

Mauro
Mauro
26 Aprile 2021 14:06

ancora più semplice il protocollo messo punto dal prof. Remuzzi, ma pochi ne parlano, perchè?

Milano
Milano
26 Aprile 2021 11:45

Anche se intuisco la risposta domando per quale motivo ad oggi nel protocollo ministeriale non sia contemplata la INVERMECTINA che è noto da un anno essere efficacissima contro il virus tanto è vero che lo uccide in 24 ore, peraltro, in qualunque fase della malattia?

Ombretta
Ombretta
26 Aprile 2021 6:50

Sono queste le notizie davvero importanti che vogliamo sentire: il virus c’è e noi possiamo curarci! Tok tok… ne parleranno i giornali???

geogio
geogio
25 Aprile 2021 12:29

Al di la del farmaco, la strategia di farti ammalare per poi metterti in rianimazione a 1000 euro al giorno deve essere stata la linea guida di Conte-Speranza-Draghi. State murati in casa e non rompete.