in

Evergrande crolla in borsa. Il Governo cinese pronto ad intervenire

Evergrande crolla in borsa. Il Governo cinese pronto ad intervenire
Evergrande crolla in borsa. Il Governo cinese pronto ad intervenire

Dimensioni testo

: - :

Torna la pressione su China Evergrande, i cui titoli perdono il 12% al minimo rispetto agli ultimi 11 anni. L’azienda, secondo quanto riportato da Reuters, ha affermato di non avere fondi sufficienti per far fronte ai rimborsi del debito obbligazionario.

Le autorità hanno convocato il suo presidente. Evergrande, un tempo lo sviluppatore più venduto in Cina, è alle prese con oltre 300 miliardi di dollari di passività. Un crollo potrebbe inviare onde d’urto nel settore immobiliare del paese e oltre.

In un documento depositato venerdì scorso, Evergrande, ora lo sviluppatore più indebitato al mondo, ha anche affermato di aver ricevuto una richiesta dai creditori per pagare circa altri 260 milioni di dollari.

Il governo della provincia del Guangdong, dove ha sede la società, ha convocato il presidente di Evergrande Hui Ka Yan.   Inviato, inoltre, un pool ispettivo nelle sedi dello sviluppatore su richiesta di Evergrande per supervisionare la gestione del rischio, rafforzare i controlli interni e mantenere le normali operazioni.

In una serie di dichiarazioni apparentemente coordinate in tarda serata, la banca centrale cinese, il regolatore bancario e assicurativo e il suo regolatore dei titoli hanno cercato di rassicurare il mercato sul fatto che eventuali rischi per il più ampio settore immobiliare potrebbero essere contenuti.

I rischi a breve termine causati da una singola società immobiliare non pregiudicheranno la raccolta fondi del mercato a medio e lungo termine, ha affermato la People’s Bank of China, aggiungendo che le vendite di abitazioni, gli acquisti di terreni e i finanziamenti “sono già tornati alla normalità in Cina”. 
Intanto Bloomberg anticipa la notizia relativa a Kaisa Group Holdings Ltd.  altra società del settore vicina ad un potenziale default questa settimana. Sarebbero stati proprio i test predisposti da Pechino ad evidenziarne le difficoltà.
Staremo a vedere.