Finanza

Stellantis presenta la sua Alfa “Milano”, ma parlerà polacco

E Tavares torna a minacciare il governo sugli impianti: “Un nuovo produttore in Italia? Possibili decisioni impopolari”

tavares alfa romeo polonia © Vitalij Sova e tramite Canva.com

Stellantis ha voluto battezzarla “Alfa Milano” ma la produrrà in Polonia nell’impianto di Tychy, lo stesso a cui anche l’alleata cinese Leapmotor vuole affidare la sua compatta. E’ il nuovo cortocircuito di italianità del nuovo crossover del Biscione.

Di norma sono i gruppi esteri a escogitare espedienti di marketing nel tentativo di cavalcare il blasone del made in Italy. Fino al caso limite dell’italian sounding che dilaga nel mondo dell’alimentare. Questa volta è invece Stellantis a giocarsi il nome “Milano”, dove certo l’Alfa è nata, per una macchina che farà però ben lontano dai confini nazionali.

La strategia della casa automobilistica peraltro appare da tempo a trazione francese. Complice quel 6% nelle mani dell’Eliseo, da sommare alla quota della famiglia Peugeot. E il poco garbato “no grazie” opposto qualche anno fa dall’amministratore delegato Carlos Tavares quando Mario Draghi progettava di bilanciare i rapporti di forza con lo Stato transalpino schierando Cassa depositi e prestiti, che fa capo al ministero del Tesoro.

Va ricordato che il primo azionista singolo di Stellantis con il 14% circa è Exor, cioè la holding degli eredi di Gianni Agnelli. Ma questo non è bastato a preservare gli impianti italiani, che anzi sono per la quasi totalità in una situazione molto difficile per mancanza di nuovi modelli: da Mirafiori a Melfi, da Cassino fino alla Maserati.

L’amministratore delegato Carlos Tavares, dopo aver difeso il ruolo di Elkann, ha però ripetuto il suo monito al governo: se qualcuno vuole aprire le porte a un altro produttore, magari cinese, che farà pressione sui prezzi direttamente in uno dei mercati domestici di Stellantis, allora “sarà responsabile delle decisioni impopolari che potremmo prendere“.

Il ragionamento è semplice: se Stellantis perderà altre quote di mercato, serviranno ancora meno stabilimenti e quindi operai lungo la Penisola. Parole giunte come un mezzo ricatto alle orecchie dell’esecutivo, soprattutto dopo i severi tagli occupazionali appena annunciati dal gruppo.

Non per nulla il ministro delle Imprese Adolfo Urso, che punta a produrre un milione di auto nel nostro Paese, ha risposto molto piccato a Tavares. Anche perché è proprio la penuria di nuovo modelli il problema centrale della tenuta degli impianti e poi dei risultati delle vendite rispetto alla concorrenza.

Fatta salva la libertà di ciascuna impresa di produrre dove è più conveniente, perché così comanda il mercato e quindi dell’urgenza di rendere il nostro Paese più competitivo con le liberalizzazioni, vale la pena evidenziare un particolare: il crossover “Milano” sarà la prima Alfa della storia venduta in Italia e realizzata all’estero.

Nel senso che già prima alcune auto del Biscione, destinate per esempio al Sud America o al Sud Africa, venivano assemblate in altri luoghi. Ma non finivano come invece accadrà alla “Milano” nei concessionari delle nostre città. Il tutto senza contare il ciaone già assestato da Stellantis a Pomigliano D’Arco, affidando alla Serbia il compito di realizzare la Panda elettrica.

Tavares ha comunque sottolineato che Stellantis paga le tasse in tutti i Paesi dove produce, quindi Italia compresa, e che negli ultimi cinque anni ha investito cinque miliardi nel nostro Paese. Quindi ha annunciato un ulteriore impegno da 100 milioni per aumentare il potenziale della Fiat 500 elettrica a Mirafiori.

Con tutto il rispetto per il gesto, è un po’ come pretendere di curare un malato terminale prescrivendogli un ottimo sciroppo per la tosse, considerando i livelli produttivi di uno stabilimento che è stato il simbolo dell’orgoglio sabaudo ma che ora è una cattedrale nel deserto di Torino.

Leggi anche:  Il marchio Fiat perde dopo 96 anni il primato delle vendite in Italia. Qui, invece, i nuovi aiuti pubblici chiesti da Stellantis al governo con il ricatto degli impianti e la missione diplomatica di Elkann al Quirinale per ricucire e battere cassa.

Le critiche opposte al gruppo, secondo il top manager portoghese, sono tuttavia tutte “fake news”. Stellantis è nata nel 2021, sarebbe bello sapere sia quanto ha investito negli ultimi anni in Italia sia quanto intenda farlo nei prossimi. E paragonarlo a quello che accadrà in Francia, dove Macron saprà certamente fare la voce grossa.

 

Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it
la grande bugia verde

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli