in

E’ guerra tra Armenia e Azerbaijan. A rischio il gas per l’Italia?

E' guerra tra Armenia e Azerbaijan. A rischio il gas per l'Italia?
E' guerra tra Armenia e Azerbaijan. A rischio il gas per l'Italia?

Dimensioni testo

 

Gli sforzi internazionali per convincere l’Armenia e l’Azerbaijan a stabilire un cessate il fuoco sono stati di breve durata poiché gli scontri al confine sono continuati mercoledì, dopo che la peggiore violenza tra i paesi rivali dal 2020 è scoppiata poco dopo la mezzanotte di martedì, con oltre 100 soldati armeni uccisi , secondo nuove dichiarazioni dal Primo Ministro Nikol Pashinyan.

Lo stesso giorno l’Azerbaigian aveva affermato che 50 delle sue truppe erano state uccise durante i combattimenti , con entrambe le parti che incolpavano l’altra di aggressione e provocazioni. Pashinyan ha accusato le forze dell’Azerbaijan di aver violato e occupato 10 chilometri quadrati di territorio sovrano armeno a seguito di scontri iniziati di nuovo questa settimana, per i quali sta cercando l’aiuto militare russo.

La Russia ha affermato di aver mediato un cessate il fuoco martedì, ma è rapidamente crollata poiché i bombardamenti transfrontalieri sono continuati. 

 È stato riferito che diverse centinaia di forze di pace russe nel Nagorno-Karabakh sono sulla linea di tiro…

Ora con almeno 105 soldati armeni uccisi e altri feriti, e mentre l’Azerbaigian continua a giurare “misure di risposta necessarie” da parte delle unità militari di stanza al confine, crescono i timori di una guerra in piena regola :

“Il viceministro degli Esteri armeno Paruyr Hovhannisyan ha detto a Reuters che gli scontri potrebbero degenerare in una guerra : un secondo grande conflitto armato nell’ex Unione Sovietica mentre l’esercito russo è concentrato sull’invasione dell’Ucraina.

Come abbiamo spiegato in precedenza , il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan si è schierato pienamente con l’Azerbaigian, come è stato chiaro nel recente passato. Durante l’ultimo conflitto di confine, Erdogan avrebbe dato il via libera ai mercenari islamisti siriani sostenuti dalla Turchia inviati nel conflitto per combattere gli armeni.

Con Yerevan che sollecita un maggiore intervento russo dalla sua parte e lo stretto rapporto di Baku con la Turchia e Erdogan, è una ricetta per una potenziale conflagrazione più ampia.

Come sottolinea Reuters , “un conflitto a tutti gli effetti rischierebbe di trascinarsi in Russia e Turchia e destabilizzare un importante corridoio per gli oleodotti che trasportano petrolio e gas proprio mentre la guerra in Ucraina interrompe le forniture energetiche”. L’Iran ha anche messo in guardia contro i “cambiamenti di confine” in quest’ultima fiammata di combattimenti.