in , ,

Covid_19. Autorizzato l’uso dell’ antivirale di Merk. Addio ai vaccini?

Dimensioni testo

E’ la notizia delle notizie. Forse la notizia più importante da mesi. Proprio in queste ore sta partendo la più grande azione di diffusione del nuovo farmaco della Merk, l’antivirale che potrebbe cambiare in meglio le nostre vite. 

La società farmaceutica Merck ha annunciato oggi che la sua pillola sperimentale anti COVID-19 ha ridotto della metà i ricoveri e i decessi nelle persone recentemente infettate dal coronavirus. La società ha poi anticipato che avrebbe chiesto ai funzionari sanitari negli Stati Uniti e in tutto il mondo di autorizzarne l’uso. Il farmaco di Merck sarebbe la prima pillola indicata per trattare il COVID-19, un potenziale progresso importante negli sforzi per combattere la pandemia”.

Ebbene ci siamo. L’autorizzazione è arrivata e porta la firma delle istituzioni sanitarie inglesi. Da domani, la pillola della Merk potrà essere somministrata a pazienti Covid_19. Sarà somministrato il prima possibile a seguito di un test COVID-19 positivo ed entro cinque giorni dall’insorgenza dei sintomi, ha affermato il regolatore, citando i dati clinici.

La pillola è progettata per introdurre errori nel codice genetico del coronavirus. Questo errore è tale da impedirne il normale sviluppo, bloccandone quindi gli effetti sull’uomo. La posologia indica che la pillola anti-Coronavirus sarà assunta due volte al giorno per cinque giorni. Il professor Stephen Powis, direttore medico nazionale per il Servizio sanitario nazionale, in Inghilterra, ha affermato che il farmaco sarà somministrato a cominciare dai casi più difficili per cercare di un imbastire un nuovo set di  dati sempre più approfonditi.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
paolospicchidi@
paolospicchidi@
5 Novembre 2021 11:40

Qualche notizia in più… oltre al fatto che costa 700 euro… non ho capito se a pastiglia o per l’intero trattamento…
https://www.open.online/2021/10/02/coronavirus-cosa-sappiamo-della-pillola-molnupiravir-per-trattamento-pazienti-covid-rischio-ospedalizzazione/