in

I ROBOT: ora proteggono i lavoratori da Covid

Dimensioni testo

Per decenni, l’atteggiamento dei sindacati e dei loro sostenitori verso una maggiore automazione si è potuto riassumere in una parola: no. Temevano che ogni volta che una macchina veniva inserita nel flusso di lavoro, un operaio perdeva un lavoro.

La pandemia Covid-19 ha imposto un piccolo ma significativo cambiamento in quel calcolo. Poiché il contatto umano diffonde la malattia, alcune macchine sono ora viste non esclusivamente come il nemico dei lavoratori, ma anche come il loro protettore. Ciò ha accelerato l’uso dei robot quest’anno in un modo che nessuno si aspetta di fermare, anche dopo che il virus è stato sconfitto.

“Se mi tieni a sei passi di distanza dall’altro lavoratore e hai un robot in mezzo, ora sei al sicuro”, ha detto Richard Freeman, professore di economia all’Università di Harvard, che studia lavoro. “E le aziende di robot lo stanno vendendo come soluzione e i sindacati non diranno:” No, dovresti avere i lavoratori in piedi uno accanto all’altro in modo che si ammalino “”.

Il risultato è la diffusione di rilevatori di pedaggio montati sul parabrezza, lavapavimenti automatizzati nelle fabbriche, macchine per tagliare l’insalata nei negozi di alimentari, maggiordomi meccanici negli hotel e ricevute elettroniche per le finitrici stradali. Ciò che rimane meno chiaro è dove lavoreranno gli uomini e le donne che erano soliti svolgere alcuni di questi lavori.

L’impatto della tecnologia sull’occupazione è stato un argomento di ansia e studio per generazioni con risultati contrastanti. Le auto non hanno ucciso i treni, la televisione non ha messo fine alla radio. Quando le banche hanno installato gli sportelli automatici, hanno assunto più persone, non meno, perché la varietà dei loro servizi è cresciuta. Ma le macchine hanno eliminato molti posti di lavoro e l’attuale ondata non farà eccezione, soprattutto con la salute pubblica una delle principali preoccupazioni.

“Quando usciremo da questa crisi e la manodopera sarà di nuovo a buon mercato, le aziende non ritireranno necessariamente queste invenzioni”, ha detto David Autor, un economista del Massachusetts Institute of Technology, in un webinar di settembre della Federal Reserve Bank di Philadelphia. “Queste sono una specie di transizioni unidirezionali.”

Questo è ciò che preoccupa i leader sindacali.

“Nell’industria automobilistica, vediamo Covid accelerare la trasformazione verso la digitalizzazione”, ha affermato Georg Leutert, che dirige le industrie automobilistiche e aerospaziali presso IndustriALL Global Union con sede a Ginevra. Sebbene la transizione sia inevitabile, i lavoratori sono nervosi e hanno bisogno di aiuto per il miglioramento e la riqualificazione, ha affermato.

Mark Lauritsen della United Food and Commercial Workers International Union in Nord America ha affermato che per evitare il tipo di interruzione nell’industria della carne causata dal virus, l’automazione continuerà chiaramente, ma ha avvertito: “Se l’automazione è sfrenata, sarà un minaccia.”

Con gli impiegati a casa che comunicano tramite strumenti remoti, si avverte anche un effetto a catena : autisti di autobus, proprietari di bancarelle di panini e custodi sono in difficoltà poiché il loro lavoro, che supporta il lavoro in ufficio, diminuisce. I posti di lavoro nel supporto amministrativo, che includono ruoli negli edifici per uffici, sono diminuiti di circa 700.000 rispetto allo scorso anno, secondo i dati di novembre del Bureau of Labor Statistics. Inoltre, il mercato azionario, già orientato alla società di tecnologia, ha guidato gli investitori lontano da industrie ad alta intensità di manodopera nella pandemia.

La nuova automazione sembra anche influenzare i posti di lavoro al dettaglio. Sono 500.000 in meno rispetto allo scorso novembre, secondo il BLS. Il trasporto e l’immagazzinamento sono circa 100.000 posti di lavoro al di sotto dei livelli di un anno fa. Nel frattempo, le vendite al dettaglio sono al livello più alto mai registrato, principalmente guidate dall’e-commerce, che spesso impiega più automazione rispetto ai negozi fisici.

Il World Economic Forum ha riferito a ottobre che il 43% delle aziende intervistate dovrebbe ridurre la propria forza lavoro a causa dell’integrazione tecnologica, mentre il 34% prevede di espandere la propria forza lavoro per lo stesso motivo. Entro il 2025, il tempo speso per le attività attuali al lavoro da uomini e macchine sarà uguale.

Alcuni sostengono che affidare lavori ripetitivi a robot consentirà ai lavoratori di assumere nuovi ruoli in quello che oggi è un settore in forte espansione: l’assistenza agli anziani. C’è un urgente bisogno che più lavoratori si prendano cura del “vecchio più anziano”, Manoj Pradhan, fondatore di Talking Heads Macroeconomics, e Charles Goodhart, professore della London School of Economics, sostengono nel loro libro “The Great Demographic Reversal”.

ori di pedaggi – non lo faranno, esacerbando la disuguaglianza.

Un esempio calzante: la Pennsylvania Turnpike Commission ha tagliato 500 posti di lavoro dopo aver installato un sistema di pedaggio elettronico a marzo.

Alcune aziende si stanno preparando per più pandemie, il che significa più automazione e meno dipendenti. Lucid Motors, una startup di veicoli elettrici sostenuta dal Fondo per gli investimenti pubblici dell’Arabia Saudita, ha costruito una fabbrica di veicoli elettrici di 999.000 piedi quadrati a Casa Grande, in Arizona, dove spera di iniziare la produzione con un EV $ 160.000 l’anno prossimo.

“Dopo questa pandemia, si manifesterà la prossima pandemia”, ha affermato Peter Hochholdinger, vice presidente della produzione di Lucid. “Dobbiamo impegnarci di più nell’automazione nell’assemblea generale”.

Nel settore minerario, i fornitori svedesi Hexagon ed Epiroc affermano che l’interesse per l’automazione è improvvisamente aumentato.

L’amministratore delegato di Caterpillar Inc. Jim Umpleby ha recentemente affermato che le apparecchiature più vecchie saranno probabilmente sostituite da più camion digitali e le tecnologie autonome ridurranno la vicinanza tra i lavoratori.

Juan Cariamo, presidente di CNP, un gruppo pubblico-privato che aiuta a testare le tecnologie minerarie in Cile, ha affermato che il virus sta accelerando i cambiamenti a lungo termine costringendo le aziende a trasferire i dipendenti fuori sede.

“La pandemia ha imposto un senso di urgenza”, ha detto Cariamo in un’intervista. “I progetti che erano già in cantiere vengono accelerati”.

In Cile sono aumentate le richieste di permessi per pilotare un’ampia gamma di tecnologie, dai sensori di pressione degli pneumatici al ritrattamento dei rifiuti minerari e ai veicoli autonomi. Il regolatore minerario cileno ha firmato un accordo con CNP in ottobre per semplificare il processo di autorizzazione.

BHP Group, il più grande minatore del mondo, ha un programma da 800 milioni di dollari per aggiungere 500 camion autonomi nelle miniere di minerale di ferro e di carbone in Australia e sta valutando l’adozione di camion senza conducente nelle miniere di rame in Cile.

L’industria mineraria cilena ha impiegato 201.000 persone a settembre, in calo del 15% rispetto allo scorso anno e il minimo da almeno un decennio, secondo il Consiglio minerario del paese. Nel frattempo, la produzione è leggermente aumentata e il comune ha abbassato del 12% la sua previsione per il numero di posti di lavoro minerari necessari nel prossimo decennio.

La recessione è un momento comune per gli investimenti nell’automazione perché i prestiti sono più economici e le aziende che tagliano i posti di lavoro – anche se a causa dell’automazione – possono attribuire le riduzioni all’economia ed evitare la pubblicità negativa, ha affermato Ethan Pollack, direttore politico dell’Aspen Institute Future of Work Initiative. La pandemia non fa che aumentare i motivi, ha detto.

Attualmente, il Cile, gli Stati Uniti e il Messico spendono meno in politiche attive del mercato del lavoro – intese a migliorare la disponibilità al lavoro e ad espandere l’occupazione – tra tutti i paesi che appartengono all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. È improbabile che ciò cambi rapidamente perché i problemi di salute vengono prima.

“I politici non stanno ancora prestando attenzione”, ha detto Pollack. “Ne pagheremo il costo per decenni se non agiamo ora”.

Anche le leggi fiscali favoriscono l’automazione. Secondo uno studio degli economisti del MIT , la tassa statunitense sul capitale – che include robot e macchinari – è di circa il 5%, mentre la tassa sul lavoro è di circa il 25% .

Il presidente eletto Joe Biden riconosce la minaccia di perdita di posti di lavoro ma non ha menzionato ulteriori finanziamenti o modifiche al codice fiscale. Ha affermato che la sua amministrazione garantirà che i datori di lavoro informino in anticipo tutti i dipendenti interessati dei cambiamenti tecnologici e dell’automazione sul posto di lavoro, mettano i loro dipendenti in prima linea per nuovi lavori e offrano formazione professionale retribuita.

Casey, l’economista dell’Università dell’Illinois, dice che più persone sono senza lavoro, maggiore è il rischio di disordini sociali.

“Molte di queste persone sono maschi di prima età che non hanno praticamente nulla da fare e la nostra politica sociale dirige i soldi lontano da quella coorte in generale”, ha detto Casey. I responsabili politici stanno “sottovalutando il problema politico e il problema sociale che emergerà quando entreremo in un mondo in cui non c’è abbastanza lavoro per andare in giro”.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments