in

Storia di una banconota da 20 dollari. La storia di ognuno di noi

Storia di una banconota da 20 dollari. La storia di ognuno di noi
Storia di una banconota da 20 dollari. La storia di ognuno di noi

Dimensioni testo

La protagonista della breve storia di oggi è un po’ straordinaria. Non perché sia rara: parlo della presenza nel mondo di 8,9 miliardi di suoi esemplari, pari al 23% in valore di tutte le banconote emesse dalla Federal Reserve. 

Non perché sia particolarmente fragile: la carta moneta usata per produrla è anzi molto più resistente e sottile in confronto con la carta normale. Nel suo processo produttivo essa viene sottoposta a pressioni di migliaia di kg che ne aumentano significativamente la resistenza. 

È una banconota: ed è quella più utilizzata negli acquisti al dettaglio americani, ma anche quella più falsificata. Essa resta in circolazione mediamente per 7,8 anni prima di essere sostituita a causa di usura e danneggiamenti. 

Ecco a voi la protagonista: è la BANCONOTA DA 20 DOLLARI.

E di seguito trovate la breve storia che vi ho preannunciato.


PICCOLA STORIA INSEGNA
Un noto oratore diede inizio a un suo seminario mostrando una banconota da $ 20. Più di 200 persone si erano riunite per ascoltare il suo discorso. Cominciò il suo intervento chiedendo: “Chi vorrebbe questa banconota da $ 20?” Più di 200 mani si alzarono.

Allora egli disse: “Ho intenzione di dare questi $ 20 a uno di voi, ma prima lasciatemi fare questo” e accartocciò la banconota. Poi chiese: “Chi la vuole ancora?” tutte le mani dell’audience si alzarono.

Bene, rispose: “E se facessi questo?” disse lasciandola cadere a terra e iniziando a calpestarla sul pavimento con le sue scarpe. Poi la raccolse, mostrandola accartocciata e sporca. “Ora, chi la vuole ancora?” Tutte le mani si alzarono in aria.

“Amici miei, adesso abbiamo tutti imparato una lezione molto preziosa. Non importa cosa è stato fatto alla banconota, la volete ancora perché non è diminuito il suo valore. Vale ancora $ 20. 

MORALE: molte volte nella nostra vita, ci siamo lasciati andare, accartocciati e schiacciati nella povertà delle decisioni che abbiamo preso e delle circostanze che ci si sono presentate. Ci sentiamo inutili.

Ma non importa cosa è successo o cosa accadrà, non perderemo mai il nostro valore.

Sporchi o puliti, accartocciati o sgualciti, siamo ancora inestimabili per coloro che ci amano.

Il valore delle nostre vite non sta in ciò che facciamo o in chi conosciamo, ma in CHI SIAMO. 

Siamo speciali, non dimentichiamolo! 

Se non trasmettiamo questo concetto, potremmo non conoscere mai le vite che lo condividono, i cuori feriti a cui parla o la speranza che può generare. Diamo valore alle nostre benedizioni, non ai nostri problemi.”


LEZIONI DA IMPARARE

Ogni nostro parente, amico e ogni persona che lavora con noi ha un profondo bisogno di essere notato, riconosciuto e apprezzato come speciale, come un individuo unico. 

Ognuno di noi può offrire qualcosa di diverso intellettualmente, fisicamente e creativamente. Ecco perché gran parte della letteratura sulla gestione aziendale ha sottolineato negli ultimi anni la necessità di celebrare i successi delle persone sul lavoro, con modalità sia grandi che piccole. 

Fai sapere alle persone intorno a te che le apprezzi. 

Congratulati con un collega per il lavoro ben fatto. Fagli i complimenti per il talento che lo distingue, per andare oltre l’obbligo del dovere, per aver risolto creativamente un problema o anche solo per avere parlato quando c’era bisogno di dire qualcosa. Gli associati più giovani beneficiano dell’incoraggiamento, i colleghi più anziani apprezzano l’onore.

Abbiamo tutti bisogno di questo tipo di comunicazioni positive. E abbiamo bisogno di ricevere sfide sul lavoro che sfruttano le nostre qualità e i nostri background unici. Non esistono due persone con gli stessi talenti e le stesse esperienze. 

Ognuno di noi ha qualcosa di diverso da offrire, intellettualmente, fisicamente e creativamente. 

Un’organizzazione che non se ne rende conto e quindi non ne fa uso, perde un’opportunità di importanza cruciale e dilapida le sue risorse più facilmente disponibili.

Se non conosciamo l’unicità della persona accanto a noi, non possiamo collegarci a quella distinzione in modo potente e produttivo. 

Se conosciamo meglio i nostri collaboratori, ci mettiamo in condizione di apprezzare chi sono, come le loro prospettive e competenze sono diverse dalle nostre e quindi come possiamo collaborare nel modo più efficace in modi nuovi e creativi. 


UN ESERCIZIO PRATICO

Un presidente di un’azienda una volta ha confessato di essersi reso conto che le persone nei suoi uffici non conoscevano il background e le esperienze uniche degli altri. Potrebbero aver conosciuto i nomi l’uno dell’altro e un dettaglio autobiografico qua e là, ma in realtà non si conoscevano come persone; lui sospettava che ciò stava danneggiando il lavoro che potevano fare collaborando. 

Così ha radunato tutti insieme per un sabato al parco. Hanno giocato e hanno fatto un picnic, ma il momento importante è stato quando si sono seduti in un grande cerchio. Lui ha distribuito una cartolina per ciascuno e ha chiesto a tutti i presenti di scrivere sulla loro cartolina un segreto su sé stessi, una cosa che pensavano che nessun altro al lavoro conoscesse, ma che non gli sarebbe dispiaciuto che altre persone venissero a sapere.

Senza firmare i loro nomi, hanno tutti lasciato cadere le cartoline in una grande scatola, poi hanno cominciato a tirare fuori le cartoline leggendo ad alta voce ogni segreto e cercando di indovinare di chi fosse. I risultati erano stati divertenti, informativi e talvolta sorprendenti. 

Tutti scoprirono talenti nascosti nel gruppo a cui avrebbero potuto attingere in futuro e cominciarono a comprendere alcuni forti vantaggi provenienti da un ambiente più ricco di eterogeneità e diversità. 

Questo ambiente sarà inevitabilmente più stimolante intellettualmente. 

Sarai esposto a differenze che dovrai assimilare e comprendere. 

Sarai costretto a pensare al di fuori delle normali abitudini. 

In questo nuovo contesto puoi sviluppare un senso di apertura creativa al nuovo che può essere molto eccitante. Sfide a chi sei e come pensi possono essere gli stimoli per la crescita personale e professionale, portando un grande senso di soddisfazione. 

Un ambiente di diversità è sempre anche uno di apprendimento e l’apprendimento è intimamente connesso con un senso di felicità nelle nostre vite. 


I CONSIGLI DI TOM PETERS

Ma ascoltiamo a questo punto alcuni concreti suggerimenti di Tom Peters. 

Il coinvolgimento collettivo è assolutamente necessario per generare il livello di qualità, servizio e flessibilità richiesti dai mercati di oggi. 

Una comunicazione intensa è necessaria per ottenere quel risultato. 

Dobbiamo:

  • ascoltare costantemente, raccogliere e scambiare idee/informazioni e dare riconoscimenti per i risultati ottenuti;
  • celebrare formalmente o informalmente le “piccole vittorie” che sono indicative di una solida performance generata giorno per giorno dalla maggioranza della forza lavoro. 

Uno scambio di informazioni di dimensioni senza precedenti, una continua interazione e un puntuale riconoscimento sono indispensabili per indurre il cambiamento di attitudine e la comunicazione orizzontale necessari per attivare un coinvolgimento generalizzato e un continuo impegno. 

Ciò significa: 

  1. sviluppare meccanismi per suscitare un intenso ascolto proattivo: ciò dovrebbe includere occasioni di conversazione informale con il CEO e la conduzione di sondaggi organizzati;
  2. supportare queste attività con iniziative collaterali come newsletter quindicinali e un house organalmeno mensile;
  3. tenere un minimo di cinque eventi celebrativimensili, anche di piccola entità;
  4. arricchire queste iniziative con almeno dieci note mensili di ringraziamento(“thank you notes”) per riconoscere piccole azioni meritorie che giustifichino un minimo di celebrazione.    


LESSON LEARNED

In estrema sintesi valgono le belle parole di Jack Stack, imprenditore conosciuto come “The smartest strategist in America”:  

“Niente è più importante che creare un ambiente in cui le persone comprendano di fare la differenza. Non puoi sentirti bene con quello che stai facendo, a meno che tu non pensi di fare la differenza”. 

Edoardo Lombardi, 26 dicembre 2021

 

 

Questo e altri contenuti per la crescita personale e manageriale su V+, il magazine dedicato alle Pmi. Scarica il tuo numero qui:

https://bit.ly/vpiucopiaomaggio