Cronaca

È giustizia questa?

Follie giudiziarie: 17 anni al gioielliere, 14 all’assassino di Saman

castellino saman

Ho letto la sentenza del caso di Saman Abass ed è una cosa che non ci si può credere. Ricorderete la ragazza pakistana che è stata uccisa dallo zio su mandato dei genitori: padre e madre sono stati condannati all’ergastolo, mentre lo zio – che è quello che le ha rotto il collo e l’ha seppellita per nascondere il cadavere – è stato condannato ad appena 14 anni.

Ma come è possibile che lo zio che ammazza la giovane pakistana che non voleva diventare una sposa bambina e ne seppellisce il corpo si becca solo 14 anni di carcere? La sua non era non premeditazione? Per intenderci: sette esponenti di Forza Nuova hanno “ucciso” i mobili della CGIL e si sono presi 8 anni e mezzo di carcere. Io sono la cosa più lontana possibile da quegli esponenti di FN: loro sono statalisti, non gli piacciono le cose che piacciono a me e la pensano in maniera opposta alla mia. Però loro vengono condannati a 8 anni e mezzo per aver distrutto la sede della CGIL, mentre lo zio che strozza la nipote, rompendole il collo e buttandola nel burrone, si farà solo 14 anni. Questa giustizia è strana.

Anche Maurizio Belpietro oggi sulla Verità fa un ragionamento simile a questo, prendendo però il caso del gioielliere Mario Roggero che ammazza due rapinatori e viene condannato a 17 anni. Il problema vero è che la giustizia in Italia è un terno al Lotto per cui alla fine, purtroppo, i pregiudizi dei magistrati hanno un grande peso.

Nicola Porro, dalla Zuppa di Porro del 21 dicembre 2023

Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli