in ,

Germania, ecco come trattano gli immigrati

Il Ministro degli Esteri della Germania, Heiko Maas, pochi giorni fa ha fatto la solita lezioncina all’Italia sulla gestione dell’immigrazione dopo il caso della “capitana” Carola Rackete: “Il salvataggio in mare non dovrebbe essete criminalizzato. Salvare vite umane è un obbligo umanitario”.

Le telecamere di Quarta Repubblica sono andate in Germania a vedere come sono trattati i migranti: guardate quanta coerenza…

Dalla trasmissione del 1° luglio 2019.

Condividi questo articolo

26 Commenti

Scrivi un commento
  1. Questi non sono immigrati, ma neri africani rimasti all’età della pietra. Italia non generalizzare il termine ‘immigrato’, perché anche tu come italiano sei un immigrato in Germania ma non sei un australopitecus.

  2. I tedeschi, i francesi e gli olandesi sono fuori di testa!!!!! Hanno detto che l’Italia deve essere punita, il mio professore di geografia ha detto che gli immigrati sono sempre esseri umani e non animali!!!!!!!!!

  3. voi europei siete proprio una razza morente, questi neri vi pigliano per i fondelli con scenette da teatro che non convincerebbero neanche un bambino di 5 anni, coadiuvati da ”giornalisti” dallo sguardo serio e compassionevole, pronti a raccogliere la loro tragica testimonianza. tempo 5 anni a vi mangiano in testa. poveri voi.

  4. È lì che la nostra Carola dovrebbe andare, ah gia’ pero’ lì la legge viene rispettata…. meglio allora venire qui dove ognuno fa cio’ che vuole tranne gli italiani ovviamentw

  5. Come recitano bene,la poliziotta intendeva solo scortare la donna incinta e quest’ultima ha fatto sceneggiate napoletane come se la stesse picchiando a morte. Ma dai….

  6. Caro Porro, quel servizio purtroppo non prova nulla. Ci sono sole alcune affermazioni di migranti che si basano su cose sentite dire o riferite da altrui persona ed una nera che fa la sceneggiata a terra senza che le poliziotte la abusino in alcun modo. Detto ciò rimane altamente probabile che il trattamento riservato dalla polizia tedesca ai migranti riottosi non sia dei più delicati, ma aspetterei a montare un caso solo perchè “lo ha detto Repubblica”. I migranti che ci vengono rimandati secondo le regole del trattato di Dublino sono quelli che il nostro Stato non ha avuto la forza di trattenere o che sono stati lasciati andare con benevola connivenza. Le stesse cose capitano al confine svizzero e a quello francese, ma solo da noi ci sono occhiute organizzazioni che, appena ad un migrante viene fatto bhuu, riescono a montare casi da patente rigurgito fascista. E’ su questi personaggi che alzerei uno sguardo meno benevolo. Siamo anche un pò stufi di sentire sproloquiare personaggi che falsificano la verità e rinnegano il buon senso remando contro le istituzioni di questo Paese.

    • Infatti non sono ne miei parenti e tanto meno mie figli, quindi se vuole, se li porti a casa sua, e prima di metterli a letto elargisca dolci bacini!!

    • Infatti non sono ne miei parenti e tanto meno mie figli, quindi se vuole, se li porti pure a casa sua, e prima di metterli a letto elargisca dolci bacini!!

  7. Appunto, i tedeschi non guardano in faccia a nessuno.
    Noi che siamo più civili possiamo prendere spunto, solo spunto, da quel che fanno loro : chiudere ermeticamente le frontiere e fregarcene delle urla belluine dei vari cretinetti.
    Mettere un cordone navale appena prima delle nostre acque territoriali e preporre una nave a riaccompagnar i barcaroli del momento da dove sono salpati.
    Sarà sempre peggio se non si prenderanno forti e chiari provvedimenti ed è inutile star qui a discutere del sesso degli angeli. Siamo in tanti tantissimi che non ne possono più dello stillicidio di Ong o barche, siamo stanchi di essere presi per i fondelli dal primo che passa o arriva.
    Non capire che la situazione, quando finiranno le vacanze (che sono sacre per le moltitudini e mai si metterebbero ora a far guerra) diverrà esplosiva con la caccia all’uomo, anche bianco che reclama sbarchi a go go, vuol dire essere tonti.
    In questi giorni alcuni parlano di andare a fare gite in barca e se avvistano……………..
    Tutti urlano che non si possono fermare le invasioni e, questi tutti, sono farabutti già che se si è seri tutto si può fare; basta vedere cosa fa la Francia, che ci è vicina, con gli scafisti; c’è quella italiana in galera perchè ha portato clandestini sul loro suolo. Mica per niente le barche barconi e Ong da nessun altro vanno, solo da noi che siamo imbecilli lassisti con una magistratura venduta all’ideologia rossa.
    Solo da noi ci sono traditori dello stato e del paese in così massiccio numero e solo da noi non si fa nulla per fermarli come si fece quando aizzavano a sparare.
    E’ un paese marcio, marcio da decenni, con la cura comunista che ha obnubilato le menti anche quelle poco poco pensanti. Siamo vigliacchi, e poi ci lamentiamo se ce lo dicono tutti i paesi del mondo, anche quelli neri, pensa te!
    Qualcuno dovrebbe andarsi a leggere cosa disse dei comunisti De Gasperi che non li voleva nel governo, tutto vero e tutto attuale ancora oggi.
    Alle volte vien da maledire quel momento in cui gli diedero facoltà d’entrare nel governo, chè proprio da lì cominciò la nostra discesa agli inferi.
    Sono bestie assetate del sangue altrui, truffatori e ladri, nessun sprazzo d’intelletto li sfiora.

  8. “Anche in una chiesa, ogni santo vuole il suo tabernacolo”. Quindi non ci prendiamo per i fondelli dicendo che l’Europa è una grande famiglia e ci dobbiamo sentire tutti uniti. In questo grande condominio chiamato Europa, ogni nazione continua a difendere i propri interessi e i propri confini a dispetto di qualsiasi legge. Pertanto, non vi meravigliate se ognuno non vuole gli immigrati a casa propria. Questo buonismo tanto decantato da una certa sinistra e soprattutto dalla chiesa è solo un modo per creare disordine a casa altrui e preparare un’Europa di meticci al servizio di un potere occulto che controlla il mondo.

  9. i tedeschi non cambiano mai …..
    nazisti erano e nazisti rimangono …
    il PPE è solo una infarinatura sulla zampa nera ….

  10. I migranti non li vuole nessuno. Salvini ha il coraggio di dirlo apertamente: tedeschi, francesi, olandesi e tutti gli altri la pensano nello stesso modo ma tacciono per ipocrisia. Fa bene Salvini a cercare di impedire con ogni mezzo ulteriori sbarchi: se non lo facesse l’Italia si riempirebbe di queste persone perché nessuno le vuole sul proprio territorio.

    • e sopratutto negli altri Paese sono compatti a favore del bene del proprio Paese, in Danimarca è la sinistra stessa a fare leggi anti immigrazione.

  11. Colonialismo di sinistra.
    Sono nauseato da tutto questo can can sulla Sea Watch, sbarco si, sbarco no.
    A sinistra si sentono migliori, più buoni, pronti ad accogliere tutti e anche di più
    Ma non a Capalbio.
    A destra dicono che bisogna fermare gli sbarchi ad ogni costo. In Europa praticamente se ne fregano.
    Nessuno che si preoccupi di quei poveri cristi che con immensi sforzi traversano interi deserti, stati, acque, per arrivare qui, convinti di migliorare la loro vita e trovarsi, invece, nella merda.
    I sinistri, ovviamente, non ci pensano nemmeno alle alternative perché accecati dall’ideologia, a destra cascano nella trappola tipica dei comunisti d’antan, bravissimi a portare gli argomenti dove vogliono loro.
    Nessuno che dica la verità: queste migrazioni impoveriscono i paesi dai quali costoro partono fiduciosi, di fatto depauperandoli delle forze migliori (talvolta peggiori), e l’accoglienza non offre in cambio assolutamente nulla.
    Fermo restando che, ovviamente, l’Europa non può contenere tutto l’Africa: i sinistri se ne accorgeranno solo quando cominceranno a vedere anche i loro interessi intaccati, ma sarà troppo tardi per tutti, europei ed africani.
    A cosa serve farli arrivare fin qui, e poi buttarli in mezzo alla strada?
    Arrivano qui, accolti e ricoverati nei centri di accoglienza ad aspettare se hanno diritto in quanto rifugiati o se dovranno essere rimpatriati se migranti economici. Poiché la stragrande maggioranza è di migranti economici, per non essere rimpatriati spariscono e finiscono sfruttati nei campi di pomidoro o dalla mafia.
    È questa la nostra accoglienza? È questo il buonismo?
    Perché non impediamo che partano con una battaglia pubblicitaria in loco che li induca a non rischiare la pelle inutilmente, non impediamo gli sbarchi con determinazione, tutti quanti, destra e sinistra, affinché sappiano che questa non è l’unica alternativa alla misera.
    Poi investiamo tutta quella montagna di denaro che stiamo spendendo, inutilmente per la falsa accoglienza, investendo massicciamente nei loro paesi per aiutarli a crescere.
    Io mi aspetto che fra cinquant’anni (anche se non ci sarò più) gli africani vengano in vacanza in Europa senza nessuna necessità di fermansi, che gli studenti africani si muovano in Europa e nel mondo con l’Erasmus.
    Piantatela di fare i buonisti, accidenti, siete il cancro che distrugge ulteriormente l’Africa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.