Sport

“Giusta causa”: Allegri verso l’esonero, cosa è successo

Amara vittoria in finale di Coppa Italia. L’allenatore infuriato ora rischia l’esonero o il licenziamento. La Juventus ci pensa

Allegri (1) © Amguy tramite Canva.com

La Juventus e il suo allenatore, Massimiliano Allegri, sono al centro di discussioni e controversie, soprattutto dopo gli eventi successivi alla conquista della Coppa Italia contro l’Atalanta. Questi sviluppi hanno messo in luce le tensioni interne, portando la dirigenza a valutare il futuro di Allegri alla guida tecnica della squadra.

In seguito alla vittoria in Coppa Italia, Allegri ha manifestato il suo disagio in maniera piuttosto evidente, discutendo animatamente con arbitri e membri della società, oltre a un confronto particolarmente acceso con Guido Vaciago, direttore di Tuttosport. Questi episodi, tra cui una lite con Vaciago e il danneggiamento di alcune attrezzature, hanno sollecitato una riflessione da parte della dirigenza sulla posizione dell’allenatore toscano, come riportato da LaPresse.

Il rapporto fra Allegri e alcuni settori del club si è incrinato, evidenziando una comunicazione deficitaria e una mancanza di supporto percepite dall’allenatore. In particolare, il confronto con Vaciago ha rappresentato un punto di rottura notevole, con uno scambio di insulti e minacce che ha aggravato la situazione.

Nonostante la difesa di Allegri, che attraverso il suo legale, Paolo Rodella, ha minimizzato l’accaduto descrivendolo come un normale scambio di opinioni, il clima intorno alla sua figura resta teso. Intanto il Giudice Sportivo ha sancito per Allegri una squalifica di due giornate e una multa di 5.000 euro per il suo comportamento.

Questo episodio si inserisce in un contesto di malcontenti e tensioni accumulate nel corso dell’anno, complicando una stagione già difficile per risultati sportivi e gestione del club. Di fronte a questo scenario, la Juventus è chiamata a fare i conti con decisioni significative per il futuro, considerando come le vicende extracalcistiche influiscano direttamente sulle prestazioni in campo e sulla coesione interna.

Secondo quanto riporta Fanpage, la società e il mister starebbero cercando di trovare “un accordo per risolvere amichevolmente il contratto in essere per ancora un anno (e pesante ben 7 milioni netti)”. Ma quanto successo l’altra sera, compreso il comportamento sgarbato nei confronti del Ds Giuntoli, potrebbe anche indurre il club ad ipotizzare un licenziamento per “giusta causa” anziché ricorrere all’esonero (che costringerebbe la Juve a versare all’allenatore l’anno residuo di contratto.

Nicolaporro.it è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).

Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

12 e 13 Luglio 2024 a Bari

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli