in

Green pass come la patente? Ecco perché è falso

I filosofi che denigrano Cacciari e Agamben ripropongono questo penoso parallelo

green pass patente

Dimensioni testo

: - :

di Fabio Massimo Nicosia

Rileggevo oggi il testo, pubblicato tempo fa dal Fatto Quotidiano on line, della carica dei 101 filosofi (incredibile quanti Spinoza, Kant, Hegel e Platone sono stipendiati dallo Stato italiano, o forse, più che di “filosofi”, si tratta appunto di impiegati statali della “filosofia”), che hanno ritenuto di denigrare Cacciari e Agamben con un testo imbarazzante per mediocrità, con il quale veniva riproposto -solo dopo cioè che l’avevano fatto cime del pensiero come Letta e Zingaretti, oltre che decine di “imbecilli di internet” di echiana memoria- il penoso parallelo tra green pass e patente, o magari tra green pass e semaforo, o green pass e giubbotto catarifrangente.

Il green pass una patente? È illiberale

Certo, visti i personaggi, parlare di patente evoca Totò, il quale, ispirato da Pirandello, va alla ricerca di quella di jettatore, ma quello che merita di essere sottolineato è che questi bigs della teoresi hanno introiettato senza troppe cogitazioni il concetto che i comportamenti umani debbano essere sottoposti, per definizione e in quanto tali, a una qualche sorta di autorizzazione amministrativa pubblica; e allora però dovrebbero studiare Sandulli e Giannini, per meglio capire che cosa non va nel loro ragionamento.

Perché l’idea che regola normale sia che ogni condotta umana debba essere sottoposta ad autorizzazione amministrativa è totalmente illiberale e, semmai, concetto squisitamente fascista, così come squisitamente fascista, anche nelle parti “buone”, è l’elaborazione più profonda del nostro diritto amministrativo storico.

Si può “autorizzare” un diritto umano?

Senonché, siccome non c’è limite al peggio, ciò che oggi accade è che si invoca la sottoposizione ad autorizzazione amministrativa, non solo la guida dell’automobile o l’edificazione di un fabbricato (salvo però segnalazione certificata di avvio attività!), ma persino l’esercizio del diritto umano e fondamentale, il che dimostra ignoranza di basi giuridiche, ma purtroppo soprattutto corruzione ideale del nostro ceto intellettuale e accademico: il diritto umano e fondamentale è tale proprio perché non richiede alcun permesso governativo, altrimenti ci troveremmo di fronte a un ossimoro.

Non solo.