in

Gruber, Giordano, la Covid-tv: chi vince e chi perde sul piccolo schermo

Zapping esistenziale ai tempi della covid

tv covid

Dimensioni testo

: - :

Vax Populi

Ho capito: neanche quest’anno mi faranno sciare a Verbier e che piano piano, oltre ai vaccini, iniziano ad inoculare in noi che il green pass diventerà un oggetto hi-tech da esibire con la mela o all’ultimo design o sfoggiato su cappotti e sciarpe trend. In televisione e sui giornali insistono: chi fa il vaccino sicuramente, nel 90% dei casi non finisce in ospedale e la percentuale di morte è quella di un raffreddore. Mi faccio una domanda: perché non parlano mai di chi il Covid l’ha preso lo stesso, pur vaccinato?

La descrivono come una banale influenza, ma se così fosse non ci sarebbe questo allarmismo da vaccino. E poi il long covid, le conseguenze causate dal covid. Perché nessuno ne scrive mai? Cosa succede a chi fa il covid sul divano? Forse potrebbe risponderci Burioni che è sempre accovacciato sul divano di Fazio.

CovidTV

Stupisce che non sia ancora nata una televisione da palinsesto total covid: un blob con tutti gli aggiornamenti, rubriche scientifiche, di ricette, di moda si vax no vax, cosa è più trend, interviste esclusive su quando i virologi hanno visto l’ultima volta i loro reparti. Una tv satellitare o in streaming con, la sera, “Chi ha visto Speranza?”, “Mi manda Bassetti”, “ Il Grande Fratello vip contagiati”, “Ballando con gli spillover”. La notte “Il virologo seduce l’infermiera”, “La notte dei respiratori viventi”.

NoVax

Continuano le manifestazioni, se la prendono addirittura con Selvaggia Lucarelli, ma sono tanti quelli che si domandano: siamo in una dittatura sanitaria? Meglio tardi che mai. E la tessera sanitaria? E le ricette elettroniche? E vuole scaricare le medicine dal 740”? Se mi succedesse qualcosa ho più fiducia in un esattore del Fisco che di un medico.

Alberto Angela pro vax

Ha già i promo non potrebbe fare una puntata speciale? Ci potrebbe raccontare le inutili paure dei no vax e dei complottisti: la terra è piatta? Fino a che non muori non lo saprai mai davvero? Con il vaccino ti inoculano il 5G? Con un documentario Angela potrebbe spiegare che il 5 g non lo inoculano: siamo noi che lo cerchiamo con il desiderio di nuovi smartphone? C’è un satellite nel vaccino? Perché adesso che state leggendo non sapete che, grazie alle applicazioni social, esiste il tracciamento?

Gomorra 5° serie

La dimostrazione che i vaccini non fanno male sono i nuovi episodi di Gomorra che ci portano tra le ombre di una Napoli che non esiste più se non per esigenze di copione e fatturato. Scampia, le Vele, i clan, Napoli avvelenata si è trasmessa a chi ancora lo guarda. La realtà è cambiata: dovrebbero girare a Milano o a Rozzano o tra i boschi verticali per trovare ciò che vorrebbero raccontare.

ControCorrente

Il titolo è impegnativo – una rubrica di Montanelli- ma come avevamo scritto due anni fa quando nessuno se n’era accorto Veronica Gentili è il futuro della televisione: preparata e anche quando non lo è lo è riesce ad essere l’unica gladiatrice televisiva a muovere le truppe di ospiti a proprio piacimento. SE sarà capace di non cedere alle lusinghe dei lustri tanti lustri.

Mattino5

Sbaraglia la concorrenza – Agorà su RaiTre dimentica di essere l’etimo di piazza e su “La7” già alle 7 bisogna essere preparati e pronti tutti la giornata per poter comprendere. Grazie a Francesco Vecchi: educazione rara in un giornalista di piglio: veloce, scaltro ma non cattivo, un esempio per la nuova tv che sa non angosciare e sembra cullarci nel suo sì andrà tutto bene ma senza prenderci in giro. Un sole al mattino.

“Fuori dal coro”

Mario Giordano è un genio. Sin dai tempi del primo “Studio Aperto” e di “Lucignolo”. IL primo a coniugare veramente infotainment: notizie e intrattenimento. Guardate la sua battaglia sulle case occupate: ora sembra che l’abbiano scoperto gli altri.