in

I migranti supplicano Biden (e lui li ricaccia indietro)

Ogni giorno uno sguardo esclusivo sul mondo sudamericano

biden haiti

Dimensioni testo

: - :

Oggi ultimo dibattito Lula Bolsonaro: vietato toccarsi

Il Brasile terrà il fiato sospeso questa sera con il dibattito tra Lula e Bolsonaro, due uomini che si stanno combattendo ferocemente per insediarsi dal 1° gennaio 2023 nel Palazzo del Planalto, ma che negli studi della potente Rede Globo dovranno sottostare a un veto: non potranno toccarsi. I dibattiti presidenziali sono quasi un’istituzione in Brasile, un momento in cui i media fanno sentire il loro potere e sottopongono i candidati a una serie di regole e limitazioni che non sono abituali per loro. Parlano di “candidato Bolsonaro”, non di “presidente”, il microfono viene tagliato quando si sfora il tempo a disposizione e una commissione ad hoc respinge o accetta le richieste di replica.ù

Ma non toccarsi è una novità. L’elettrizzante dibattito di 12 giorni fa ha subito una svolta quando Bolsonaro, nel terzo blocco, ha appoggiato con condiscendenza la mano sulla spalla di Lula. L’attuale presidente ha sorpreso il due volte capo di Stato e ha usato l’immagine per generare innumerevoli meme in cui si proclamava vincitore del dibattito. Questo non potrà accadere di nuovo, anche se si prevedono sorprese nel dibattito che si terrà a Rio de Janeiro. Lula, candidato del Partito dei Lavoratori (PT) di sinistra, ha una grande esperienza di dibattiti, questa è la sua sesta campagna presidenziale dopo la prima, nel 1989, e ciò gli ha conferito un’invidiabile padronanza dei tempi e un rapporto molto naturale con le telecamere.

Lula o Bolsonaro? Per Putin fa lo stesso “ho buoni rapporti con entrambi”

Ieri il presidente russo ha pronunciato un discorso durante il 19° incontro annuale del Valdai Discussion Club a Mosca, dichiarando di avere buoni rapporti sia con Luiz Inacio Lula da Silva che con Jair Bolsonaro, i due candidati al ballottaggio di domenica alle elezioni presidenziali brasiliane. “Non interferiamo nei processi politici interni: questa è la cosa più importante”, ha aggiunto Putin. “Riteniamo che il Brasile sia il nostro partner più importante in America Latina, e lo è, e faremo di tutto per garantire che queste relazioni si sviluppino in futuro”.

Con Musk cambia la musica a Twitter: sospesi gli account “repressivi” del regime cubano

Uno degli account Twitter sospesi è “filo”, della dittatura, criticato per aver denunciato gli oppositori cubani e aver promosso una campagne di caccia contro la società civile indipendente.

Borrell vuole i dittatori Maduro, Ortega e Diaz-Canel al vertice UE con l’America Latina e apre a Caracas sul petrolio

L’alto rappresentante dell’Unione europea per la politica estera, il socialista Josep Borrell, ha difeso le tre dittature non invitate neanche da Biden all’ultimo vertice tra Stati Uniti e America Latina. Lo ha fatto da Buenos Aires, in Argentina, dove Maduro gli ha chiesto di revocare le sanzioni offrendo il suo aiuto per superare la crisi energetica europea.

I venezuelani si accampano al confine tra Stati Uniti e Messico

Migliaia di venezuelani al confine hanno esposto striscioni con messaggi come “Joe Biden, il Venezuela ha bisogno di te” ed “SOS Venezuela, fuggiamo dalla dittatura”. Un accordo sull’immigrazione tra Washington e il Messico, annunciato il 12 ottobre, ha stabilito che solo 24.000 venezuelani potranno entrare negli Stati Uniti attraverso una richiesta formale e per via aerea, mentre coloro che varcheranno il confine illegalmente saranno rimpatriati subito in territorio messicano.

Bolivia: tensione alle stelle nella regione più ricca del Paese sotto assedio

I settori filogovernativi boliviani hanno completato ieri il cosiddetto assedio di Santa Cruz, la regione più grande e motore economico del Paese, con il blocco di tutte le vie di collegamento con il resto della Bolivia, nel tentativo di contrastare lo sciopero in corso da sei giorni per il censimento della popolazione.

Gli Stati Uniti e il Canada cercano altri paesi per integrare forza internazionale armata da inviare ad Haiti

Biden e Trudeau sono in trattative con altri paesi per formare una forza internazionale per aiutare ad alleviare la crisi umanitaria ad Haiti, dove i gruppi armati stanno bloccando l’arrivo di aiuti e carburante nel paese. Lo ha detto ieri il segretario di Stato americano Blinken a Ottawa. Propongo pezzo su questa ennesima “missione militare di pace made in USA”.

Venezuela: Guaidó chiede a Maduro di definire la data delle elezioni

Il leader dell’opposizione venezuelana, Juan Guaidó, ha chiesto ieri al dittatore in una marcia nel centro di Caracas di fissare la data per le prossime elezioni. “Qui stiamo lottando per la data e le condizioni delle elezioni presidenziali che ci devono, in modo che il Venezuela abbia un giorno di rinascita e democrazia”, ha detto. “Quella data delle elezioni non è un regalo” e “la lotteremo per averla”, ha aggiunto prima di invitare i suoi seguaci a scendere in piazza pacificamente. “Maduro fissa la data, siamo pronti a sconfiggervi!” ha esclamato Guaidó davanti alla sede del Consiglio Nazionale Elettorale (CNE), incaricato di organizzare le elezioni nel Paese sudamericano.

Nicaragua: Ortega attribuisce la migrazione di massa alle sanzioni di Washington

Secondo i dati ufficiali degli Stati Uniti, nel 2022 oltre 100.000 nicaraguensi sono emigrati irregolarmente a Washington. Per il dittatore la causa dell’esodo sarebbero le sanzioni che Washington ha imposto al suo Paese e ai governi alleati come Cuba e Venezuela.

La Chiesa cattolica dell’Ecuador interrompe la sua mediazione nel dialogo tra il governo (di destra) e il movimento indigeno (marxista)

Dopo aver coordinato i lavori dei dieci tavoli tecnici, la Conferenza Episcopale ha affermato che spetta alle parti dare seguito a quanto concordato.