Il giudice che condannò Berlusconi: “Gli faccio il mazzo”

Condividi questo articolo


“Berlusconi è una chiavica, se lo becco gli faccio il mazzo”. Sono le frasi che alcuni dipendenti di un hotel di Ischia, in cui il giudice Antonio Esposito andava in vacanza, attribuiscono al presidente del collegio di Cassazione che nel 2013 condannò il Cavaliere per frode fiscale. Le testimonianze sono allegate al ricorso presentato dai legali di Silvio Berlusconi alla Corte europea dei diritti dell’uomo. Il magistrato campano, però, nega tutto e annuncia querele.

Il giornalista Antonio Manzo, all’epoca dei fatti cronista del Mattino di Napoli, riferisce anche di un’intervista che Esposito gli concesse, anticipando le motivazioni della sentenza di condanna di Berlusconi. Eppure, al momento del colloquio che potete ascoltare in quest’altra clip di Quarta Repubblica, le motivazioni non erano ancora state scritte.

Dalla trasmissione del 6 luglio 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


28 Commenti

Scrivi un commento
  1. GUALTIERI ED IL RAPACE, IL FARAONE E GLI SCHIAVI
    Mi capita spesso di osservare delle persone e cercare di capire chi ho davanti, semplicemente analizzando le espressioni del viso…tutti noi a livello di caricatura tendiamo a somigliare a qualche animale, un San Bernardo, un cavallo, un rapace, un topo, una colomba ect…
    Devo dire che ho ritrovato nell’80% dei casi dei forti riscontri tra caricatura e carattere….
    In questi ultimi mesi l’immagine più forte che mi girava davanti era sempre quella del ministro all’economia Roberto Gualtieri.
    Premetto che sono un estimatore dei rapaci ed a volte passo lungo tempo a vedere loro filmati…
    Ebbene a me la caricatura del ministro Gualtieri ha sempre trasmesso l’immagine di un rapace…un’aquila, un gufo, un falco ect..
    E poiché per me, per esempio, l’aquila è l’espressione massima del rapace, per il suo aspetto fiero, per la sua eleganza, per il suo modo di combattere ect…allora per me Gualtieri sotto questo punto di vista è un cervellone!
    Purtroppo però, l’aquila è un animale, agisce di istinto per la sua sopravvivenza, non guarda in faccia nessuno, nasce ed è programmato per la sua missione!
    Gualtieri invece è un essere umano, non solo, è anche la persona più potente in italia a cui sono delegate le strategie affinchè Egli riesca a risolvere l’attuale crisi economica.
    Purtroppo però l’istinto è istinto ed il rapace quando deve preparare un piano d’azione, una volta pronto lo segue fino alla fine.
    Questo è quello che sta succedendo a Gualtieri ed il motivo per cui sta portando l’Italia verso il baratro….
    All’ inizio il Ministro aveva un ventaglio di soluzioni,…ha scelto quella più rapida, da buon rapace fatta di lacrime e sangue.
    Lotta al contante, per finire di ammazzare chi vende lupini, uso di carte di credito obbligatorio con spese pazzesche sempre per i venditori di lupini, imprese in mezzo alla strada perchè mal supportate e nella completa indifferenza del governo…
    Perchè vedete, il governo ragiona così, che me ne frega se chiude un negozio di fiori o una cartoleria, tanto il libro o i fiori il cliente li compra ugualmente all’altro negozio vicino.
    Addirittura per il governo diventa una semplificazione perche è più facile tenere sotto controllo meno negozi!!!
    Poi arriva lo scontrino lotteria sempre per i venditori di lupini che serve per continuare a creare milioni di pezzi di carta che inquinano, clienti e commercianti nel pallone, perdite di tempo e ore di lavoro gettati al vento per la burocrazia…
    MA LA STRADA È TRACCIATA E DA QUELLA STRATEGIA INIZIALE NON SI TORNA INDIETRO…
    LA STRATEGIA DEI RAPACI, L’ATTACCO È INIZIATO ED INDIETRO NON SI TORNA!!!
    Si poteva all’inizio della pandemia rilanciare tutta l’economia italiana, UNA OCCASIONE PIÙ UNICA CHE RARA …FAR RINASCERE UNA NUOVA SOLIDISSIMA PMI CON RILANCIO DI TUTTA L’ECONOMIA ITALIANA…SI POTEVANO FARE TANTISSIME COSE MA SI È SCELTA LA VIA PIÙ INFELICE, QUELLA DEL RAPACE CHE DI UMANO NON HA NULLA!!!
    Possiamo paragonare Gualtieri, se tornassimo indietro nel tempo, ai Faraoni (Gualtieri) e gli schiavi che costruivano piramidi (Popolo Italiano).
    Gualtieri non è scemo, non è cattivo, è anche simpatico ma ha un grosso problema che non gli permette di gestire il suo potere in maniera umana ed ottimale, semina 10 e raccoglie 2, proprio perchè il suo istinto è quello del rapace.
    E perciò agisce esattamente come agivano i Faraoni, il progetto è la piramide?
    Benissimo, mettiamo gli schiavi (PMI ITALIANI) li frustiamo e quelli che muoiono vengono subito sostituiti da altri.
    Non esistono altre strategie perché questa è la via più facile per il FARAONE GUALTIERI.

  2. @Fabio Bertoncelli, quando non ci sono argomentazioni, si passa all’insulto, vero?

    Guarda che ragulabat è imperfetto di un verbo di tua invenzione.
    Si dice asinus rudivit (con il perfetto)
    L’ asino ha ragliato, cioè Fabio Bertoncelli.

    • Caro Sal:
      1) Il verbo “ragulare” è latino volgare. Cioè adatto a una discussione con te.

      2) L’imperfetto denota un’azione continuata nel tempo passato. In effetti, tu finora non hai ragliato una sola volta: hai ragliato in continuazione. Incessantemente. E senza pietà.

      3) Tuttora ragli (modo indicativo, tempo presente).

      4) E certamente raglierai ancora (modo indicativo, tempo futuro semplice).

      Buona giornata. E abbi pietà di noi.

      • E il futuro anteriore?
        Serve al Bertoncelli per dire una c a z z a t a che dirà prima di un’ altra nel futuro!

        Come quella che hai appena sparato.

  3. Quanti cittadini italiani vorrebbero fare un mazzo ad alcuni giudici, grazie alle ca*ate di decisioni che partoriscono!!

    E quanti altri ancora vorrebbero fare un mazzo ai giudici che impiegano mesi ed anni per partorire provvedimenti!

    Tanti, ma tanti tanti..!!

  4. Se non ho capito male, i 3 sono dipendenti di un albergo di proprietà di un parlamentare di forza Italia, di proprietà o di cui è presidente Silvio Berlusconi?

  5. Tutta questa storia sembra sponsorizzata dall’azienda farmaceutica che produce il Maalox
    Sono tutte cose che fondamentalmente chiunque di noi con un minimo di raziocinio aveva già capito, ma l’evidenza provoca lo stesso un forte senso di nausea
    Con quale animo un cittadino di centro-destra si potrà mai presentare tranquillo in un tribunale presenziato da personaggi simili ?
    Chi ci ripagherà della democrazia rubata ?
    Solo una persona in malafede può ignorare o sbeffeggiare questa serie di prove emerse
    Ma abbiamo visto ieri sera il giornalista di repubblica fare il triplo salto carpiato per difendere l’indifendibile
    Quindi nessuna speranza che i vari sinistrati ammetteranno mai il lerciume di cui siamo stati spettatori

  6. I dipendenti dell’albergo di Canicattì riferiscono?
    Questa sì che è una fonte attendibile!
    Sia per un’inchiesta giornalistica che per un bel processo di riabilitazione! Questa è roba che scotta!
    Qui c’è da mandare all’aria tutta la magistratura giudicante e assolvente!

  7. E bravi i magistrati che riescono a fare il loro onesto lavoro in ambienti inquinati da questi individui! ma è dura avere fiducia nella magistratura che libera i mafiosi, che “aggiusta” le sentenze e frequenta alberghi di lusso e si inc…. se non ottiene li sconto

    • Facciamo una bella festa a casa mia tutti nudi e facciamo sesso. Dico anche a te bella bambina.
      Sono le frasi che alcune ragazze di ottima famiglia reclutate da una igienista dentale dall’aspetto di una catechista hanno sentito dire a un ricco nanetto entrato in politica per risollevare i suoi affari.
      Tra l’altro una di queste fanciulle testimone chiave é morta per cause naturali….proprio vero che Dio vede e provvede….

      • Hai detto la tua minchiata. La ragazza deceduta é morta per malattia certificata dai sanitari che l’hanno avuta in cura e farne menzione per insinuare ipotesi diverse, già vigliaccamente insinuate a suo rempo dai giornalisti trash dei giornali-spazzatura a cui quelli come te si abbeverano, é solo l’ennesima conferma che gli antiberlusconiani viscerali sono solo delle squallide jene, nonché p.d.m.. Peraltro anche più bacchettoni di un prevosto degli anni ’50, ma solo per invidia, non battono mai un chiodo e le orazioni se le devono recitare sempre da soli: sarà per quello che sono diventati ciechi, anche di fronte alle evidenze. Avanti così, caro il nostro “nuovo uomo (o intendevi uovo?) socialista” ma sempre vittima dell’ “antico vizio socialonanista” di ogni sinistra.
        P. S. Almeno finché ti reggono i polsi e non si consuma il poster di Nicole Minetti cui ti sei tanto affezionato.

        • il poster della Minetti l’ha fatto riprodurre almeno un paio di volte, rovinato com’era dal tempo e dell’uso compulsivo.
          Inoltre, adesso ha bisogno dell’oculista come del pane quotidiano.

          • Vuoi vedere che riesce a prendersi pure l’assegno di invalidità come non-vedente ? Come diceva Totó: “E noi paghiamo !”.

      • Quando si scrive una scemenza, si dovrebbe avere il coraggio di ammetterlo. Tra l’altro non c’era proprio bisogno di questa panzana per nutrire dubbi su qualche giudice politicizzato.

        • Ok Porro…. gli hanno rinnovato il contratto…ma perché non se ne vai in vacanza? Cosa tocca fare per campare. ..anche le testimonianze shock. ..ma mi faccia il piacere – …
          .

      • Bravo Bunnie! La tua spiegazione è impeccabile quanto un teorema di matematica.
        … … …
        MESSAGGIO PER SAL, IL “MATEMATICO”, SPECIALISTA NEL CALCOLO DELLE PERCENTUALI:
        Sal, non confondere i teoremi di matematica con i teoremi giudiziari. Sono due cose differenti. Praticamente opposte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *