Commenti all'articolo Il guru verde che si pente

Torna all'articolo
Avatar
guest
13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giorgio Colomba
Giorgio Colomba
16 Luglio 2020 11:23

Verdastri fuori, ma rossovivi dentro, sul global warming sedicente antropico questi apologeti della mistificazione climatica hanno forgiato brillanti carriere accumulando fortune (cfr. Al Gore). Ma se la verità, come diceva Gramsci, è sempre rivoluzionaria, oggi nulla è più conformisticamente allineato dell’ecologismo stile Greta&Co.. Ben venga, certo, il pur tardivo autodafè dell’eco-pentito, ma i danni socio-economici causati fin qui dal delirio turboambientalista non ce li ripaga nessuno.

MoviSol
MoviSol
15 Luglio 2020 18:55

Seguire i soldi…

Chi vuole leggere in lingua italiana una corposa denuncia della frode maltusiana dell’ambientalismo e del Green New Deal, può sfogliare il dossier pubblicato a gennaio dal Movimento Solidarietà in collaborazione con l’Executive Intelligence Review:

http://movisol.org/wp-content/uploads/2020/01/EIR-MoviSol-Dossier-Green-New-Deal-2020.pdf

Orlo
Orlo
14 Luglio 2020 22:16

Mi pare di capire che alla fin fine,lo IPCC dal momento che ha chiamato lo Schellenberger a supervisionare il propio report si possa ritenere(come giusto)superpartes rispetto alle tematiche ambientali.
Lo stesso studioso è sempre stato un fautore del nucleare e le sue tesi nn sono nuove anche se ad oggi si sia spinto più in avanti verso la sua neo versione.
A mio parere,come suggerisce il Battaglia,ci sarebbe da seguire i soldi.
Ma credo che lo faranno i furono “amici” del ambientalista redento che, fino a ieri titubava ad annichilire e invece oggi abbandona senza troppi rimpianti.
follow the money.

Tullio Pascoli
Tullio Pascoli
14 Luglio 2020 19:06

Meglio di questo giovane che, timidamente, comincia a riconoscere i propri equivoci è stato l’ambientalista ed accademico danese BJORN LOMBORG che dopo aver integrato attivamente GREEN PEACE ha scritto diversi saggi sul sul suo scetticismo dei movimenti ambientalisti e che con il suo COOL IT
https://www.ibs.it/cool-it-the-skeptical-environmentalist-libri-vintage-bjorn-lomborg/e/2560609365620

denuncia le ambiguità dei militanti ambientalisti alimentati da tanta ambiguità quanta è l’arroganza dei rispettivi aderenti.

Ma se ciò non basta; c’è un autore francese PASCAL BERNARDIN che dedica all’argomento ben circa 600 pagine in un saggio dall’eloquente titolo L’EMPIRE ECOLOGIQUE – ou La Subversion de l’Ecologie par le Mondialisme 
https://www.amazon.it/LEmpire-Ecologique-Subversion-lÉcologie-Mondialisme/dp/2950957013/ref=sr_1_3?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=PASCAL+BERNARDIN&qid=1594745273&sr=8-3

con il quale accusa direttamente le Nazioni Unite che, attraverso i suoi organismi – specialmente IPCC – che ostinatamente diffondono falsità con la poco dissimulata finalità di compromettere il benessere generato dal Capitalismo.

Lo stesso autore pubblica MAQUIAVEL PEDAGOGUE 
https://www.amazon.it/gp/product/2950957005/ref=dbs_a_def_rwt_bibl_vppi_i2

con il quale accusa mostra la manipolazione da parte dell’UNESCO per imporre modifiche all’istruzione globale e globalitsta, con l’introduzione – fra l’altro – dell’ideologia di genere, promuovendo la psicologia sociale: una nuova maniera di voler creare il cosiddetto “Uomo Nuovo”, socialista, naturalmente…