in

Il linciaggio contro Fontana? Un errore per due motivi…

Dimensioni testo

Sulle libertà personali, ho idee lontanissime da quelle del neoministro Lorenzo Fontana, ma francamente mi pare surreale la levata di scudi – a sinistra – contro alcune interviste rilasciate dall’esponente della Lega, in cui da un lato ha espresso le sue opinioni, e dall’altro (seguito dal suo leader Salvini) ha precisato che questi temi non sono nell’agenda del governo.

A maggior ragione dopo questa precisazione, perché aggredirlo? È come la storia dei manifesti antiabortisti recentemente rimossi a Roma: perché toglierli? C’è un vizietto della sinistra illiberale: e cioè quello di vietare e censurare opinioni diverse dalle proprie.

Dal punto di vista dell’opportunità politica, Fontana ha molto probabilmente commesso un errore: si è messo addosso un marchio controproducente proprio nei primissimi giorni in cui aveva la possibilità di farsi conoscere dall’opinione pubblica. Ma un conto è il suo eventuale errore di valutazione politica, altro conto è organizzare una specie di linciaggio per reato di opinione.

La cosa è due volte sbagliata.

a) Una prima volta, perché è comodo parlare di tolleranza, salvo essere intolleranti verso chi la pensa diversamente da te.

b) Una seconda volta, perché vuol dire che ti senti insicuro: temi che, nel libero mercato delle idee, nel libro confronto delle opinioni, le tue convinzioni non siano sufficientemente forti.

Occorrerà tornarci sopra. La propensione alla censura del “politicamente corretto” è sempre più un tratto neo-autoritario. Molto più delle posizioni dogmatiche e integraliste di alcuni esponenti cattolici: del passato e del presente.

Daniele Capezzone, 3 giugno 2018