in

Il piano per la guerriglia che ha ispirato Black lives matter

Dimensioni testo

di Beatrice Nencha

Prima che la morte di George Floyd infiammasse gli Stati Uniti, qualcuno già stava seminando benzina per aizzare l’incendio sociale nella maniera più efficace possibile. Potremmo definirla una “preparazione”, con indottrinamento marxista, alla guerriglia urbana ai tempi del Covid-19. Dove il virus diventa  grimaldello per una via insurrezionale al rovesciamento dell’assetto sociale.

Sicuramente un canale, che corre agile sui social, per destabilizzarne l’impianto democratico in vari Paesi capitalisti, dall’America all’Australia al Vecchio Continente. È il 23 marzo 2020 – due mesi prima dell’agghiacciante omicidio dell’afroamericano George Floyd, soffocato dall’ex agente di polizia Derek Chauvin (appena riconosciuto colpevole di omicidio di secondo e terzo grado, ndr) il 25 maggio a Minneapolis, in Minnesota – quando su Facebook comincia a circolare un manuale di sopravvivenza ai tempi della pandemia, tradotto in una dozzina di lingue (tra cui giapponese, vietnamita, dialetti indù e arabi). Si chiama “Guida anarchica per sopravvivere al virus – Dalla pandemia alla guerra di classe”. Assodato il collasso del capitalismo, rapidamente mutato in totalitarismo, vi si delinea un’insieme di “strategie di resistenza”. Che potrebbero sembrare di pacifica “resilienza”, ma che presto virano in un incitamento a compiere ogni mossa per abbattere sistemi di potere dittatoriali.

La “Guida anarchica”

Nella guida si teorizzano tattiche di guerriglia anarchiche. Molto simili a quelle che, all’indomani dell’omicidio Floyd, metteranno a ferro e fuoco grandi metropoli e sobborghi americani come Minneapolis, Chigaco, Washington D.C., Portland, da parte di movimenti estremisti come Antifa e Black Lives Matters. Da un anno dediti a incendi di stazioni di polizia, vandalismi, saccheggi, oltre che occupazioni di interi isolati urbani e proprietà private.

A diffondere la “Guida anarchica” è il gruppo CrimethInc, noto anche come CWC, che sta per “CrimethInc. Ex-Workers Collective”. Un network “decentralizzato impegnato in azioni collettive anonime” il cui slogan in homepage è “La vita è un amplesso tra Distruzione e Creazione”. E il cui statuto (a)sociale si può condensare in questa definizione: “Una rete internazionale di aspiranti rivoluzionari che si estende dal Kansas a Kuala Lumpur”, attiva da oltre vent’anni “senza l’appoggio di nessun finanziamento esterno o tendenze di mercato”. Tra le principali gesta per costruire “una via di fuga verso un altro futuro”, ecco alcuni titoli: “L’offensiva della Rivoluzione anticapitalista” , “Ciò che il lavoro ci ruba”, “Grecia, il nostro odio per la polizia ci unirà”.

Idee e slogan non distanti da quelli propagandati dai centri sociali, ma che si accompagnano a una metodologia di azione che nulla lascia al caso e nulla sembra avere di teorico. Anzi, si pone come un concreto progetto anarco-politico di assalto frontale alla società borghese e alle sue istituzioni rappresentative: dai monumenti ai centri commerciali, dai negozi ai commissariati di quartiere.

Creare dei gruppi di affinità

Suggestive le (contro)etichette usate dal CWC per fare proseliti sulla Rete: “CrimethInc è un’alleanza ribelle — una società segreta impegnata per la diffusione dello “psicoreato”. È una fucina di cervelli che produce idee e azioni provocatorie. Chiunque può essere CrimethInc. – potrebbe essere il tuo vicino di casa o la persona seduta accanto a te sull’autobus. Tu e i tuoi amici avete già dato vita a un gruppo di affinità, il modello organizzativo più adatto a intraprendere tattiche di guerriglia, pronti a scendere in campo per combattere tutte quelle forze che minacciano la vostra libertà”.

E quale circostanza migliore di una pandemia endemica per distruggere il moribondo sistema capitalista? Nella Guida vengono indicati degli step precisi, che già a marzo 2020 – mentre il mondo brancolava nel buio sulle origini e sugli effetti del Coronavirus – sembrano anticipare con minuzia alcuni scenari futuri: “La situazione attuale potrebbe continuare per mesi: coprifuoco improvvisi, quarantene incoerenti, condizioni sempre più disparate – anche se a un certo punto, quando le tensioni al suo interno degenereranno, quasi sicuramente muterà forma”. Per prepararsi alla “sopravvivenza”, gli autori del pamphlet digitale consigliano una serie di mosse. La più importante delle quali è creare “un gruppo di affinità”. Ovvero “un gruppo di persone di cui ti fidi”, con cui condividere “tutti i fattori di rischio”, primo elemento basilare dell’organizzazione anarchica.

Creare una rete di mutuo aiuto

“Devi essere collegato ad altri gruppi di affinità in una rete di mutuo soccorso, in modo tale che se uno venisse sopraffatto, gli altri potrebbero andare in suo aiuto”. In tempi di distanziamento sociale, il “gruppo” viene indicato quale forza di pressione e protezione da minacce esterne, attraverso cui “relazionarsi al rischio” e “sopravvivere alla crisi” imposta da governi totalitari: “Stiamo assistendo a decreti unilaterali del Governo che impongono divieto totale di viaggiare, coprifuoco 24 ore su 24, una vera e propria legge marziale e altre misure dittatoriali”. A corredo dei testi, inquietanti immagini e video con posti di blocco, perquisizioni, scontri di piazza con l’esercito e cariche di polizia in assetto antisommossa da pandemia. Alcune frasi che a marzo 2020 potevano sembrare pura paranoia, oggi sembrano (in)calzare determinati scenari sociali: “Tutto ciò sta accadendo con il tacito consenso della popolazione. Le autorità possono fare praticamente tutto nel nome della protezione della nostra salute fino ad arrivare a ucciderci”. E ancora: “Quando la Polizia costituisce l’unico ente sociale in grado di riunirsi in massa, non possiamo far altro che descrivere il tipo di società in cui viviamo con il termine “Stato di polizia”.

Il volto nuovo della dittatura

Come sarà il nuovo ordine sociale dominante, il cosiddetto New Normal? Ecco come lo vedono gli anarchici: “Stiamo muovendoci velocemente verso un futuro in cui la classe privilegiata connessa digitalmente eseguirà il lavoro virtuale in isolamento, mentre un massiccio Stato di polizia la proteggerà da una classe inferiore sacrificabile, che si assume la maggior parte dei rischi. Il miliardario Jeff Bezos ha aggiunto 100 mila posti di lavoro ad Amazon, prevedendo che la sua azienda farà chiudere bottega a qualunque negozio in qualunque parte del mondo”. Un ordine globale scandito da escalation di proteste collettive e riforme provvisorie, “in uno Stato di cui nessuno può immaginare di fare a meno nella misura in cui viene visto come il protettore della nostra salute. In effetti, è lo Stato stesso la cosa più pericolosa per noi (…) se vogliamo sopravvivere, non possiamo solo chiedere politiche più eque: dobbiamo anche delegittimare e minare il potere dello Stato”. Negli Stati Uniti, per minare questo potere i movimenti di protesta sono partiti dall’attaccare, delegittimare e chiedere di definanziare le forze dell’ordine e in particolare la polizia, accusata di discriminazione razziale ma anche unico baluardo tra il cittadino e il caos.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback
Altri "esperti" sconfitti dalla pandemia: i costituzionalisti | www.agerecontra.it
30 Aprile 2021 11:15

[…] Il piano per la guerriglia che ha ispirato Black lives matter […]

Davide V8
Davide V8
29 Aprile 2021 23:34

Siamo in guerra, tutti.
Il problema è che la sta combattendo una parte sola.
All’altra, per subire senza neanche protestare, è sufficiente che la prima dica che vuole pace e amore, mentre fa l’esatto contrario.

fr4nk18
fr4nk18
29 Aprile 2021 20:20

blm e antifa sono terrorismo domestico.. sono sobillati e supportati dal governo e dal potere negli stati democratici (negli altri prendono delle legnate e non esistono)
sono paragonabili alle camice nere e ai picchiatori di mussoliniana memoria analogamente vengono arrestati per violenza incendi etc e vengono liberati il giorno dopo

essenzialmente il regime corrotto che ha brogliato e vinto (formalmente) le elezioni fintamente guidato dal demente biden (e in realta’ giudato dal fondatore dell’isis barack hussein O) e’ paragonabile ad un narcostato

Follow the money!!

Strange
Strange
29 Aprile 2021 17:34

Però sono tuttora considerati come pacifisti e oppressi.

gio
gio
29 Aprile 2021 16:42

Ormai il comunismo ed il capitalismo sono sfociati nel totalitarismo in cui pochi comandano su miliardi di persone. Con la psicopolizia al loro comando. Orwell insegna.La gente deve veramente ribellarsi. Purtroppo anzichè andare tutti assieme si va in ordine sparso ( dx e sx) quando bisognerebbe essere uniti.