in ,

L’estremista Moderato (Mario Pannunzio)

L'estremista Moderato

Autore: Mario Pannunzio
Anno di pubblicazione: 1993
ACQUISTA SU AMAZON



Una delle migliori riletture dell’opera di Tocqueville, la dobbiamo ad un breve saggio di Mario Pannunzio. Si trova in in una bella raccolta curata da Cesare de Michelis, circa 25 anni fa, e titolata L’estremista moderato. Si tratta di una raccolta di scritti, diciamo così, giovanili del grande giornalista liberale: pezzi pubblicati nel periodo precedente alla fondazione del Mondo. E l’estremista moderato, è un buon gioco di parole, che però deve essere attribuito a Togliatti più che a Pannunzio. In particolare all’intervista rilasciata dal Migliore al New York Times, dove nota con genialità Pannunzio, il leader comunista “cerca invano di non farci paura”.

Ma torniamo al saggio sull’autore della Democrazia in America e titolato Le passioni di Tocqueville. Pannunzio nota come la forza del’intera opera del francese, non risieda tanto nel suo spirito dottrinario, quanto nella passione, talvolta aristocratica, nella libertà. La libertà non è una categoria razionale, è una passione irrefrenabile in Tocquivelle, e per questo Pannunzio lo adora. “il fatto è che le passioni di Tocqueville ci attraggano, se possibile, almeno quanto le sue idee. Le passioni per lui importano quanto le idee. Orgoglio, ambizione, amore della libertà, ecco le sue passioni dominanti”. Il tono del suo libro più famoso, La democrazia in America, può apparire sentenzioso “e perciò senza chiarooscuro, teso come la corda di un violino e anche quando le sue idee ci attraggono per la verità e la sicurezza del ragionamento, spesso dobbiamo vincere il fastidio di quel fare superbo, di quella fredda volontaria eloquenza”. Ma tutto ciò ha una spiegazione e che deriva dal fatto che “l’amore della libertà coincide con l’orgoglio e l’ambizione della libertà”.

Pannunzio infine rivela un questioncella per lo più sfuggita ai molti. Il grande testo che ha reso famoso Tocqueville, che lo ha reso amato e odiato, e che viene letto come un resoconto attento degli usi e dei costumi della più importante nuova democrazia occidentale, ebbene quel soffermarsi sull’America “sia solo un pretesto. L’America interessa Tocqueville solo come pietra di paragone: è il più grande laboratorio dove si sperimenta il nuovo ritrovato, la democrazia”. Si tratta di un pretesto per temere la circostanza, non remota, che “la democrazia uccida la libertà”.

Dopo aver letto Tocqueville o forse prima, spetta alla vostra attitudine deciderlo, conviene leggere il saggio di Pannunzio. Non solo sulla Demorazia, ma seguono note altrettanto interessanti sulle sue altre opere, a partire dall’Antico Regime. E poi, pensando che si tratta di un testo del 1943, tanto invidia per laa chiarezza e la bella scrittura con cui è redatto.

Nicola Porro, Il Giornale 28 aprile 2019

Condividi questo articolo

2 Commenti

Scrivi un commento
  1. “Ama la LIBERTA’ in modo irrefrenabile?
    Cavolata ..cavolata e cavolata. Chi non ama la sua libertà? Ma la liberta ha dei limiti nel non limitare le libertà altrui. Chi predica di libertà senza parlare di limiti è un impostore.

  2. “Il punto di unione tra bianchi e negri è il mulatto” Alexis de Tocqueville 1803 – 1853
    In quel tempo i mulatti erano il frutto, quasi nella totalità, della unione tra uomini bianchi e donne nere e non erano condannati ma anzi, come fa Tocqueville, erano auspicati in funzione pacificatoria. Oggi le parti sono invertite e tali unioni avvengono quasi totalmente tra uomini neri e donne bianche e questo sembra portare qualche problema dovuto alla incomprensione sessuale maschile della sessualità femminile.
    Incredibile appare come quasi nessun studioso abbia analizzato gli scontri e le stragi razziali avvenute in Haiti a seguito della rivoluzione francese.
    Un silenzio assordante che riguarda anche Tocqueville.
    Come mai?? Come mai si nascondono episodi simili anche recenti??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.