Il campo dei santi (Jean Raspail)

Il campo dei santi di Jean Raspail è un libro eccezionale. Scritto nel 1973, sembra che ripercorra esattamente, anche se in modo romanzato, le tensioni migratorie di questi anni.

La trama è attualissima. Un gruppo di paria si impossessa di un centinaio di navi scalcagnate nel porto di Calcutta. Nella totale indifferenza dell’opinione pubblica occidentale, e nella sottovalutazione se non compiacenza delle rappresentanze diplomatiche locali. La migrazione (telefonata si direbbe in termini calcistici) si conclude sulle coste meridionali della Francia. «Di fronte ad un milione di invasori l’opinione pubblica e le autorità occidentali cedono ad una ottusa disperazione; si lasciano occupare». Il buon senso resta nei comportamenti e negli occhi di quell’unico vecchio abitante della montagna che guarda dall’alto le navi dei disperati, senza aver alcuna intenzione di lasciare libera la sua casa all’occupazione. Anzi uccidendo l’invasore. È il disperato grido dell’eroe di Raspail, che non ci sta. «L’uomo di colore scruta l’uomo bianco mentre questi discorre di umanità e di pace perpetua. Ne fiuta l’incapacità e l’assenza di volontà di difendersi».

È una resa dell’Occidente, raccontato da uno scrittore che all’epoca fu tacciato dall’intellighenzia di sinistra come razzista. Nelle parole di un console belga che aveva intuito tutto per primo, il racconto di ciò che avviene anche oggi: «Avete creato dal nulla, nel cuore del nostro mondo bianco, un problema razziale che lo distruggerà, ed è proprio questo il vostro obiettivo, dato che nessuno di voi è fiero della sua pelle bianca e di ciò che esso significa».

I simboli dell’occidente uno alla volta cadono, e il racconto dell’invasione va di pari passo all’abdicazione rispetto ai nostri valori. Il Papa si spoglia delle sue apparenze, delle sue ricchezze, dei suoi palazzi e anche del suo prestigio. Muore in un appartamento di provincia e il suo successore viene ignorato dai più.

Il libro si legge con grande facilità e prima della sottomissione di Houellebecq e forse meglio racconta in tempi non sospetti del virus culturale che avrebbe ucciso la nostra civiltà, il cupio dissolvi dell’uomo occidentale. Da leggere. Obbligatorio. E non solo per i sovranisti. Quella raccontata da Raspail è la terza catastrofe: la prima è la caduta dell’Impero Romano, la seconda del sistema feudale, la terza quella che lo scrittore immaginava sarebbe avvenuta alla fine del ventesimo secolo, ma che ha ritardato di un solo ventennio.

Nicola Porro, Il Giornale 16 dicembre 2018

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

0 0 votes
Article Rating
Avatar
Subscribe
Notificami
guest
52 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Antonio
Antonio
2 anni fa

Mi aveva incuriosito la sua recensione, ma dopo 100 pagine circa ho desistito nella lettura, l’ ho trovato il romanzo un po’ troppo lenta e noioso…

barbara
barbara
2 anni fa

CARO NICOLA VORREI TANTO CHE NOSTRI GIORNALI E I NOSTRI POLITICI PARLASSERO DI NOI ITALIANI CI SPIEGASSERO LA MANOVRA FINANZIARIA DI CUI NON SAPPIAMO NIENTE INVECE SI PARLA SOLO DEI MIGRANTI ,DEI MIGRANTI,DEI MIGRANTI,SICURAMENTE CI SONO DEI SOLDI SOTTO
ALTRIMENTI LA CHIESA NON NE SAREBBE COSI AFFEZIONATA
(ai migrannti)BARRISONI SU RADIO 24 CONDUCE UN PROGRAMMA CHE DOVREBBE ESSERE FATTO IN TVIN PRIMA SERATA MA CON OSPITI SERI CHE SANNO QUELLO CHE DICONO NON LA PARIETTI CHE PARLA DEL PADRE PARTIGIANO E FA PENA.SE NON SI PARLA DI NOI ITALIANI NON ESISTIAMO
HO VISTO FRECCERO SPERO LO TIRINO VIA SUBITO VUOL PORTARE IN TV LUTTAZZI CHE è STATO L’UNICO ERRORE DI BERLUSCONI MA CHE QUANDO POI RIVEDREMO CAPIREMO CHE BERLUSCONI GLI HA EVITATO UNA FINE INIQUA,