in

In Norvegia il Covid è finito

Erna Solberg

Dimensioni testo

Anche la Norvegia resetta tutte le restrizioni, lo ha annunciato la premier conservatrice uscente, Erna Solberg, ma l’Italia continua a cavalcare la linea del “massimo rigore”. In Norvegia si torna alla vita di sempre, locali notturni e ristoranti potranno tornare alla loro piena capacità, ha detto Solberg durante una conferenza stampa.

Pochi giorni fa, il vicedirettore dell’Istituto norvegese di sanità pubblica (NIPH), Geir Bukholm, ha preannunciato la decisione sul tabloid norvegese VG, dichiarando che il coronavirus può essere trattato come un’influenza. “Ora siamo in una nuova fase in cui dobbiamo considerare il coronavirus come una delle numerose malattie respiratorie con variazioni stagionali”, ha detto Bukholm, aggiungendo: “Questo perché la stragrande maggioranza delle persone a rischio è protetta e dunque, sebbene l’infezione sia ancora in circolazione, i numeri degli ospedali rimangono bassi. Pertanto, il coronavirus non comporterà un pesante onere per il servizio sanitario, e la stragrande maggioranza dei vaccinati, che possono infettarsi e sviluppare sintomi, presenterà lievi sintomi simili al raffreddore”.

Ad onor di cronaca, Nicola Porro in una sua recente “Zuppa”, aveva ipotizzato una simile possibilità, invitando a derubricare il covid alla stregua di un’influenza, certamente più aggressiva di quella conosciuta, per creare un equilibrio tra tutela della salute pubblica e salvaguardia delle libertà fondamentali. Secondo il Centro europeo di prevenzione e controllo delle malattie, la Norvegia registra in media 355 nuovi casi ogni 100 mila abitanti, con un tasso di mortalità molto basso.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
234 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Gaetano79
Gaetano79
29 Settembre 2021 11:54

Confronto tra Italia e Norvegia. Fonte:
https://qap.ecdc.europa.eu/public/extensions/COVID-19/vaccine-tracker.html
Scheda “Vaccine Uptake”, opzione “Total population”, valori riferiti all’intera popolazione:
_ Completamente vaccinati: Italia 66,7 % , Norvegia 66,4 %
_ Parzialmente o completamente vaccinati: Italia 74,2 % , Norvegia 75,7 %
(segue nella risposta)

Robespierre
Robespierre
29 Settembre 2021 11:22

Questa emergenza si é rivelata na fetecchia, si dovranno inventare altro per controllare e rinchiudere. Un cataclisma ambientale?

Rosellina
Rosellina
29 Settembre 2021 0:19

report vaccinazioni in Norvegia dove potete notare che la percentuale è del 90.6% come riportato nell’articolo, si trovano anche i dati per fasce di età. Buonanotte https://www.fhi.no/sv/vaksine/koronavaksinasjonsprogrammet/koronavaksinasjonsstatistikk/

paolospicchidi@
paolospicchidi@
28 Settembre 2021 23:58

Cmq è un Mondo difficile…
Scandinavia ad alto rischio Covid per i viaggiatori: allarme Delta in Norvegia e Svezia
La Norvegia è a livello 4, detto anche a livello di rischio Covid “molto elevato”. Il tutto avviene nel momento esatto in cui il Paese scandinavo ha revocato la maggior parte delle sue restrizioni anti contagio. Appena un gradino più in basso, a livello 3, sono catalogati anche i Paesi vicini, la Svezia e la
Danimarca. Ecco le nuove considerazioni dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti.

Davide V8
Davide V8
28 Settembre 2021 23:43

Nota: l’Italia ha il 50% di posti in terapia intensiva IN PIU’ rispetto alla Norvegia
12.5 (ITA) per 100k contro 8 (NOR).

Ops.

https://link.springer.com/article/10.1007/s00134-012-2627-8
https://media.springernature.com/lw685/springer-static/image/art%3A10.1007%2Fs00134-012-2627-8/MediaObjects/134_2012_2627_Fig1_HTML.gif?as=webp

E guardate la Svezia, già che ci siamo.
“Lockdown e restrizioni per non saturare le terapie intensive”.
No, per saturare i cervelli di stupidaggini.

paolospicchidi@
paolospicchidi@
28 Settembre 2021 23:08

@Mts@Hermes@Erman67@Anakin
Faccio presente CHE: l’AIFA ha reso disponibili i medicinali anakinra, baricitinib e sarilumab per il trattamento del Covid-19.
CREDO QUINDI CHE GRAZIE AI VACCINATI (che rischiano di poter essere colpiti dal Covid molto meno dei non vaccinati e quindi di liberare energie sanitarie e posti letto) e A QUESTI FARMACI POTREMO PRESTO PENSARE AL COVID COME A “UN’INFLUENZA” O QUASI O COMUNQUE A POTER CURARE I COLPITI DA COVID più facilmente, poter contenere la sua diffusione e quindi tornare a vivere come prima che comparisse.

paolospicchidi@
paolospicchidi@
28 Settembre 2021 21:55

Non mi sembra non si muova una foglia in Italia… Cinema e teatri all’80%, stadi al 75%.

Hermes
Hermes
28 Settembre 2021 21:55

Da noi i Trollons fanno il doppio ed anche il triplo lavoro nelle buona tradizione Italiana di una volta . Ci sara un nuovo boom economico come nel Dopoguerra.