in

Jan Palach, eroe dimenticato

Dimensioni testo

Jan Palach, eroe dimenticato

Buon anno cari amici. Inizio il 2019 ricordando una persona, un eroe troppo spesso dimenticato. Anche in questi giorni, quando si elencano gli anniversari che cadranno nel 2019, spesso manca lui: Jan Palach, lo studente cecoslovacco che si diede fuoco a Praga il 16 gennaio del 1969 (morì tre giorni dopo) per protestare contro la repressione della Primavera di Praga da parte dei carri armati sovietici. Palach lasciò un breve biglietto in cui si autodefiniva la torcia umana numero uno.

Le reazioni alla sua morte furono le più impensabili, incredibili e grottesche, soprattutto in Italia, dove l’Unità cercò addirittura di farlo passare per un eroe del socialismo. Secondo la versione bislacca del quotidiano del Partito Comunista, dunque, Palach si era bruciato per rendere migliore e ancora più umano il socialismo. No, non andò così. Palach era un credente molto molto fervido e si suicidò pensando ai gesti dei martiri del cristianesimo e in nome di un ideale di libertà che ci sentiamo di sottoscrivere.

La storia, poi, è stata cattiva con lui e in molti lo hanno dimenticato: sulle magliette dei ragazzini è finito quell’assassino di Che Guevara e non lui. Noi no e il primo pensiero dell’anno va a lui e al sacrificio della torcia umana numero uno.

Alessandro Gnocchi, 1 gennaio 2019