in

La ballata del 2 giugno per la libertà ritrovata

Dimensioni testo

Festeggio il due giugno venti venti con una ballata./Jacopo compie 11 anni./La Repubblica ne compie 74 anni./ È il nostro Natale laico./La festa di tutti./Da noi sopravvissuti una prece/a quelli che ci hanno lasciato./Non è stato giusto perderli così. Addio virus, figlio del Regno di Mezzo./Molti ti vogliono morto./Vogliono che torni a Wuhan,/nella grotta dei pipistrelli, da dove sei partito./Migrante e mutante in cerca di fortuna./Vogliono che ti seppelliscano a Xi’an,/a fianco dei mitici guerrieri di terracotta.

Non succederà presto, vedrai./Uno spezzone di vita ti attende ancora. I potenti del mondo hanno bisogno di te./Senza di te dovrebbero scendere dalla giostra./Senza di loro, noi rialzeremmo la testa./Torneremmo a guardare il cielo./A specchiarci nel mare./A rifugiarci sotto l’ombra di un albero./Ad accarezzare i figli, i nipoti./A baciare. Dalla giostra non scenderanno.

Anche i virologi vogliono tenerti vivo./Si augurano una tua seconda vita,/poi una terza, una quarta./Solo i medici, gli infermieri, ti combattono./Brutta bestia il palcoscenico. Così i media, prima erano smunti, cadaverici./Ora sono rifioriti, sono eccitati./Leggi i loro fogli, guarda i loro talk./Immagina cosa sarebbero senza di te. E i potenti?/ Si sono innamorati di te./Parlano solo di te/Vogliono essere tamponati, ogni giorno./“Non più autisti ma ciclisti”./Cosa mai vorrà dire?/“Mantenete sempre le distanze.”/Cosa mai vorrà dire?/Sentimenti a distanza?/Amore a distanza?

Che mondo sarebbe? “Dovremo convivere con lui”, dicono/Dov’è il problema?/La minaccia siete voi, non il virus. Convivere è vivere. Se non sai convivere sei una bestia./Dov’è il problema?/Sono convissuto con fascisti, con nazisti, con comunisti./Da anni convivo con ceo-capitalisti./Il Virus ora li ha incattiviti./ Tranquilli, presto arriverà il mitico rimbalzo./Ce la farete, anche questa volta. Convivo con il mio carcinoma, con la vecchiaia, di mia moglie e mia./Certe volte una profonda stanchezza mi assale./Penso allora al mio amato Zafferano./È così giovane, così tenero, così solare./ Subito torno pimpante./Figuriamoci se non convivo con un virus./Mi ricorda il quadrifoglio,/nella tradizione celtica non andava raccolto. Pena un maleficio./Sono un vecchio felice./Il Virus non ha scalfito il mio approccio alla vita./Anzi, mi ha dato più energie.

Il 9 febbraio 1986 ho visto l’ultimo perielio della Cometa di Halley./Che emozione!/Il prossimo sarà il 26 luglio 2061, lo vedranno i miei nipoti./Esattamente 100 anni prima i loro nonni si erano sposati,/nella chiesa della Madonna degli Angeli./ Qui, 200 anni prima, si svolsero le esequie di Cavour. E loro vedranno la cometa!/Non è meravigliosa la vita?/È bella perché non finisce mai. È così, non finisce mai./Noi siamo mortali, non lo è la vita. Ho convissuto con papa Wojtyla e con papa Ratzinger./Per 35 anni mi hanno protetto, rassicurato./Mi hanno stimolato a essere migliore./Sono stati i miei Maestri, al contempo laici e religiosi./Gli unici di cui, da apòta, mi sono fidato.

Papa Wojtyla ha scritto, riferendosi agli orrori del Novecento:/“Ho visto il Male e non lo dimentico”./Anche per me è stato così, convivere non significa non vedere,/ non dimenticare, non difendersi, non ribellarsi./Papa Ratzinger ha visto i nuovi orrori che andavano configurandosi./Per questo l’hanno trasformato in un’ombra umana./Come quella vista su un muro a Hiroshima./Lui mi ha aperto gli occhi: ora so cos’è, e sarà, il Ceo capitalism./Un cocktail colorato con tracce di metanolo./A differenza dei suoi tre padri, questo non usa le armi per imporsi./Usa la menzogna, l’inganno, il ricatto./Usa le fake news istituzionali, le fake truth, media devoti./Usa il terrore psicologico./Si è inventato il lockdown.

E poi, la strategia della “pausa”./Che oscena genialata!/ Ci mettono in pausa./Per rubarci il futuro./Per rubarci l’amore./Per rubarci l’anima./Con la minaccia del Virus,/aprono o chiudono il lockdown, a loro piacimento./Castrando la giovinezza, spegnendo la vecchiezza./Siamo perennemente impauriti./Anticamera dell’essere servi./Manovrando quel rubinetto, danno o tolgono la libertà./Quando lo chiuderanno per sempre, saremo zombie./Lo zoo come lager, come gulag.