in

La blogger di cucina smentisce il Corriere

Dimensioni testo

Non si sa se per solleticare la reazione degli italiani, tradizionalmente suscettibili quando le loro tradizioni culinarie sono minacciate da contaminazioni straniere e assalti del politicamente corretto, o proprio per star dietro alle tendenze deliranti del buonismo in salsa rosa. Fatto sta che il Corriere ha pubblicato un pezzo su Nigella Lawson, celebre giornalista britannica e conduttrice di programmi dedicati alla cucina. Nel titolo, un virgolettato sconcertante, attribuito proprio alla Lawson: “Non chiamiamoli più spaghetti alla puttanesca, è offensivo”, aggettivo poi trasformato in “sgradevole”.

Già, perché Nigella, nel frattempo, aveva ritwittato l’articolo, commentandolo con un secco “Non è vero”. Insomma, la giornalista d’Oltremanica smentiva seccamente la frase attribuitale dal Corriere: nessun tentativo di rendere il celeberrimo spaghetto un po’ più “femministicamente corretto”. Sul suo sito, la Lawson raccontava della sua decisione di cambiar nome alla ricetta: da spaghetti alla puttanesca a spaghetti degli sciattoni o degli svogliati, perché si tratta del “tipico piatto cucinato da quelli che non vanno al mercato per procurarsi i loro ingredienti freschi, ma sono felici di usare cose in lattina e spezie in barattoli dalla dispensa”. Nel testo, Nigella non faceva riferimento ad alcuna connotazione offensiva dell’espressione “alla puttanesca”, né affermava di voler ribattezzare la ricetta per non urtare la sensibilità delle signore. Il quotidiano di via Solferino ha ragionato per analogia, evidenziando che, pochi giorni prima, Lawson aveva cambiato il nome dei lamponi con gelatina allo Chardonnay, detti, in inglese, della “sgualdrina”, proprio per evitare l’utilizzo di questo termine dalla “connotazione grossolana e spiacevole”. A quanto pare, però, la Lawson non aveva alcuna intenzione di manipolare l’italianissimo spaghetto. Dopo le figuracce rimediate nello sport dagli inglesi, stavolta è toccato a un quotidiano italiano farsi segnare un gol a porta vuota…