in

La Cappa (Marcello Veneziani)

Il libro di Marcello Veneziani è un balsamo contro tutte le mode del nostro tempo

marcello veneziani la cappa

Dimensioni testo

Nel mondo della produzione editoriale può avvenire di tutto, persino che il generale Figliuolo scriva un libro. Ma una cosa non avverrà mai e cioè che Marcello Veneziani possa scrivere delle banalità. La sua Cappa (per una critica del presente) non solo è originale, ma si permette di essere persino coraggioso. Oddio, forse questo termine è davvero un po’ banale per una recensione. Ma leggere questo libro è un balsamo. Prendete tutte le mode che vi stanno sonoramente sulle scatole e leggetele ribaltate nella Cappa. Dall’ambiente alla fluidità sessuale, dalla religione al politicamente corretto. «La Cappa oscura ogni trascendenza, ogni passato e futuro; il passato sopravvive al più come colpa, rimorso, minaccia. Non c’è un colpevole o una cricca di colpevoli a cui far risalire tutto, non c’è un disegno o una centrale che dispone le sorti in una specie di pianificazione nefasta Il vigente dispositivo non deriva da un despota. È ineffabile e perciò inespugnabile, come un algoritmo. Virale».

E la crisi sanitaria, continua Veneziani, entra in questo processo di annichilimento della nostra intelligenza occidentale: «Ne ha ampliato e accelerato il corso. Un po’ come il Clima, è un’oppressione ineffabile». Non esiste più la natura «al suo posto ci presenta un trompe l’oeil ribattezzato ambiente». È diventato un modo di pensare che forse non ha un’origine, ma certamente un colpevole tanto poco individuabile, quando diffuso: «L’ambientalismo fanatico difende a spada tratta l’integrità genetica della carota o di un frutto, un ortaggio dalle manipolazioni ogm; ma guai a obiettare qualcosa alle modificazioni genetiche dell’uomo». Stupendo il modo in cui ridicolizza le marcette dei giovani studenti per il Clima e l’arroganza della ragazzina (Greta) «inventata dalla Macchina mondiale del Racconto Globale a Senso Unico». Caustico sulla guerra civile tra sessi, che finirà, forse, inevitabilmente con la definitiva resa del maschio: Bruchner aggiungerebbe, etero, cristiano e occidentale: il capro espiatorio per tutto.

Il capitolo che riguarda la salute pubblica è formidabile. Vi basti l’antipasto, affatto scontato: «Nel nome della salute in pericolo è stato possibile revocare le libertà, sospendere i diritti elementari, la Costituzione e la democrazia, imporre misure restrittive compreso il coprifuoco». Veneziani, come chi scrive, va al nocciolo, non disconosce evidentemente la necessità della profilassi, ma è spaventato dal fatto «che prende corpo il rischio di nuove quarantene periodiche e nuove carcerazioni preventive di massa».

Un incubo che fa sentire tutti noi sotto una Cappa.

Nicola Porro, Il Giornale 20 febbraio 2022