Commenti all'articolo La didattica a distanza è un fiasco

Torna all'articolo
Avatar
guest
35 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giovanni Gozzi
Giovanni Gozzi
30 Ottobre 2020 19:52

Fra qualche anno dovremmo vedere la differenza fra la scuola e la dad: forse quest’ultima non li riempie di ideologie. Vedremo.

Francesca
Francesca
29 Ottobre 2020 14:20

Indubbiamente a scuola si impara molto meglio che non di fronte ad un monitor, manca la socialità di cui i ns figli hanno bisogno e il rapporto diretto col docente. A scuola è difficile contrarre il virus, sono regolamentati più che in caserma (si entra di qui si esce di là, ricreazioni divise pet fasce orarie ecc…). Il vero problema sono i trasporti x raggiungere la scuola, pochi e affollati, orde di ragazzini ammassati anche alla fermata d’autobus con mascherine utiluzzate a volte in modo improprio. Ma nessuno controlla? Perché invece di multare il poveretto che deve lasciare due minuti l’auti in divieto di sosta i vigili non vanno all’uscita degli istituti superiori per vedere come sono combinati questi ragazzi? Con tante imprese di trasporto privato al collasso, a causa dei tour operator fermi x questo virus, perché i ns amministratori non hanno pensato di appaltare parte drl trasporto delle ore di punta a queste aziende, magari con tariffe fisse x tutta Italia? Magari non rischiavano di chiudere x inattività e i loro dipendenti avrebbero avuto uni stipendio intero invece di un 60% con la cig, con un po’ di risparmio x le casse dell’INPS. Ma io sono solamente una mamma, con figlia in prima superiore che tutti i giorni accompagno a scuola per evitare che prenda l’autobus……

Patti
Patti
29 Ottobre 2020 11:23

Io resto sempre più del parere che tutta questa situazione che da mesi si continua a definire “caos”, “mancanza di preparazione del governo” e simili sia ,invece, BEN CALCOLATA. Troppe tessere mancanti (e importanti) in questo grande e mondiale puzzle pandemico dove, i dati stranamente impennano vorticosamente di contagiati asintomatici (costretti ugualmente ai domiciliari) e dove da mesi si pensa ad inseguire,stanare i positivi (spesso anche falsi positivi) anziché preoccuparsi, semmai, di chi REALMENTE sta male…anche senza covid…
Prepariamoci perché da quanto si annusa fuori c’è olezzo di ennesimo lockdown…che conte non vorrebbe ma che ahimè è “costretto” a fare…perché siamo tutti cattivi e disobbedienti…ma il vaccino salverà il mondo, anche se a morire di vaccino (obbligatorio a breve…) saranno in tanti…

APRIAMO GLI OCCHI CHE CI VOGLIONO CIECHI E IGNORANTI

Marina Vb
Marina Vb
29 Ottobre 2020 10:25

Credo sia pericoloso mandare a scuola un figlio anche in periodo covid free.
Illuminante il pensiero di una insegnante (tale Lorena Verucchi) osannata dal fenomeno letterario dell’anno, tale Andrea Scanzi, figlio del Dio minore tale Travaglio.
È da leggere quel tweet per capire a chi vengono affidati i ragazzi.
Anche in questo sito abbiamo potuto apprezzare il pensiero il linguaggio di chi è deputato a trasmettere cultura, valori.
E siccome quando mi scontro con certe persone ne assorbo tutta la bassezza umana di cui sono capaci spero che la signora in questione si strozzi con uno dei pop corn che vorrebbe mangiare mentre vede morire di covid chi non ha sposato il decalogo della paura.