in

La filosofia inquietante della grillina Castelli - Seconda parte

Dimensioni testo

Il mondo virtuale, sostenibile, verde e digitale, sobrio e decrescista, che si ha in mente, e che si vorrebbe imporre o facilitare per “decreto” o per “bonus fiscali” (e già solo questo è indice di scarsa o nulla cultura d’impresa) è un mondo ove tutto è ridotto al minimo e a livellato al ribasso, compreso direi l’uso delle sinapsi del cervello che sicuramente non è riducibile ad un algoritmo. Una sola soddisfazione: chi scrive ha ricominciato a frequentare i ristoranti da qualche settimana e li ha trovati pieni e gioiosi, come e più di prima, tutto il contrario dell’universo lugubre e triste che qualcuno vuole prospettarci. Ne deduce che per fortuna gli italiani hanno molto più buon senso di coloro da cui sono rappresentati e hanno già risposto coi fatti a chi parla a vanvera.

Corrado Ocone, 19 luglio 2020