in

“La fornitura di gas verrà interrotta”. Cosa ha spinto Putin a rompere con l’Ue

Ecco il discorso di Putin in cui spiega il perché della mossa di imporre in rubli il pagamento del gas russo

putin gas(1)

Dimensioni testo

Pubblichiamo il discorso con cui Putin ha annunciato la decisione di obbligare gli Stati acquirenti a pagare il gas russo in rubli da donami, pena la chiusura dei rubinetti. Una mossa che ha scatenato la reazione di Francia e Germania (“non ci faremo ricattare”) ma che può provocare riduzioni nella importazione di gas dalla Russia. E dunque un aumento del prezzo dell’energia.


“Colleghi, buon pomeriggio!

Oggi ho firmato un decreto che stabilisce le regole per lo scambio di gas naturale russo con i cosiddetti stati ostili. Offriamo alle controparti di tali paesi uno schema chiaro e trasparente. Per acquistare gas naturale russo, devono aprire conti in rubli nelle banche russe. Sono questi conti che verranno utilizzati per pagare il gas consegnato a partire da domani, dal 1 aprile di quest’anno.

Se tali pagamenti non vengono effettuati, lo considereremo un inadempimento da parte degli acquirenti, con tutte le conseguenze del caso. Nessuno ci vende nulla gratuitamente e non faremo nemmeno beneficenza. Cioè, i contratti esistenti verranno interrotti.

Sottolineo ancora: in una situazione in cui il sistema finanziario dei paesi occidentali viene utilizzato come un’arma, quando le aziende di questi paesi si rifiutano di adempiere ai contratti con banche, imprese e individui russi, quando i beni in dollari ed euro vengono congelati, non ha senso utilizzare le valute di questi paesi.

Cosa sta realmente accadendo, cosa è già successo? Abbiamo fornito ai consumatori europei le nostre risorse, in questo caso il gas. Lo hanno ricevuto, ci hanno pagato in euro, che poi li hanno congelati. A questo proposito, vi sono tutte le ragioni per ritenere che abbiamo consegnato una parte del gas consegnato in Europa praticamente a titolo gratuito.

Quindi, ovviamente, si tratta di una situazione che non può continuare. Inoltre, in caso di ulteriori forniture di gas e del loro pagamento secondo lo schema tradizionale, potrebbero essere bloccate anche nuove entrate finanziarie in euro o dollari. Un tale sviluppo della situazione è del tutto prevedibile, soprattutto perché alcuni politici in Occidente ne parlano, ne parlano pubblicamente. Allo stesso modo, inoltre, parlano i capi di governo dei paesi dell’UE. I rischi dell’attuale stato di cose sono, ovviamente, per noi inaccettabili.

E se si guarda alla questione nel suo insieme, il trasferimento dei pagamenti per le forniture di gas russo ai rubli russi è un passo importante verso il rafforzamento della nostra sovranità finanziaria ed economica. Continueremo a muoverci in questa direzione in modo coerente e sistematico nell’ambito di un piano a lungo termine, per aumentare la quota di transazioni nel commercio estero nella valuta nazionale e nelle valute di quei paesi che sono partner affidabili.

A proposito, probabilmente avrete sentito dire che molti fornitori tradizionali di risorse energetiche al mercato mondiale parlano anche della diversificazione delle valute di regolamento. Ripeto ancora: la Russia tiene conto della sua reputazione commerciale. Rispettiamo e continueremo a rispettare gli obblighi previsti da tutti i contratti, compresi i contratti gas, continueremo a fornire gas nei volumi prescritti, voglio sottolinearlo, e ai prezzi specificati nei contratti a lungo termine esistenti.

Inoltre, vorrei sottolineare che questi prezzi sono parecchie volte inferiori alle attuali quotazioni del mercato spot. Cosa significa questo? In poche parole, il gas russo è meno costoso per l’energia, i riscaldamenti e la luce nelle case degli europei, rende accessibile il prezzo dei fertilizzanti per gli agricoltori europei e, di conseguenza, dei prodotti alimentari. Da questo dipende la competitività delle imprese europee, e quindi gli stipendi degli europei.