in

“La fornitura di gas verrà interrotta”. Cosa ha spinto Putin a rompere con l’Ue - Seconda parte

Ecco il discorso di Putin in cui spiega il perché della mossa di imporre in rubli il pagamento del gas russo

Dimensioni testo

: - :

Tuttavia, a giudicare dalle dichiarazioni dei singoli politici, sono pronti a trascurare gli interessi dei loro cittadini, solo per compiacere il loro padrone d’oltremare, il signore supremo (gli Usa, ndr). Una sorta di populismo al rovescio: le persone sono incoraggiate a mangiare di meno, a vestirsi più caldi per risparmiare sul riscaldamento, a rifiutarsi di viaggiare.

Da più di un anno osserviamo approcci e azioni così dubbi nelle politiche economiche, energetiche e alimentari da parte dei paesi occidentali. Per inciso, alla crisi alimentare seguirà inevitabilmente l’ennesima ondata migratoria, anche e soprattutto verso i paesi europei.

Eppure, passo dopo passo, vengono prese decisioni che stanno spingendo l’economia mondiale in crisi, interrompendo i legami industriali e logistici, portando a una maggiore inflazione globale e disuguaglianza, abbassando il benessere di milioni di persone, e nei paesi più poveri – I hanno già detto questo alla tragedia della fame di massa.

Naturalmente sorge la domanda: chi ne è responsabile? Chi sarà responsabile di questo?

È chiaro che gli Stati Uniti cercheranno ancora una volta di risolvere i propri problemi a spese di qualcun altro. In America l’inflazione è cresciuta in modo esorbitante e sta battendo ogni record nelle principali economie occidentali. E allo stesso tempo cercano di incolpare noi dei loro errori di politica economica, cercano sempre qualcuno da incolpare. È abbastanza ovvio, lo vediamo.

Aggiungo che gli Stati Uniti cercheranno ancora di trarre vantaggio dall’attuale instabilità globale, come hanno fatto durante la prima e la seconda guerra mondiale, durante le loro aggressioni contro la Jugoslavia, l’Iraq, la Siria e così via. I mercati globali stanno crollando e il valore delle azioni delle società del complesso militare-industriale statunitense sta solo crescendo. Il capitale sta fluendo negli Stati Uniti, privando altre regioni del mondo di risorse per lo sviluppo.

Inoltre, gli Usa tentano con tutti i mezzi di portare l’Europa nel sistema del costoso gas liquefatto americano. Di conseguenza, gli europei non solo sono costretti a sborsare, ma, di fatto, minano con le proprie mani la competitività delle aziende europee, rimuovendole dal mercato globale. Per l’Europa, questo significa de-industrializzazione su larga scala e la perdita di milioni di posti di lavoro e, sullo sfondo, l’aumento dei prezzi di cibo, benzina, elettricità, alloggi e servizi comunali. Significa cioè un drastico calo del tenore di vita dei cittadini.

È questo prezzo che le élite occidentali al potere stanno offrendo, come ho già detto, per le loro ambizioni e azioni miopi sia in politica che in economia, compresa la guerra economica che stanno cercando di scatenare contro la Russia, o, si potrebbe dire, che hanno già scatenato.

Non è iniziato ora, non nell’ultimo mese. Sanzioni e restrizioni illegittime sono state imposte costantemente, per molti anni, contro il nostro Paese. Il loro obiettivo è frenare lo sviluppo della Russia, minare la nostra sovranità, indebolire il potenziale nella produzione, nella finanza, nella tecnologia.

Ripeto, tutte queste sanzioni sono state preparate in anticipo, sarebbero state comunque introdotte, lo voglio sottolineare. In realtà, queste sono sanzioni per il nostro diritto alla libertà, per il diritto all’indipendenza, per il diritto ad essere la Russia. Per il fatto che non vogliamo ballare sulla musica di qualcun altro, sacrificare i nostri interessi nazionali e valori tradizionali.

L’Occidente collettivo non abbandonerà la politica di pressione economica sulla Russia. Inoltre, naturalmente, cercherà sempre più ragioni per le sanzioni, vale a dire ragioni. Pertanto, non vale la pena contare su un cambiamento di questi approcci, almeno nel prossimo futuro.

A questo proposito, chiedo al Governo, alla Banca di Russia, agli enti costitutivi della Federazione, di organizzare un lavoro sistematico per lo sviluppo dell’economia e dei suoi singoli settori, di concentrarsi sul fatto che chi sanziona il nostro Paese, come fatto nei decenni precedenti, continuerà a farlo. Questa è la realtà oggettiva.

Cosa ritengo importante notare qui e chiedervi di attirare l’attenzione di tutti i colleghi su questo? Considerando la situazione in ogni settore specifico, area, dobbiamo concentrarci non solo sul superamento delle sfide dell’anno in corso, ma anche costruire piani di sviluppo a lungo termine basati sulle capacità interne della nostra economia, della scienza russa e del sistema educativo. Dobbiamo fare affidamento principalmente sull’iniziativa imprenditoriale privata e su una sana concorrenza, sforzarci di massimizzare l’utilizzo delle nostre imprese, creare nuove competenze e aumentare la competitività globale della Russia nel suo insieme.

Allo stesso tempo, gli indicatori chiave dell’efficacia della politica economica per noi dovrebbero essere la conservazione e la creazione di posti di lavoro, la riduzione della povertà e delle disuguaglianze, il miglioramento della qualità della vita delle persone, la disponibilità di beni e servizi. È con questi requisiti in mente che la scorsa settimana abbiamo discusso la situazione nel settore delle costruzioni e dell’edilizia abitativa.

Vladimir Putin, 31 marzo 2022