La mossa di Nancy Pelosi per far fuori Trump

Condividi questo articolo


di Mauro della Porta Raffo

Il precedente. Nella oramai lunga storia delle istituzioni americane si trovano precedenti ad ogni riguardo. Come ho notato, oggi, dando il via alla procedura del secondo Impeachment (un record per quanto concerne un Presidente) di Trump, l’intento dei democratici non è quello di destituirlo ma di eliminarlo dai giochi futuri. La destituzione difatti – considerando che un eventuale giudizio senatoriale in tale direzione arriverebbe senza dubbio dopo il 20 gennaio – non sarebbe possibile essendo appunto da quella data il tycoon non più in carica.

Di contro, stando al completo disposto dell’articolo 1, sezione 3, ultimo comma della Carta, ulteriore conseguenza di una simile “condanna” sarebbe “l’interdizione dal tenere e godere qualsiasi carica…”. Orbene, il precedente del quale ho parlato, che risale al 1876, riguarda non un Capo dello Stato (l’Impeachment può essere usato – e così è avvenuto in molte occasioni – nei confronti dei cosiddetti ‘funzionari’, di giudici, eccetera) ma l’ex Segretario alla Guerra William Belknap.

Dimessosi il 2 marzo proprio al fine di evitare che il procedimento prendesse il via, fu ugualmente perseguito non essendo stato ritenuto il suo gesto determinante nella prospettiva appunto dell’interdizione. Per la storia, Belknap se la cavò perché nella votazione in Senato non fu raggiunta la necessaria maggioranza dei due terzi.
Nancy Pelosi e i suoi – come si vede – agendo, guardano più lontano: condannandolo, a togliere di mezzo Trump per sempre!

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


11 Commenti

Scrivi un commento
  1. Come tutti i sinistri e questa vecchia megera lo conferma, studiano tutti i mezzi soprattutto illeciti (vedi elezioni falsate) per far fuori un avversario. E il mondo lecca loro il cu……dimenticando totalmente i saccheggi, gli incendi e le violenze scatenate da queste finte verginelle in tutti gli stati americani quando Trump venne LEGITTIMAMENTE eletto…….ma a chi si definisce democratico e in realtà è del più bieco fascismo rosso, tutto è concesso………….

    • Assolutamente d’accordo. Ma la Pelosi la vedo molto più mossa dall’acredine, che dal ragionamento e dal calcolo politico, che semmai viene dopo, molto dopo.
      Inoltre aggiungo un altro elemento: i repubblicani.

      C’è una parte di loro che sta facendo lo stesso calcolo dei Dem: eliminare Trump dalla politica, in quanto ha attratto il loro elettorato e lo ha cementato, tanto da essersi creato spontaneamente il “trumpismo.” Molta gente non solo tipicamente repubblicana (sembrerebbe anche una inaspettata parte di afroamericani) ha molto apprezzato Trump e questo preoccupa certi parrucconi, sia a sinistra che a destra. Ecco perché la “scampagnata” (perché non chiamiamolo assalto, altrimenti i vari G8 di Genova e altre chicche nostrane, anche i “semplici” attacchi in Val di Susa, sono III e IV guerre mondiali a confronto) a Capitol Hill è perfettamente funzionale a questa strategia. Sicuramente è l’epilogo felice di 4 anni di gioco al massacro (a cui a volte, purtroppo, Trump ha anche offerto stupidamente ed ingenuamente il fianco) di politica Dem e stampa (e social media) compiacente (praticamente unanime), al di là ed al di qua dell’oceano.

      E a proposito della stampa, Trump a parte, devo che sarà stato forse il Covid o quest’aria di impunità del Governo Conte, che può “deforestare” la “Costituzione più bella del mondo” senza temere alcunché, anzi, quasi con l’incitamento estasiato dei “giornaloni,” che si sono trasformati in sponsor del Presidente più Azzeccagarbugli della storia della Repubblica italiana. Un avvocato che si è comportato da avvocato, non decidendo, ma delegando, avvalendosi di periti ed in base alle perizie, agendo di conseguenza, piatto come un comune burocrate quale è, a parte il suo narcisismo mediatico da sfoggiatore compulsivo di pochette.

      E pensare che un anno e mezzo fa si parlava, su quegli stessi giornaloni che ora letteralmente si “bagnano” per Conte,
      della smania di apparire e dei “pieni poteri” di Salvini, che attentava alla democrazia… La coerenza di certa stampa è solida come un banco di sabbia. Come quello in cui si sta incagliando l’Italia. Anzi: ci si è incagliata da tempo. Almeno da “Mani Pulite”: ricordo che i 5 stelle, Grillo a parte (che raccolse solo il testimone), provengono da lì, dal “dipietrismo” che creò l’Italia dei Valori che aprì la strada alla sinistra anarco-manettara filo PM e magistrati di “correnti” particolari (per non dire “di dubbia costituzionalità)
      che abbiamo oggi. Il tipo di sinistra che… “se non ti batto, ti abbatto.” Berlusconi docet. Ed ora, i colleghi manettari d’oltreoceano, applicano la regola a Trump.

  2. @Nella Una manifestazione pro o contro qualcuno… meglio se autorizzata, non dovrebbe, non deve, di solito gli viene impedito di entrare in alcuni determinati luoghi/zone tanto piu` se quei luoghi sono i Templi della Democraziabe se poi in quei luoghi sono in corso solenni/importanti momenti Democratici ancora meno.. che era quallo che in quel momento a Capitol Hill si stava svolgendo. Di solito (in giorni normali) e` difeso da migliaia di agenti… guarda caso quel giorno con in corso un solenne momento celebrativo della Democrazia e si sapeva ci sarebbero state manifestazioni diciamo vivaci, quel luogo quel giorno era sguarnito di FFOO atte a proteggerlo, i manifestanti entrano +o- facilmente sembra addirittura che alcuni agenti gli agevolino l’entrata e scattano selfie con i manifestanti e con invece i parlamentari tutti costretti a rifugiarsi in stanze sicure… Alcuni rivoltosi urlano dov’e` Pence, dov`e` Pelosi e non avevano buoni propositi, alcuni erano armati, altri avevano fascette/manette… hanno eretto un forca nel giardino di Capitol Hill… un agente e` morto… E lei la chiama semplice manifestazione… Diciamo che Trump ha eccitato gli animi, ha fatto pressione su Pence affinché non riconoscesse l’esito elettorale … e pur potendo immaginare/vedere (la Casa Bianca e` li` vicino) cosa stesse succedendo… Non si e`preoccupato minimamente ne`dei suoi parlamentari ne` di Pence ne` tantomeno degli altri… E il tutto non e` durato pochi minuti ma 3 o 4 ore… perche` non e` arrivata nessuna FFOO a cacciare i manifestanti? Non e` stato un colpo di stato dice lei…o un tentato colpo di stato ad opera presidenziale ma Chiamarla una semplice manifestazione non le sembra un po`riduttivo? Trump concorreva per la Presidenza ha perso LEGALMENTE, lui ha pensato, pensa, ha detto, dice che ci sono stati brogli ha fatto decine e decine di ricorsi con i migliori avvocati, TUTTI I GIUDICI A CUI HA PRESENTATO RICORSO MOLTI FORSE LA MAGGIORANZA DI NOMINA REPUBBLICANA O ADDIRITTURA TRUMPIANA GLI HANNO DETTO CHE NO, NON CI SONO STATI BROGLI CHE LA VITTORIA DI BIDEN E` LEGGITTIMA, LEGALE GLIE L’HA DETTO ANCHE LA CORTE SUPREMA ALL’UNANIMITA 9 SU 9 E 6 SONO REPUBBLICANI DI CUI 3 GLI HA NOMINATI LUI.
    BASTA! HA PERSO…SI RIPRESENTA TRA 4 ANNI E SI BATTE PER VINCERE.
    E NON E` LA FINE DEL MONDO…la vittoria di Biden.

    • E’ sempre triste vedere commenti su cose lette con occhi che vedono solo quello che è conferme alla loro corrente politica.
      Essendo passato da sx quando giovane, al pensiero politico di centro, valutando solo il valore della proposta, non dalla provenienza, mi rendo conto che molti hanno la mentalità calcistica.
      Seguendo tantissimi canali USA in lingua originale e avendo parenti negli USA di tutte duele parti, posso osservare commenti basati su informazioni che “paolospicchidi” vorrebbero fosse la realtà. Purtroppo non è così.
      Non procedo oltre, perché non cambierebbe quanto lui ha scritto.

    • @paolospicchidi@
      Oltre quello già detto, se conosce l’Inglese a sufficienza, le consiglio di ascoltare il LINK ….
      https://www.youtube.com/watch?v=Zs4ePqmTC3c

      e capirà che non si può usare misure diverse per giudicare due opinioni diverse. Saluti a buna riflessione.

    • @Nella la informo che non pochi repubblicani sono per l’impeachent… del folle Trump… sotto trova dei ieri post ben documentati. Cmq…

      • E le follie dei Democratici, che hanno accettato i disordini e distruzioni di proprietà a Seattle, ecc.?
        Dovreste documentarsi meglio ( non in modo superficiale o di solo una parte ).
        Saluti imparziali.

  3. Incredibile mainstream: “Trump come Hitler” (Gad Lerner – Schwarzenegger). “Colpo di stato”: mediante sollevazione popolare armata di elmi vichinghi e bandiere americane. “Irruzione in parlamento”: eroicamente fermata con colpo di pistola a una white live matter, di cui non frega a nessun progressista (peccato non fosse black) . In quattro anni, di fronte al comportamento sempre unitivo e conciliativo dei dem (p.es. la Pelosi che strappa il discorso presidenziale, un inpeachment assurdo) abbiamo visto le truppe di Trump armarsi di ogni tipo di arma da guerra, in vista dell’assalto con le corna di bue.
    Non si hanno notizie di camice nere. Solo di black live matters regolarmente sparati da poliziotti dipendenti da governanti democratici. Intanto l’economia andava a gonfie vele, e la politica estera risultava singolarmente meno guerresca di quella del Nobel per la pace preventivo Obama. Awoman, cari amici. Saluti alle fake news! (un tempo, balle!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *