in

La Sardina del caso Sondrio voleva la Gelmini morta

Scusate scusate, fatemi capire. Quindi la Sardina che ha confezionato l’affaire inesistente sull’inesistente razzismo di Sondrio ha anche, anni fa, augurato la morte a Maria Stella Gelmini. Di più, ha proprio scritto e condiviso che la voleva vedere stecchita, sul proprio profilo Facebook. Era il 23 settembre 2010, Francesca Gugiatti (questo il nome dell’autrice di un’uscita nient’affatto intrisa fin nelle virgole di quell’odio che lei e i suoi compagni di scampagnate ittiche dicono di voler combattere) era una liceale in sciopero oltranzista contro l’allora ministro dell’Istruzione del Pdl. Ed entusiasticamente sottolineava: “E poi dicono che noi giovani non abbiamo ideali né valori”. Macché, erano traboccanti di idealità, Francesca et similia: “Noi vogliamo morta Maria Stella Gelmini!!!” (i tre punti esclamativi probabilmente servivano per chi poteva scambiare un desiderio concreto per un’iperbole infelice).

Ora, che una liceale abbia chiaro cosa significhino vita e morte, perlomeno nel loro senso meramente corporeo, non lo può negare nemmeno l’osservatore più giustificazionista. Ma al di là dell’età di Francesca al momento del post tanatofilo, è interessante ciò che il suo percorso (in)culturale racconta, dall’oscenità giovanile contro la Gelmini alla denuncia matura perlomeno molto “gonfiata” degli insulti contro la mamma nigeriana che tragicamente aveva appena perso la figlia di 5 mesi (e che se avvenuti ovviamente trattasi di fenomeni di spazzatura inumana, ma ad ora sia il personale ospedaliero che i Carabinieri che il sindaco della città lombarda sostengono non ci siano riscontri).

In sintesi: la vita di una donna bianca, specie se avversaria politica, vale meno. Essì, se Maria Stella Gelmini doveva morire solo perché propugnatrice di una riforma della scuola con cui Francesca e i suoi amici non erano d’accordo, significa che la sua presenza al mondo pesa meno del dolore di quella mamma e della vita di quella figlia, significa che c’è una gerarchia ideologica, se non esplicitamente razziale, delle esistenze, nella mente di questi professionisti dell’antirazzismo permanente.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo