Politica

“Lavora tu, stronz…”. Il video rubato a De Luca: insulti a Meloni

Il governatore della Campania in piazza con i sindaci contro l’Autonomia inveisce contro i poliziotti: “Caricateci”. Poi il fuorionda

L’insulto, gratuito, ai danni di Giorgia Meloni. “Lavora tu, stronz*”. Con queste parole Vincenzo De Luca, governatore della Campania, si rivolge al premier pensando di non essere ripreso da nessuno: “È intollerabile il trattamento riservato a centinaia di sindaci che non hanno i soldi per l’ordinaria amministrazione. Lavora tu, stronz***”. Il riferimento è all’invito che la presidente del Consiglio aveva rivolto all’esponente dem di “andare a lavorare invece di manifestare”.

Il filmato è stato registrato dalle telecamere di La7 che stava raccontando la manifestazione organizzata dallo stesso De Luca con circa 700 tra sindaci e amministratori locali contro il disegno di legge sull’autonomia differenziata e contro il blocco delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione. Già nei giorni scorsi il presidente campano era finito al centro di numerose polemiche per le espressioni volgari riferite sempre contro la leader di FdI e ai suoi ministri (“farabutti”).

A Piazza Colonna, di fronte ai palazzi del Governo, si sono registrati alcuni momenti di tensione con De Luca e i sindaci bloccati dalla cordata di forze dell’ordine su via del Corso. I manifestanti volevano entrare nella piazza per raggiungere Palazzo Chigi ipotesi che, per motivi di ordine pubblico, non era ovviamente possibile mettere in pratica. Un funzionario di polizia ha provato a spiegarlo al capopopolo De Luca, che però non ha sentito ragioni. In un video si vede il governatore sbraitare contro gli agenti: “E allora chiedete che qualcuno venga qui a parlare. Sennò dovete caricarci – urla – Ci dovete uccidere”. Una volta si diceva: sceneggiata napoletana.

Il governatore campano chiedeva un incontro con le istituzioni e a quel punto diversi cori si sono levati dalla piazza: prima “fascisti, fascisti”, per poi intonare Bella Ciao. De Luca è poi riuscito a sostare alcuni minuti di fronte al porte chiuso di Palazzo Chigi (a favor di telecamere) per poi entrare a Montecitorio e in prefettura con una delegazione di partecipanti alla manifestazione della mattinata.

Da Gioia Tauro, dove stava firmando l’intesa sui Fondi di Coesione, Meloni aveva mandato una stilettata verso De Luca: “”Devo ringraziare i presidenti di regione – ha detto – Tutti hanno capito il senso di quello che stiamo facendo, c’è stata una enorme collaborazione, tutti sono collaborativi salvo uno che non è molto collaborativo allo stato attuale. Rispetto per carità, neanche mi stupisce troppo, se si va a guardare il ciclo di programmazione 2014-2020 risulta speso il 24% della spesa, se invece di fare le manifestazioni ci si mettesse a lavorare forse si potrebbe ottenere qualche risultato in più”. Letta questa dichiarazione, De Luca deve essere andato su tutte le furie. Ed è qui che le telecamere di La7, in un contesto informale, lo hanno pizzicato mentre, riferendosi alle parole del premier ha apostrofato la meloni con la volgare frase: “Centinaia di sindaci che stanno qua che non hanno i soldi per l’ordinaria amministrazione – si sente nel video – (e lei dice) ‘lavorà lavora tu, str….”.

Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli