in

Le due anime di Vasco Rossi: il genio e il cretino

vasco rossi

Dimensioni testo

Oltre che vittima di certe leggi finanziarie, il ceto medio è anche da sempre il bersaglio preferito delle rockstar: la vera rockstar non può non oltraggiare la borghesia, perché è proprio per mezzo di questo oltraggio che afferma la propria personalità eccezionale e superumana. È dunque molto curioso che in Italia la rockstar per antonomasia sia stata, e sia, un signor Rossi: anche se poi, nel suo caso, la medietà del cognome è affiancata e riscattata da quel nome di battesimo con pochi precedenti. E basta questa drastica antinomia, in un certo senso, a racchiudere la sua personalità: perché tanto è ordinario, cafone e volgare il signor Rossi quanto Vasco è sensibile e carismatico. Ma non c’è momento in tutta la sua discografia che non sia frutto di questa coabitazione: in ogni album, in ogni canzone, in ogni strofa li ritroviamo entrambi, tanto diversi quanto inseparabili.

Difficile dire se nel suo pezzo forse più famoso, Vita spericolata, ci sia più del Vasco o del signor Rossi. Certo il signor Rossi si fa sentire: quanto è triste, ad esempio, la sua spericolatezza? Farsi un cicchetto al bar sotto le Due Torri a Bologna, e sai che sballo: già la città non è proprio New York, e poi solo qualche pover uomo senza uno straccio di prospettiva potrebbe immaginare quel localino come il crocevia di chissà quali personaggi illustri.

In Vasco Rossi convivono sempre due anime: il genio e il cretino. E nei loro confronti, la critica musicale italiana è passata da un eccesso all’altro: all’inizio ha visto solo il cretino, adesso vede solo il genio. Prima pesavano su Vasco Rossi una serie di vizi capitali e fu abbastanza facile additarlo come simbolo del dilagante qualunquismo. Adesso la rockstar ha scoperto e messo in atto un modo molto semplice per sopravvivere anche senza tessera di partito: vendere. A questo punto la critica musicale, messa con le spalle al muro, fa l’unica mossa possibile per neutralizzare la rockstar: la ingloba. La accetta come cantautore honoris causa, anzi come il più grande cantautore della sua generazione.