Le prove del complotto dei giudici contro Berlusconi

Alcune conversazioni ambientali inchiodano i magistrati di Cassazione che nel 2013 condannarono Silvio Berlusconi per frode fiscale. Il relatore della sentenza, Amedeo Franco (scomparso nel 2019), parla di “plotone d’esecuzione”, di “porcheria” e “condanna a priori”.

Clip tratte da Quarta Repubblica del 29 giugno 2020.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

5 Commenti

Scrivi un commento
  1. Ma in che mani siamo, e gravissimo, bisogna arrestarli tutti, e in più vengono pagati profumatamente,

  2. Quello che non capisco riguarda lo strano “silenzio” che ogni tanto si diffonde in Italia. A suo tempo Berlusconi dichiarò una “santa” affermazione “come mai un contribuente che versa milioni di € allo Stato si perde per pochi spiccioli?”. Silenzio generale. TUTTI sapevano TUTTO molto probabilmente ma nessuno alzava un dito o parlava. Com’è strana un’Italia che fà crescere le “sardine”! Poi sparite ma ora forse stanno riprendendo quota. Succede quanto accade quando un politico dichiara” ho inviato gli ispettori”…MAI ripeto MAI letto, sentito, riferito il risultato dell’ispezione !

  3. Perchè ci meravigliamo di cose che conoscevamo già, tutti sapevamo che esisteva un attacco politico per distruggere Berlusconi, il 1994 ce lo siamo dimenticati? Mancava solo la conferma che ci fosse dentro anche la Magistratura, ora abbiamo ache questa.
    Questo ci dovrebbe anche spiegare il perchè e come mai certa gentaglia, si trovi sempre al Governo. Sono come le zanzare più ne uccidi e più ne escono fuori.

  4. Perchè ci meravigliamo di cose che conoscevamo già, tutti sapevamo che esisteva un attacco politico per distruggere Berlusconi, il 1994 ce lo siamo dimenticati? Mancava solo la conferma che ci fosse anche la Magistratura, ora abbiamo ache questa.
    Questo ci dovrebbe anche spiegare il perchè e come mai certa gentaglia, si trovi sempre al Governo. Sono come le zanzare più ne uccidi e più ne escono fuori.

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *